Stasera in tv: "Big Game - Caccia al Presidente su Italia 1

Italia 1 stasera propone "Big Game - Caccia al Presidente", film d'azione del 2014 diretto da Jalmari Helander e interpretato da Samuel L. Jackson, Onni Tommila, Victor Garber, Ted Levine, Jim Broadbent e Ray Stevenson.

[Per visionare il trailer clicca sull'immagine in alto]

 

Cast e personaggi


Samuel L. Jackson: William Allan Moore, il Presidente
Onni Tommila: Oskari
Felicity Huffman: direttrice della CIA
Victor Garber: il Vicepresidente
Ted Levine: Generale Underwood
Jim Broadbent: Herbert
Ray Stevenson: Agente Morris
Mehmet Kurtuluş: Hazar
Jaymes Butler: Agente Otis
Doppiatori italiani
Luca Ward: William Allan Moore, il Presidente
Mattia Fabiano: Oskari
Roberta Paladini: direttrice della CIA
Luca Biagini: il Vicepresidente
Nino Prester: Generale Underwood
Carlo Valli: Herbert
Fabrizio Pucci: Agente Morris
Alessio Cigliano: Hazar
Emiliano Ragno: Agente Otis

 

Trama e recensione


 

Quando l’Air Force One presidenziale si schianta proprio nella foresta dopo un attacco terroristico, Oskari intraprende una corsa disperata non solo per salvare la sua vita, ma anche quella del Presidente. Dovranno imparare a collaborare se vorranno uscire vivi dalla foresta e dai terroristi. Le differenze tra Oskari e il Presidente sono enormi. Entrambi, però, sono pesci fuor d’acqua, costretti a combattere per sopravvivere in un mondo diverso da quello al quale sono abituati. Quando Oskari incontra per la prima volta il Presidente, teme di non essere in grado di portare a termine la missione, ma si sente più confortato quando si accorge che il Presidente ha paura almeno quanto lui. Così Oskari impara che la paura e il terrore sono sentimenti non da rifuggire ma da affrontare. Resta però una domanda: cosa fare?

 

 

 

Curiosità




  • Le avventure nella natura selvaggia si svolgono nella Lapponia finlandese, ma le riprese in esterni del film provengono in realtà dalle Alpi. Secondo quanto riferito dal regista Jalmari Helander, le vere località della Lapponia non si adattavano alla sua immagine di come doveva apparire lo scenario.

  • Onni Tommila (Oskari) è il vero figlio di Jorma Tommila (il padre di Oskari, Tapio). I due hanno interpretato padre e figlio anche in Trasporto eccezionale - Un racconto di Natale (2010).

  • Lo scrittore e regista Jalmari Helander inizialmente voleva Mel Gibson nel ruolo del Presidente.

  • Molti degli attori finlandesi in questo film sono apparsi anche in un altro film di Jalmari Helander, Trasporto eccezionale - Un racconto di Natale (2010).

  • Ray Stevenson e Samuel L. Jackson sono apparsi nell'universo cinematografico Marvel. Stevenson ha interpretato Volstagg e Jackson ha interpretato Nick Fury. Stevenson ha anche interpretato Frank Castle in Punisher: War Zone (2008), che è un film basato su fumetti Marvel, ma non fa parte dell'universo Cinematografico Marvel.

  • Ci sono un paio di spunti musicali di Alien (1979) usati quando Oskari (Onni Tommila) scopre e apre la capsula di salvataggio.

  • Il PIN per il pod di fuga dei presidenti, "1492", è l'anno in cui Cristoforo Colombo arrivò per la prima volta in Nord America.

  • Le scene con il presidente coperto da una coperta e trasportato da un bambino, con il cielo notturno sullo sfondo, ricorda la scena iconica di E.T., l'extraterrestre, con l'alieno trasportato da Elliot nel cestino della sua bicicletta.

  • Le musiche originali del film sono dei compositori finlandesi Juri Seppä e Miska Seppä, già autori in tandem della colonna sonora di Trasporto eccezionale - Un racconto di Natale.

  • Con un budget di 8.500.000€, è il film finlandese più costoso di sempre.


 

 

[Per guardare il video clicca sull'immagine in alto]

 

 

Note di regia


 

Il fascino e l’interesse di "Big Game" nasce dal contrasto tra due mondi apparentemente agli antipodi: quello della foresta incontaminata e selvaggia e quello del mondo moderno; in ultima analisi è il contrasto tra l’uomo e la natura. La struttura del film segue e riproduce questo dualismo anche nell’opposizione tra la cultura rurale finlandese e quella degli irrealistici e sovradimensionati blockbuster americani. Mi piace molto l’idea di rappresentare un ragazzo molto giovane ma pieno di ideali e di coraggio, alle prese con la terribile ferocia dei terroristi. Il film si svolge principalmente in una foresta enorme e desolata, elemento questo, molto importante ai fini della narrativa. La foresta, con il suo aspetto selvaggio e difficile contribuisce, infatti, a dare al film una dimensione imponente. Come regista e sceneggiatore, ho ritenuto importante che il protagonista fosse finlandese ma, al tempo stesso, volevo che il film riuscisse a superare e le barriere linguistiche Il genere e il tono di BIG GAME sono simili a quelli del mio ultimo film, Trasporto eccezionale - Un racconto di natale; serio, ma con uno humour sottile che pervade l’assurdità della situazione e lo scontro tra due culture, rappresentate da Oskari da un lato e dal Presidente dall’altro. Tale contrasto, insieme agli altri elementi del film, contribuisce a dare al film una dimensione quasi epica. [Jalmari Helander]

 

 

[Per guardare il video clicca sull'immagine in alto]

 

 

 

  • shares
  • Mail