Stasera in tv: "Alice nel paese delle meraviglie" su Canale 5

Canale 5 stasera propone "Alice nel Paese delle Meraviglie", 13° Classico d'animazione Disney del 1951 prodotto dalla Walt Disney Productions e diretto da Clyde Geronimi, Hamilton Luske e Wilfred Jackson.

[Per visionare il trailer clicca sull'immagine in alto]

 

Cast e personaggi


Doppiatori originali

Kathryn Beaumont: Alice
Ed Wynn: Cappellaio Matto
Richard Haydn: Brucaliffo
Sterling Holloway: Stregatto
Jerry Colonna: Leprotto Bisestile
Verna Felton: Regina di Cuori
J. Pat O'Malley: Tricheco, Carpentiere, Pinco Panco, Panco Pinco
Bill Thompson: Bianconiglio, Capitan Libeccio
Heather Angel: Sorella di Alice
Joseph Kearns: Serratura
Larry Grey: Biagio Lucertola
Queenie Leonard: Margherita
Dink Trout: Re di Cuori
Doris Lloyd: Rosa rossa
James MacDonald: Toperchio
The Mellomen: Carte pittrici
Marni Nixon: Fiori cantanti
Norma Zimmer: Rosa bianca

Doppiatori italiani

Vittoria Febbi: Alice
Carlo Romano: Cappellaio Matto
Gaetano Verna: Brucaliffo
Stefano Sibaldi: Stregatto
Mauro Zambuto: Leprotto Bisestile, Panco Pinco
Tina Lattanzi: Regina di Cuori
Mario Besesti: Tricheco
Vinicio Sofia: Pinco Panco, Carpentiere
Lauro Gazzolo: Bianconiglio
Aldo Silvani: Capitan Libeccio
Dhia Cristiani: Sorella di Alice
Giorgio Capecchi: Serratura
Giovanni Saccenti: Biagio Lucertola
Wanda Tettoni: Margherita
Amilcare Pettinelli: Re di Cuori
Laura Carli: Rosa rossa
Vittorio Stagni: Toperchio

 

La trama


 

Alice è una ragazza che sogna ad occhi aperti, che trova noioso imparare poesie e studiare. Preferisce storie con immagini e fantasticare con la sua fervida immaginazione. Un giorno mentre ascolta annoiata la lettura di una poesia, vede un grande coniglio bianco...vestito con una giacca e in possesso un grande orologio. Il coniglio corre a perdifiato e dice di essere in ritardo per un appuntamento molto importante. Lei lo segue attraverso la foresta. Poi scompare in una tana di coniglio. Alice lo segue anche nella tana che si rivelerà un passaggio per un mondo di meraviglie, in cui farà scoperte e vivrà avventure che fino a quel momento aveva solo sognato.

 

Curiosità




  • Il film, è basato principalmente sul libro di Lewis Carroll "Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie", con alcuni elementi aggiuntivi da "Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò".

  • Questo film ha più canzoni e personaggi di qualsiasi altro film d'animazione Disney.

  • Il film ha richiesto cinque anni per essere completato, ma è stato in sviluppo per oltre dieci anni prima che entrasse in produzione attiva.

  • Nella scena in cui Alice cresce e rimane bloccata nella casa del Bianconiglio, se osservi attentamente la fiamma dell'uccello Dodo mentre accende la sua pipa, c'è la sagoma nascosta di Topolino che guizza nella fiamma.

  • Questo film è stato un enorme fallimento al botteghino. Tuttavia è diventato un film di culto durante gli anni '60. Diversi anni dopo è diventato il titolo di noleggio cinematografico da 16mm più richiesto dello studio Disney per università e privati. Nel 1974, lo studio prese nota di questo fatto, ritirò le stampe di noleggio e fece uscire di nuovo il film a livello nazionale.

  • Un precedente adattamento fu pianificato per gli anni '30. Gli storyboard sono stati realizzati dal talentuoso artista britannico David Hall. Era un po' più vicino al libro, ma è stato respinto perché considerato troppo spaventoso. Tra i concept di questa versione c'era il Cappellaio Matto e il Leprotto Bisestile che inseguivano Alice con un coltello e delle forbici, lo Stregatto aveva centinaia di denti affilati, e Alice veniva quasi decapitata da un macchinario.

  • Il film omette il personaggio di Puppy, un cane giocoso del romanzo originale. Puppy viene anche omesso da molti adattamenti del romanzo, anche se gli viene dato un ruolo più ampio in Alice in Wonderland di Tim Burton. Ha anche un nome proprio in questo film, Bayard.

  • Negli anni '60, i romanzi di Alice e i loro adattamenti furono associati al movimento della controcultura e alla cultura della droga. Il riferimento più notevole a questa associazione è stata la hit "White Rabbit" (1967) dei Jefferson Airplane. I momenti surreali dei romanzi venivano interpretati come effetti delle distorsioni sensoriali sperimentate con gli allucinogeni.

  • Nel capitolo della "Pazza Festa del Tè", il Cappellaio formula un indovinello molto noto: "Perché un corvo è come uno scrittoio?". Quando Alice smette di cercare di capire perché, il Cappellaio ammette "Non ne ho la più pallida idea!". Lewis Carroll ha spiegato che l'indovinello era una facezia per cui non era prevista risposta. Questo però non ha fermato i lettori dal tentativo di inventarne una. Così, nella prefazione dell’edizione del 1896, Carroll scrisse:«Mi sono state poste così spesso domande al riguardo se si potesse immaginare una risposta all’Indovinello del Cappellaio, che anch’io potrei scrivere qui quella che mi pare una risposta abbastanza appropriata: “Perché entrambi producono alcune Note, anche se sempre Piatte; e non sono mai disposti al contrario!”. Ad ogni modo, questo è semplicemente un ripensamento; l’Indovinello, così come era stato inizialmente concepito, non aveva affatto una soluzione.»

  • In un'intervista con la giornalista di gossip Hedda Hopper, Walt Disney ha spiegato che la Regina di Cuori era in qualche modo basata sulla rivale giornalista di gossip Louella Parsons, che era ugualmente di malumore e portava i capelli scuri raccolti in una crocchia.

  • Il personaggio di Alice, creato da Lewis Carroll, non aveva un cognome. Negli adattamenti, nelle opere pastiche e nelle parodie, Alice viene spesso chiamata "Alice Liddel" o variazioni del nome. Questo si basa sulla convinzione che sia una versione romanzata di Alice Pleasance Liddel (1852-1934), un'amica di Lewis Carroll.

  • Oltre a fornire la voce, Kathryn Beaumont è stata anche il modello di live-action degli animatori Disney per Alice. Le scene di riferimento live-action sono state girate su un set dei Disney Studios, con Beaumont che indossava un abito da "Alice". Per la scena in cui la gigantesca Alice è bloccata nella casa del Bianconiglio, i tecnici del set della Disney hanno costruito una casa in scala, e Beaumont si è seduta al suo interno. Ma l'animatore Eric Larson ha detto che avevano bisogno di vedere come si muoveva il corpo di Alice quando era dentro la casa, per animarla in modo appropriato. Così i tecnici del set hanno ricostruito la casa come una "casa di legno" con pareti trasparenti, in modo che gli animatori potessero studiare come si muoveva Beaumont mentre si trovava al suo interno.

  • C'era un gran numero di canzoni tagliate composte per questo film (oltre 30 secondo alcune fonti). Alcune di queste sono state rielaborate in canzoni per altri progetti.

  • Pur non essendo una principessa di un film Disney, Alice è stata inclusa in video artistici e musicali della serie "Disney Princess". Appare anche come una principessa del cuore nel franchise dei videogiochi Kingdom Hearts.

  • La Duchessa, l'apparente proprietaria dello Stregatto nel romanzo, viene omessa dal film Disney. È un personaggio relativamente minore ma memorabile del romanzo, che appare due volte in circostanze molto diverse. L'artista John Tenniel la dipinse come una donna particolarmente brutta, anche se il romanzo in realtà non la descrive. Si pensa che Tenniel abbia basato il suo sguardo sul dipinto "La duchessa brutta" (1513 circa) di Quentin Matsys che raffigura una vecchia grottesca con la pelle rugosa e il seno avvizzito.

  • Il Dodo prende il nome dal dodo (Raphus cucullatus), una specie di uccelli incapaci di volare originari dell'isola di Mauritius. La specie si estinse nel 17° secolo e rimane una delle specie estinte più conosciute. È la prima specie la cui estinzione è attribuita agli esseri umani. Quando gli umani si trasferirono sull'isola portarono i gatti con loro e i topi fuggirono dalle loro navi. Gli animali uccisero i giovani uccelli e mangiarono le loro uova.

  • Il personaggio dei fumetti Agamotto della Marvel Comics, un'entità magica della serie Doctor Strange, è stato raffigurato nella forma del Brucaliffo che fuma il narghilè dei romanzi di Alice.

  • Il romanzo originale si chiamava "Alice's Adventures in Wonderland" (1865), ma non era il titolo desiderato. Il titolo usato da Lewis Carroll nel suo manoscritto non stampato era "Alice's Adventures Under Ground". Prima della pubblicazione altri titoli sono stati considerati ma respinti, tra cui l'ingannevole "Alice tra le fate" (sebbene nessuna fata compaia nel romanzo) e la vaga "L'ora d'oro di Alice".

  • Il film è stato recepito negativamente dai fan di Lewis Carroll, dal cinema britannico e dai critici letterari che hanno accusato Disney di "americanizzare" una grande opera di letteratura inglese.


La colonna sonora




  • Le musiche originali del film, candidate al Premio Oscar, sono del compositore Oliver Wallace che ha musicato altri due classici Disney: Dumbo con cui ha vinto un Premio Oscar per la la colonna sonora e Cenerentola che gli è valso una candidatura all'Oscar.


TRACK LISTINGS:

1. Main Title (Alice In Wonderland)
2. Pay Attention In A World Of My Own
3. Im Late
4. Curiosity Leads To Trouble Simply Impassable]
5. Sailors Hornpipe The Caucus Race
6. Were Not Waxwords
7. How D Ye Do And Shake Hands Curious
8. Walrus And The Carpenter
9. Old Father William
10. Mary Ann A Lizard With A Ladder Wel Smoke The Blighter Out
11. Garden All In The Golden Afternoon
12. What Genus Are Yu
13. A - E - I - O - U (Caterpillar Song)
14. Who R U How Doth The Little Crocodile Keep Your Temper
15. A Serpent
16. Alone Again Twas Brilling Lose Something
17. Mad Tea Party Unbirthday Song (Reprise) Rule 42 Off With Her
18. Head The Caucus Race (Rprise) Please Wake Up Alice Time For
19. For Tea Finale) Alice In Wonderland

 


 

[Per guardare il video clicca sull'immagine in alto]

 

 

  • shares
  • Mail