Un uomo tranquillo - Cold Pursuit: red carpet cancellato dopo le dichiarazioni razziste di Liam Neeson

Il red carpet previsto per la premiere di "Un uomo tranquillo" aka "Cold Pursuit" non si terrà a seguito della polemica scaturita da alcuni commenti razzisti di Liam Neeson.

Il red carpet organizzato per la premiere di New York di Un uomo tranquillo (Cold Pursuit) è stato cancellato, in seguito alle recenti dichiarazioni razziste rilasciate da Liam Neeson. Protagonista della serie action Taken e candidato all'Oscar per il ruolo di Oskar Schindler nell'acclamato Schindler's List del 1993, "Un uomo tranquillo" è il nuovo thriller con vendetta dell'attore 66enne.

Ambientato in una piccola città di montagna, "Un uomo tranquillo" segue l'autista di spazzaneve Nels Coxman (Neeson) mentre si lancia in una vendetta contro la banda di trafficanti di droga che ritiene essere responsabile della morte di suo figlio. Il film in procinto di uscire negli States il prossimo 8 febbraio (in Italia il 21 febbraio) è finito al centro di una polemica quando Liam Neeson, durante una recente intervista promozionale per il film, ha ammesso che una volta aveva pianificato di uccidere un uomo di colore a caso in risposta allo stupro di una cara amica.

Da allora questa rivelazione di Neeson è diventata virale e anche se la star d'azione ha avuto il tempo di spiegarsi, il sito Deadline conferma la cancellazione del red carpet di New York, ritenuto poco appropriato in questo momento di polemica, aggiungendo che la premiere invece si terrà come previsto.

Dopo la controversa rivelazione, Neeson è apparso su Good Morning America e ha tentato chiarire la cosa. Neeson insiste sul fatto che non è un razzista e che avrebbe utilizzato la stessa tattica a prescindere dal colore della pelle dello stupratore. L'evento in questione, che ha visto Neeson andare in giro con un manganello "sperando di essere avvicinato da qualcuno", si è verificato circa 40 anni fa. Dopo aver compreso la gravità di ciò che stava per fare, Neeson ha raccontato di essersi rivolto ad un prete e ha sfogato la rabbia con una camminata per cercare di sfuggire a quei pensieri negativi.

Nonostante Neeson abbia cercato di spiegarsi, la dichiarazione resta sconcertante e se ne parlerà ancora per parecchio tempo. Resta il fatto che la confessione dell'attore, che cercava di spiegare lo stato d'animo del suo personaggio nel film, ha davvero spiazzato tutti.

 

 

Fonte: Deadline

 

 

 

  • shares
  • Mail