Scusa ma ti chiamo Amore sbanca il boxoffice italiano mentre negli Usa 3ciento batte Rambo e Cloverfield



Non è stato record, come nel caso di Ho voglia di te che portò a casa 6.264.417 in 3 giorni, ma poco ci manca. Scusa ma ti chiamo Amore conferma il 'fenomeno Moccia', sbancando i botteghini nazionali con 4.631.290,16 euro. 723.348 italiani nel weekend si sono messi in coda per andare a vedere il film con Bova, a conferma di un genere ormai lanciatissimo che avrà chissà quanti seguiti. Inutile accanirci, facciamocene una ragione... d'altronde basta vedere chi ha vinto negli Usa, non che loro stiano messi meglio di noi...

Dietro Moccia resiste benissimo American Gangster, che ha cominciato a carburare arrivando a superare i 6 milioni di euro, mentre Io sono Leggenda si avvicina ai 13 e l'Allenatore nel Pallone 2 agli 8, a conferma di un successo a tutto tondo. Splendida anche la Comencini, che supera i 4 milioni, ma è Into the Wild, tra le nuove uscite, a sorprendere.

Il capolavoro assoluto di Sean Penn, con un numero di sale ridotto, si porta a casa 744.113,72 euro, ammaliando 120.000 italiani. Vergognosamente snobbato dagli Oscar, amato dalla critica e a quanto pare anche dal pubblico, questo è il destino di un film che andrebbe visto per decreto legge. Delusione totale per Aliens vs. Predator 2, con 485,000 euro appena, e Mr.Magorium, con 400,000 euro incassati...

Altra new entry era Non è mai troppo tardi, che si comporta benino, incassando 732.316,09 euro, mentre Alvin Superstar non replica il successo Usa qui da noi, arrivando ad un totale di 2 milioni e 300,000 euro. Prossima settimana altro weekend di uscite ricchissime, dal 'fenomeno' Cloverfield a Woody Allen, con Sogni e Delitti, passando per P.S. I Love You.

E negli States? Cosa è successo? Andiamo a vederlo...


Solo il 5% di voi, al Fantaboxoffice della settimana, aveva predetto questo folle risultato. Tra Rambo e Cloverfield, negli Usa alla fine l'ha spuntata... 3ciento. Il film parodistico si è portato a casa in 3 giorni 18,725,000 dollari, con la più alta media per sala della top ten, pari a 7,188 dollari. Distrutti dalla critica, amati dai teenagers, questo il destino ormai comune di tutti i film parodistici degli ultimi anni, facciamocene una ragione.

Solo secondo si piazza Sly Stallone, con il suo attesissimo Rambo. 18,150,000 dollari incassati, 6,597 dollari la media per sala, sono un risultato superiore all'esordio di Rocky Balboa, che si fermò ai 12 milioni al suo primo weekend, chiudendo però a quota 70 negli Usa, risultato difficilmente raggiungibile da questo violentissimo capitolo del mitico John.

Chi crolla in maniera incredibile è Cloverfield. Il monster movie firmato J.J. Abrams, dopo l'esordio boom della scorsa settimana, perde addirittura il 68% degli incassi, arrivando ad un totale di quasi 65 milioni. Doppiato agevolmente il budget di partenza, preoccupa questo crollo verticale, probabile segno di un passaparola sicuramente non positivo. Impensabile il traguardo dei 100 milioni, facile che si fermi a quota 80-85, per un risultato che sarebbe comunque pazzesco...

Discreto il risultato di 27 Dresses, arrivato zitto zitto ai 45 milioni di dollari, mentre è deludente l'esordio di Untraceable, con 'solo' 11 milioni e una media per sala di 4,729 dollari. Da segnalare come Alvin Superstar e Il mistero delle pagine Perdute siano riusciti a superare la quota dei 200 milioni di dollari, e come Juno, dopo 8 settimane di incassi sempre in crescendo, abbia toccato quota 100 milioni. Con le 4 nominations all'Oscar appena ricevute è la sorpresa dell'anno, e il boxoffice è li a dimostrarlo... complimenti vivissimi a Juno, possibile outsider in vista delle statuette.

Finiamo segnalando il ridicolo esordio di How She Move, con appena 4,158,000 dollari incassati, e una media per sala di 2,715 dollari, e l'entrata nella top 10 de Il Petroliere, arrivato a quota 15 milioni, con ancora meno di 1000 sale a disposizione.

E attenzione al prossimo weekend, c'è Jessica Alba con il suo The Eye!

  • shares
  • Mail
45 commenti Aggiorna
Ordina: