Charlie Says: nuove clip in italiano del film con Matt Smith nei panni di Charles Manson

Charlie Says: video, trailer, poster, immagini e tutte le informazioni sul dramma biografico di Mary Harron nei cinema italiani dal 22 agosto 2019.

[Per guardare il video clicca sull'immagine in alto]

 

Dopo le tappe alla Mostra del Cinema di Venezia e al Tribeca Film Festival, il 22 agosto esce nelle sale d'Italia, distribuito da No.Mad Entertainment, Charlie Says, un film di Mary Harron (Ho sparato a Andy Warhol; American Psycho), interpretato DA Grace Van Dien nel ruolo di Sharon Tate e Matt Smith (già protagonista della serie Dr Who) nel ruolo di Charles Manson.

"Charlie Says", sceneggiato da Guinevere Turner (Go Fish), alla sua terza collaborazione con la regista, è un viaggio nella mente di Charles Manson, musicista, manipolatore e mandante degli efferati omicidi che sconvolsero gli USA nell’estate del 1969, tra cui l’assassinio di Sharon Tate. Il film si addentra nella psiche del leader criminale, attraverso gli occhi di Karlene Faith, psicologa di tre giovani donne entrate a far parte della setta, dopo aver subito il lavaggio del cervello, e condannate all’ergastolo. In una escalation di follia e annullamento della volontà, viene ripercorsa la vita all’interno della “Famiglia Manson” e il rapporto di queste giovani con l’uomo che ha segnato le loro vite. Che potere aveva Charles Manson sulle sue prede? Cosa è scattato nella loro mente?

 

 

[Per guardare il video clicca sull'immagine in alto]

 

Il cast è completato da Hannah Murray (Il trono di spade), Sosie Bacon (13 Reasons Why), Marianne Rendón (Imposters), Chace Crawford (Private Life), Annabeth Gish (Hill House), Marritt Wever (Benvenuti a Marwen), Suki Waterhouse (Billionaire Boys Club) e Kayli Carter (Private Life).

Questo film non è un’opera a difesa delle colpevoli. Ho cercato di comprendere come e perché queste giovani donne siano arrivate a fare cose terribili. Il film è una storia drammatica sugli anni Sessanta. Ha attinenza con i giorni nostri e la gente troverà dei parallelismi con eventi di oggi. ma parla anche di questioni senza tempo, di abuso e dominio, cose che sono successe nelle famiglie, nelle relazioni e nelle società nel corso della Storia.

Mary Harron - Regista

 

 

[Per guardare il video clicca sull'immagine in alto]

 

NOTE DI REGIA

 

La loro ordinarietà

È confortante pensare alle ragazze di Manson come dei mostri, come diverse, come anomale rispetto alla normale esperienza umana. In realtà, la cosa più disturbante è la loro ordinarietà. Come sono arrivate a commettere dei crimini così terribili queste sane e affabili giovani donne? Volevo che il pubblico le vedesse come esseri umani, che si chiedesse “e se fossi stato io in quella situazione? Cosa avrei fatto?” Ma se intraprendi un viaggio con Leslie, Pat e Susan, devi anche riconoscere che quei crimini sono incomprensibilmente freddi e brutali. Non puoi solo far vedere delle ragazze carine in prigione. Questo è l’equilibrio.

 

Uccidi il tuo ego

La storia parla di come persone apparentemente per bene arrivino a fare cose orrende, e questo succede quando cedi la tua volontà ad un altro e azzittisci le voci che ti dicono di no. “Uccidi il tuo ego”, dice Charlie, quando in realtà intende “Sottomettiti al MIO ego”. Passo dopo passo il film ci mostra l’esperienza della setta attraverso Leslie Van Houten. All’inizio viene attratta da quella che sembra una comunità entusiasta, poi subisce il lavaggio del cervello che man mano intacca la sua volontà individuale e la sua coscienza. La violenza, quando è perpetuata, è improvvisa e spaventosa, quasi come un sogno, seguito da un lento e terribile risveglio anni dopo in prigione.

 

Un mondo credibile

Ero molto interessata all’autenticità del tutto, come poteva essere il ranch di Manson, o cose semplici come le decorazioni delle celle in prigione. Per qualsiasi tipo di dramma storico è necessario creare un universo realistico. Costruire un mondo credibile è ancora più importante quando le azioni sono così estreme.

 

"Charlie Says" è parte di Moviement, il progetto triennale promosso dall’industria cinematografica – gli esercenti Anec e Anem, i distributori e produttori Anica insieme ai David di Donatello, al MiBAC e ai talent – creato per rilanciare il cinema in sala per tutto l’anno con l’obiettivo di creare un mercato estivo.

 

 

 

Charlie Says: trailer italiano del film con Matt Smith nei panni di Charles Manson


[Per visionare il trailer clicca sull'immagine in alto]

 

No.Mad Entertainment ha reso disponibile il trailer italiano ufficiale di Charlie Says, il film diretto dalla regista di American Psycho, Mary Harron, che vede il Matt Smith della serie tv Doctor Who nei panni del famigerato Charles Manson.

 

La trama ufficiale:

 

Un viaggio nella mente di Charles Manson, musicista, manipolatore e mandante degli efferati omicidi che sconvolsero gli USA nell’estate del 1969, tra cui l’assassinio di Sharon Tate. Charlie Says si addentra nella psiche del leader criminale attraverso gli occhi di Karlene Faith, psicologa di tre giovani donne entrate nella setta dopo aver subito il lavaggio del cervello e condannante all'ergastolo.

 

Il cast del film è completato da Hannah Murray (Il trono di spade), Sosie Bacon (13 Reasons Why), Marianne Rendón (Imposters), Chace Crawford (Private Life), Annabeth Gish (Hill House), Marritt Wever (Benvenuti a Marwen), Suki Waterhouse (Billionaire Boys Club), Kayli Carter (Private Life) e Grace Van Dien (Sleeping Beauty) nel ruolo di Sharon Tate.

"Charlie Says" arriva nei cinema italiani il 22 agosto.

 

 

 

Charlie Says: nuove clip e data di uscita italiana del film con Matt Smith nei panni di Charles Manson


[Per guardare il video clicca sull'immagine in alto]

 

Disponibili nuove clip in lingua originale di Charles Says - Charlie Dice, il film biografico, con Matt Smith della serie tv Doctor Who nei panni del famigerato Charles Manson, che arriverà nelle sale italiane il 22 agosto con No.Mad Entertainment.

 

La trama ufficiale:

 

Un viaggio nella mente di Charles Manson (Matt Smith), musicista, manipolatore e mandante degli efferati omicidi che sconvolsero gli USA nell’estate del 1969, tra cu l’assassinio di Sharon Tate. Charlie Says si addentra nella psiche del leader criminale, attraverso gli occhi di Karlene Faith, psicologa di tre giovani donne entrate a far parte della setta, dopo aver subito il lavaggio del cervello, e condannate all’ergastolo. In una escalation di follia e annullamento della volontà, viene ripercorsa la vita all’interno della “Famiglia Manson” e il rapporto di queste giovani con l’uomo che ha segnato le loro vite. Che potere aveva Charles Manson sulle sue prede? Cosa è scattato nella loro mente?

 

 

[Per guardare il video clicca sull'immagine in alto]

 

Il cast del film è completato da Hannah Murray (Il trono di spade), Sosie Bacon (13 Reasons Why), Marianne Rendón (Imposters), Chace Crawford (Private Life), Annabeth Gish (Hill House), Marritt Wever (Benvenuti a Marwen), Suki Waterhouse (Billionaire Boys Club), Kayli Carter (Private Life) e Grace Van Dien (Sleeping Beauty) nel ruolo di Sharon Tate.

Il film è diretto da Mary Harron (American Psycho, Ho sparato a Andy Warhol) e scritto da Guinevere Turner (Go Fish, American Psycho, La scandalosa vita di Bettie Page).

 

 

[Per guardare il video clicca sull'immagine in alto]

 

NOTE DI REGIA

 

[La loro ordinarietà]

È confortante pensare alle ragazze di Manson come dei mostri, come diverse, come anomale rispetto alla normale esperienza umana. In realtà, la cosa più disturbante è la loro ordinarietà. Come sono arrivate a commettere dei crimini così terribili queste sane e affabili giovani donne? Volevo che il pubblico le vedesse come esseri umani, che si chiedesse “e se fossi stato io in quella situazione? Cosa avrei fatto?” Ma se intraprendi un viaggio con Leslie, Pat e Susan, devi anche riconoscere che quei crimini sono incomprensibilmente freddi e brutali. Non puoi solo far vedere delle ragazze carine in prigione. Questo è l’equilibrio.

 

 

[Per guardare il video clicca sull'immagine in alto]

 

[Uccidi il tuo ego]

La storia parla di come persone apparentemente per bene arrivino a fare cose orrende, e questo succede quando cedi la tua volontà ad un altro e azzittisci le voci che ti dicono di no. “Uccidi il tuo ego”, dice Charlie, quando in realtà intende “Sottomettiti al MIO ego”. Passo dopo passo il film ci mostra l’esperienza della setta attraverso Leslie Van Houten. All’inizio viene attratta da quella che sembra una comunità entusiasta, poi subisce il lavaggio del cervello che man mano intacca la sua volontà individuale e la sua coscienza. La violenza, quando è perpetuata, è improvvisa e spaventosa, quasi come un sogno, seguito da un lento e terribile risveglio anni dopo in prigione.

 

 

 

Charlie Says: trailer del film con Matt Smith nei panni di Charles Manson


[Per visionare il trailer clicca sull'immagine in alto]

 

IFC Films ha reso disponibili un trailer e alcuni poster di Charlie Says, l'ultimo ritratto del famigerato Charles Manson, il folle leader della setta dietro gli omicidi di Sharon Tate interpretato nel film da Matt Smith.

Diretto dalla regista Mary Harron, anni dopo gli sconvolgenti omicidi che hanno fatto del nome di Charles Manson sinonimo di puro male, seguiamo le tre donne che hanno ucciso per lui, Leslie Van Houten (Hannah Murray), Patricia Krenwinkel (Sosie Bacon) e Susan Atkins (Marianne Rendón), che si sono lasciate affascinare dal famigerato leader del culto (Matt Smith). Confinato in un isolato blocco di celle in un penitenziario della California, il trio sembra destinato a vivere il resto delle loro vite sotto l'illusione che i loro crimini fossero parte di un piano cosmico, finché l'empatica laureanda Karlene Faith (Merritt Wever) viene reclutata per riabilitarle.

Convinta che i prigionieri non siano i mostri disumani che il mondo crede che siano, Karlene inizia l'arduo processo di abbattere le barriere psicologiche erette da Manson. Ma le donne sono davvero pronte a confrontarsi con l'orrore di ciò che hanno fatto? Mary Harron (American Psycho, Ho sparato a Andy Warhol) presenta una nuova prospettiva provocatoria su uno dei crimini più famosi del 20° secolo.

"Charlie Says" è stato scritto da Guinevere Turner, la sceneggiatrice di Go Fish, American Psycho e La scandalosa vita di Bettie Page. Il film è interpretato da Matt Smith (Doctor Who), Hannah Murray (Il trono di spade), Sosie Bacon (13 Reasons Why), Marianne Rendón (Imposters), Chace Crawford (Private Life) e Annabeth Gish (Hill House).

Il prossimo 8 agosto ricorrerà il 50° anniversario degli omicidi Tate-LaBianca con Quentin Tarantino che accennerà al macabro crimine nel suo prossimo film Once Upon a Time in Hollywood, con Margot Robbie nei panni di Sharon Tate e Damon Herriman in quelli di Charlie Manson. In origine il film di Tarantino doveva uscire proprio l'8 agosto, ma dopo alcune polemiche l'uscita è stata spostata al 26 luglio. Il prossimo 5 aprile uscirà invece il controverso The Haunting of Sharon Tate, che reinventa il crimine efferato con Hilary Duff che interpreta Tate.

"Charlie Says" è stato presentato in anteprima al Festival di Venezia 2018 e sarà distribuito nelle sale americane a partire dal 10 maggio 2019.

 

 

 

Fonte: SlashFilm

 

 

 

 

  • shares
  • Mail