E’ morto Donald Moffat, attore in “Popeye”, “Uomini veri” e “La cosa” di John Carpenter

E’ scomparso a 87 anni Donald Moffat, attore noto per ruoli in “Popeye”, “Uomini veri” e “La cosa” di John Carpenter.

L’attore Donald Moffat, noto per la sua interpretazione in La cosa di John Carpenter, è scomparso all’età di 87 anni. Moffat si è costruito una solida carriera come attore di teatro prima di approdare a Hollywood, dove è diventato un volto noto grazie a film come Popeye, Uomini veri e Sotto il segno del pericolo.

Il primo ruolo di rilievo di Moffat sul grande schermo risale al 1968 in La prima volta di Jennifer, debutto alla regia di Paul Newman, seguiranno il western A viso aperto (1973), il disaster-movie Terremoto (1974) e il dramma Promises in the Dark (1979).

I ruoli più noti sul grande schermo di Moffat includono il comandante della stazione antartica Garry nel remake del 1982 “La cosa” di John Carpenter e due presidenti americani: il Lyndon Johnson in Uomini veri (1984) e il fittizio presidente Bennett nel sequel Sotto il segno del pericolo (1994).

Altri crediti di Moffat includono Popeye e Tempi migliori in cui recita al fianco di Robin Williams, A proposito di Henry con Harrison Ford, la commedia horror Non aprite quell’armadio, il dramma L’insostenibile leggerezza dell’essere, la commedia Il falò delle vanità di Brian De Palma, il film natalizio Bufera in paradiso con Nicolas Cage e La fortuna di Cookie, terza collaborazione con il regista Robert Altman e ultima apparizione sul grande schermo per l’attore.

 

Filmografia

 

La battaglia di Rio della Plata (The Battle of the River Plate), regia di Michael Powell e Emeric Pressburger (1956) (non accreditato)
La prima volta di Jennifer (Rachel, Rachel), regia di Paul Newman (1968)
R.P.M., regia di Stanley Kramer (1970)
La banda di Jesse James (The Great Northfield Minnesota Raid), regia di Philip Kaufman (1972)
The Trial of the Catonsville Nine, regia di Gordon Davidson (1972)
A viso aperto (Showdown), regia di George Seaton (1973)
L’uomo terminale (The Terminal Man), regia di Mike Hodges (1974)
Terremoto (Earthquake), regia di Mark Robson (1974)
Land of No Return, regia di Kent Bateman (1978)
Promises in the Dark, regia di Jerome Hellman (1979)
On the Nickel, regia di Ralph Waite (1980)
HealtH, regia di Robert Altman (1980)
Popeye – Braccio di ferro (Popeye), regia di Robert Altman (1980)
The White Lions, regia di Mel Stuart (1981)
La cosa (The Thing), regia di John Carpenter (1982)
Uomini veri (The Right Stuff), regia di Philip Kaufman (1983)
Alamo Bay, regia di Louis Malle (1985)
Tempi migliori (The Best of Times ), regia di Roger Spottiswoode (1986)
Non aprite quell’armadio (Monster in the Closet), regia di Bob Dahlin (1986)
L’insostenibile leggerezza dell’essere (The Unbearable Lightness of Being), regia di Philip Kaufman (1988)
Far North, estremo Nord (Far North), regia di Sam Shepard (1988)
Music box – prova d’accusa (Music Box), regia di Costa-Gavras (1989)
Il falò delle vanità (The Bonfire of the Vanities), regia di Brian De Palma (1990)
Conflitto di classe (Class Action), regia di Michael Apted (1991)
A proposito di Henry (Regarding Henry), regia di Mike Nichols (1991)
Moglie a sorpresa (Housesitter), regia di Frank Oz (1992)
Per amore e per vendetta (Love, Cheat & Steal), regia di William Curran (1993)
Sotto il segno del pericolo (Clear and Present Danger), regia di Phillip Noyce (1994)
Bufera in paradiso (Trapped in Paradise), regia di George Gallo (1994)
Conflitti del cuore (The Evening Star), regia di Robert Harling (1996)
Un sorriso come il tuo (A Smile Like Yours), regia di Keith Samples (1997)
The Sleep Room, regia di Anne Wheeler (1998)
La fortuna di Cookie (Cookie’s Fortune), regia di Robert Altman (1999)

 

 

Fonte: New York Times