Mary Poppins 3, il sequel è in lavorazione - parla Rob Marshall

La protagonista, il regista, il produttore e lo studios lo vogliono. Ergo, si farà Mary Poppins 3.

Costato 130 milioni di dollari, Il Ritorno di Mary Poppins ha fino ad oggi incassato 260,691,382 dollari in tutto il mondo. Quanto basta per rientrare delle spese, ma è chiaro che dal sequel Disney era lecito aspettarsi risultati molto più ricchi e convincenti.

Eppure lo studios non abbandonerà il celebre personaggio ideato da P.L. Travers, con un altro sequel in lavorazione. O almeno nelle 'fasi iniziali', come confermato nelle ultime ore al The Sun dal regista Rob Marshall.

'Siamo alle prime fasi, ma posso dire che ci sono otto libri da cui attingere, quindi c'è ancora molto materiale da non perdere. Se c'è un iconico personaggio e un'altra storia da raccontare, perché no?'.

Il produttore del film, John DeLuca, ha invece confermato che Emily Blunt non vede l'ora di ritrovare gli abiti della tata più celebre al mondo.

'Emily si illumina quando ne parla. E se la gente lo vuole, penso che accadrà di nuovo'.

Effettivamente proprio la Blunt, due settimane fa, ha ufficializzato l'intenzione di girare un altro capitolo.

'Voglio essere di nuovo lei. Mi piace interpretarla, è completamente bizzarra e imprevedibile. Quello che mi piace di lei è ciò che Travers ha detto: “Per volare, hai bisogno di qualcosa di solido da cui partire”. Ed è proprio quello che mi piace, è concreta e magica al tempo stesso'.

Nominato a tre Golden Globe, otto Critics Choice Awards e tre BAFTA, Il Ritorno di Mary Poppins aspetta ora il responso Academy, nella speranza che il box office possa ulteriormente arricchirsi. Prima di tornare con il capitolo 3.

  • shares
  • Mail