Fratelli Nemici - Close Enemies: trailer italiano del crime-thriller con Matthias Schoenaerts

Fratelli Nemici - Close Enemies: video, trailer, poster, immagini e tutte le informazioni sul film thriller di David Oelhoffen nei cinema italiani dal 28 marzo 2019.

[Per visionare il trailer clicca sull'immagine in alto]

 

Europictures ha reso disponibile un trailer italiano di Fratelli Nemici - Close Enemies, un thriller poliziesco a tinte crime di produzione francese, transitato al Festival di Venezia e in arrivo nei cinema italiani il 28 marzo.

 

La trama ufficiale:

 

Una storia di due vecchi amici d’infanzia, Manuel e Driss (Matthias Schoenaerts e Reda Kateb) che da adulti hanno scelto strade diverse: Driss è ora poliziotto, mentre Manuel è malvivente in una Parigi periferica dove i regolamenti di conti tra famiglie sono all’ordine del giorno. Quando il più grande affare di Manuel va storto, i due si incontrano e si rendono conto di avere bisogno l’uno dell’altro se vogliono sopravvivere nei rispettivi mondi…

 

Il cast del film è completato da Sabrina Ouazani, Nicolas Giraud, Gwendolyn Gourvenec, Adel Bencherif, Marc Barbé, Omar Salim, Yann Goven, Raphaël Magnabosco, Djamel Lazaar e Ahmed Benaissa.

Il regista David Oelhoffen racconta come è nata l'idea del film.

Ho un amico avvocato che aveva importanti trafficanti di droga tra i suoi clienti. Ho pensato che sarebbe stato interessante incontrarli per cercare di capire come le loro vite fossero organizzate concretamente. La maggior parte ha accettato di parlare con me. Ho scoperto il divario tra il modo in cui di solito scandagliamo la vita criminale e di quanto in realtà sia enorme. Ci sono molte aspettative, molta paura e poco romanticismo. Mi ha fatto desiderare di vedere questa stessa realtà dal "lato opposto", all'interno della polizia. Così è nato il progetto. A quel tempo, mi è stato offerto di collaborare alla stesura di L'AFFAIRE SK1, film diretto da Frédéric Tellier su Guy Georges, il primo serial killer mai identificato in Francia. Questa collaborazione nella scrittura mi ha permesso di ampliare le mie conoscenze sull'istituzione. Per capire cosa significasse questa professione. E per creare collegamenti inaspettati. Così ho avuto una documentazione abbastanza unica da entrambi i lati del narcotraffico e ho iniziato a costruire una storia su quel tema.

 

 

L'attore Matthias Schoenaerts (Manuel) racconta cosa gli è piaciuto di questo progetto e del suo personaggio.

Ci sono diverse cose che mi sono piaciute: l'universo, gli attori e il regista. Fratelli Nemici - Close Enemies è una storia che doveva essere raccontata rapidamente e adatta ai film di genere, come la crime fiction. Per quanto riguarda Manuel, io cerco di non definirlo. Non voglio mettere il personaggio in una scatola, ma metterlo fuori dagli schemi. È un essere umano vivente che è organico, che incarna i contrasti. Definirlo è limitarlo. David Oelhoffen porta complessità a quest'uomo che gli altri spesso riducono a un cliché: lo spacciatore o un insulto come "feccia". Prima di essere ciò che rappresenta a livello sociale, questo personaggio è qualcuno che ha bisogno di dare e ricevere amore. La realtà del suo lavoro ha costruito il suo modo di vivere, ma non dice nulla della sua personalità. Quando si definisce qualcosa, si è molto vicini a giudicare. La mia definizione di Manuel è che è il ragazzo più dolce del mondo.

 

L'attore Reda Kateb parla del suo personaggio, il poliziotto Driss.

Driss è un capitano della polizia nella squadra antidroga. È bravo a fare il suo lavoro e adora ciò che fa. Viene da una zona della classe operaia, da un ghetto. Non appena è diventato adulto, ha voluto fuggire da questo ambiente. Diventare poliziotto fa parte di questa fuga e lo ha isolato molto. Lontano dai suoi amici di famiglia e d'infanzia, sembra aver trovato equilibrio all'inizio del film. Vive con sua figlia di 14 anni. La morte del suo amico d'infanzia Imrane, diventato il suo "zio" (il suo informatore), cambierà tutto. Lo costringerà ad affrontare violentemente tutto ciò da cui ha cercato di fuggire, ma anche i suoi demoni, le sue zone grigie, il suo senso di colpa. Soprattutto quando si riunisce con Manuel. Riassumendo, il corso di Driss per tutto il film è quello di qualcuno che torna a casa.

 

 

 

 

  • shares
  • Mail