Stasera in tv: "Rogue One: A Star Wars Story" su Italia 1

Italia 1 stasera propone "Rogue One: A Star Wars Story", film d'azione e fantascienza del 2016 diretto da Gareth Edwards e interpretato da Felicity Jones, Diego Luna, Ben Mendelsohn e Mads Mikkelsen.

[Per visionare il trailer clicca sull'immagine in alto]

 

Cast e personaggi


Felicity Jones: Jyn Erso
Diego Luna: Cassian Andor
Ben Mendelsohn: Orson Krennic
Donnie Yen: Chirrut Îmwe
Mads Mikkelsen: Galen Erso
Alan Tudyk: K-2SO
Riz Ahmed: Bodhi Rook
Jiang Wen: Baze Malbus
Forest Whitaker: Saw Gerrera

Doppiatori italiani

Valentina Favazza: Jyn Erso
Francesco Venditti: Cassian Andor
Stefano Benassi: Orson Krennic
Enrico Pallini: Chirrut Îmwe
Davide Marzi: Galen Erso
Christian Iansante: K-2SO
Emiliano Coltorti: Bodhi Rook
Dario Oppido: Baze Malbus
Roberto Stocchi: Saw Gerrera

 

Trama e recensione


 

Rogue One: A Star Wars Story racconta la storia di un improbabile gruppo di eroi che in un periodo di conflitto intraprende una missione per sottrarre i piani della più potente arma di distruzione di massa mai ideata dall’Impero, la Morte Nera. Questo evento, fondamentale per la storia di Star Wars, spingerà delle persone ordinarie a unirsi per realizzare imprese straordinarie, diventando parte di qualcosa di più grande.

 

 

Curiosità




  • Il film è stato candidato a 2 Premi Oscar: Miglior sonoro e Migliori effetti speciali.

  • Il film si svolge 19 anni dopo Star Wars: Episodio III - La vendetta dei Sith (2005) e poco prima di Star Wars: Episodio IV - Una nuova speranza (1977) e il film rivela come l'Alleanza Ribelle ha rubato i piani della Morte Nera.

  • Il personaggio di Grand Moff Tarkin, interpretato in "Una nuova speranza" (1977) da Peter Cushing, viene ripreso e "interpretato" da Cushing, nonostante la sua morte nel 1994. Cushing è stato resuscitato con l'ausilio di CG da Industrial Light and Magic (ILM) con la benedizione dei suoi eredi, e in realtà eseguita da Guy Henry sul set. Henry e ILM hanno selezionato ore e ore di vecchie riprese da Cushing per ottenere tutte le sue espressioni facciali. Henry ha poi interpretato il ruolo sul set, mentre indossava telecamere montate sulla testa che registravano tutti i suoi movimenti facciali. ILM ha quindi sostituito il suo volto con una maschera digitale di Cushing. Per fortuna un cast del volto di Cushing realizzato per Top Secret! (1984) era stato recentemente trovato in un archivio ed è stato di grande utilità in questo processo. Cushing ha ricevuto una menzione speciale "con riconoscimento speciale a Peter Cushing" nei titoli di coda. Allo stesso modo, con la benedizione di Carrie Fisher, il personaggio della giovane principessa Leia ha un breve cameo nel film, con molto aiuto nel ricreare i tratti del viso tramite CG, mentre il personaggio è stato interpretato fisicamente sul set da Ingvild Deila.

  • Gareth Edwards e il suo team creativo hanno scoperto alcuni vecchi contenitori per film mentre rovistavano nei magazzini di Lucasfilm. Quando ha chiesto cosa fossero, un dipendente ha detto che erano vecchi filmati di Una nuova speranza del 1977. La scoperta ha portato all'inclusione in "Rogue One" di materiale dell'Episodio IV inutilizzato con Capo Rosso (Red Leader) e Capo Oro (Gold Leader).

  • Durante la battaglia finale, l'X-Wing di "Rosso 5" viene abbattuto e il pilota ucciso. Questo segnale di chiamata viene quindi riassegnato a Luke Skywalker in Una nuova speranza (1977).

  • Il padre di Jyn, Galen, è ispirato a J. Robert Oppenheimer, il creatore della bomba atomica. Entrambi gli uomini condividono lo stesso senso di colpa di diventare un agente di morte per aver costruito un'arma di distruzione di massa.




  • Il costumista David Crossman ha dichiarato che alcuni dei costumi originali usati in Una nuova speranza (1977), L'Impero colpisce ancora (1980) e Il ritorno dello Jedi (1983) sono stati riutilizzati in Rogue One.

  • Lo studio aveva solo due scelte per il ruolo di Chirrut: Donnie Yen e Jet Li. Yen è stato avvicinato per primo per il suo compenso di 4 milioni di dollari contro i 10 milioni chiesti da Li. Per valutare il suo interesse e come piano secondario, il regista Gareth Edwards gli ha offerto anche l'altro ruolo di Baze. Yen ha espresso interesse ad interpretare Chirrut, ma era riluttante ad accettare il ruolo poiché richiedeva di trascorrere un periodo di cinque mesi a Londra. Tuttavia l'amore di suo figlio minore per i film e i fumetti di Star Wars ha convinto Yen ad accettare il ruolo, ed è stata una sua idea rendere il suo personaggio non vedente.

  • Questo film conferma attraverso un dialogo che la Morte Nera può viaggiare attraverso l'iperspazio (sebbene non sia mai vista entrare o uscire dall'iperspazio).

  • George Lucas ha adorato il film così tanto che il regista Gareth Edwards ha postato sul suo feed Twitter: "È stata la recensione più importante per me. E' un po' come Dio, porterò quella conversazione come me nella tomba, la sua opinione significa tutto per me".

  • Genevieve O'Reilly ha ripreso il ruolo di Mon Mothma, che aveva già interpretato in Star Wars: Episodio III - La vendetta dei Sith (2005).

  • Cassian menziona i "Guardiani dei Whills" quando parla con Jyn su Jedha prima dell'attacco al carro armato. "Star Wars: From the Journal of the Whills" è stato il titolo provvisorio originale della storia di George Lucas. I Whills erano esseri saggi che raccontarono la saga di Star Wars ai loro allievi, spiegando che tutto era accaduto "tanto tempo fa in una galassia lontana lontana". Questo formato di flashback è stato in definitiva ritenuto non necessario e abbandonato. C'è un consenso tra i fan sul fatto che i Whills siano la specie a cui apparteneva Yoda, ma questo non è mai stato confermato ufficialmente.

  • Questo è il primo film live-action di Star Wars a non utilizzare il testo a scorrimento nell'apertura del film. Anche il film d'animazione Star Wars: The Clone Wars (2008) non prevedeva tale apertura. Tuttavia mantiene ancora lo standard: "Tanto tempo fa, in una galassia lontana lontana...." come testo di apertura.

  • Una brocca di latte blu (Latte di Bantha) può essere vista nella cucina di Lyra quando Jyn sta preparando in fretta le sue cose. Il latte blu apparve per la prima volta in Una nuova speranza (1977) nella cucina della zia Beru quando lo zio Owen stava consigliando a Luke di stare lontano da Ben Kenobi e rivedremo il latte blu in "Gli Ultimi Jedi", con lo stesso Skywalker che lo beve direttamente dalle mammelle di una Thala-Siren, una creatura del pianeta di Ahch-To.




  • Il pianeta Coruscant, capitale della Galassia, è visto durante il flashback dell'infanzia di Jyn Erso  in cui suo padre Galen Erso sta parlando con Orsen Krennic.

  • Per conferire l'aspetto desiderato delle battaglie terrestri, il regista Gareth Edwards e il team di progettazione hanno semplicemente utilizzato vecchie foto scattate durante la Seconda Guerra Mondiale e il Vietnam, sostituendo gli elmetti dell'esercito con quelli dei dei Ribelli e aggiunto X-Wing negli scatti. Hanno disegnato anche storyboard ispirati alle foto delle zone di conflitto mediorientali. I rappresentanti dello studio sono stati immediatamente colpiti dalle immagini e lo hanno incoraggiato a procedere con l'idea.

  • Quando Jyn e Cassian camminano tra le affollate strade di Jedha, incontrano due tizi con uno che esclama "Ehi, guarda dove vai!". Si tratta del Dr Evazan e Ponda Baba (Uomo Tricheco) che sono visti nella cantina nell'Episodio IV: Una nuova speranza nella scena in cui Obi-Wan Kenobi taglia una delle braccia dei tipi che stanno infastidendo Luke.

  • Alan Tudyk, Diego Luna e Felicity Jones hanno vissuto insieme su una barca durante le riprese alle Maldive.

  • L'idea dei "Cristalli Kyber" è nata nelle prime stesure del film originale di George Lucas, ed è stata citata per la prima volta nel romanzo "Splinter of the Mind's Eye"di Alan Dean Foster, il primo romanzo originale di Star Wars pubblicato dopo Una nuova speranza presentato per la prima volta nel 1977. Nel romanzo, basato su idee di Lucas per un possibile sequel, il" Cristallo di Kaiburr" era un artefatto che conferiva ad un Jedi un immenso potere sulla Forza.

  • Chirrut (Donnie Yen) afferma: "Le stelle più forti hanno cuori di kyber". Poiché i Kyber vengono rivelati come fonte di energia per la Morte Nera, rende il nome originale della stazione "Death Star" abbastanza appropriato.

  • Molti dei compatrioti di Saw Gerrera possono vedere una loro versione ologramma nel gioco di scacchi olografici "Dejarik" che appare a bordo del Millennium Falcon in Una nuova speranza (1977) e Il risveglio della Forza (2015).

  • Gareth Edwards ha detto che ha inventato il nome del pianeta Scarif dopo aver ordinato un caffè in un negozio Starbucks, una catena nota per la consuetudine di annotare i nomi dei loro clienti sulle tazze. Il barista ha semplicemente sbagliato a scrivere il nome di Gareth come "Scareth".

  • Nell'universo "Legends" di Star Wars non canonico e nei materiali parte del canone ufficiale come le serie animata "Clone Wars" e "Rebels", il colore di un cristallo kyber determina il colore della spada laser che alimenta. Il cristallo di Jyn è bianco, che riflette questa idea o rende il suo cristallo estremamente raro. L'unico personaggio parte del canone ufficiale ad usare una spada laser bianca è Ahsoka Tano, l'ex padawan di Anakin nelle due serie animate.

  • Il pianeta su cui Jyn è detenuta dell'impero e liberata dall'Alleanza Ribelle si chiama Wobani, un anagramma di Obi-Wan.

  • In una scena di Yavin IV, un annunciatore può essere sentito chiamare un "Generale Syndulla". E' un riferimento a Hera Syndulla di Star Wars: Rebels (2014).

  • Il nome del personaggio Jyn Erso è pensato per essere un riferimento a Jan Ors, un personaggio del videogioco Star Wars: Dark Forces (1995). Nella prima missione del gioco, Ors e Kyle Katarn recuperano i piani della Morte Nera.

  • [28:37] Mentre Cassian e Jyn attraversano le affollate strade di Jedha, un droide sonda imperiale (Probot) simile a quello incontrato da Han Solo e Chewbacca in L'Impero colpisce ancora passa in secondo piano.

  • Sulle pareti della grotta di Saw Gerrera ci sono alcuni Muto, un cenno ai mostri combattuti da Godzilla nel reboot Godzilla di Gareth Edwards (2014).

  • Carrie Fisher (Principessa Leia), Kenny Baker (R2-D2) e Drewe Henley (Red Leader) sono tutti scomparsi nel 2016.




  • Tatiana Maslany, Rooney Mara e Kate Mara hanno fatto un'audizione per il ruolo di protagonista femminile di Jyn Erso, che è andato a Felicity Jones.

  • Alan Tudyk suona il droide K-2SO attraverso la tecnologia di motion capture. Tudyk in precedenza ha interpretato il personaggio robot Sonny in Io, robot (2004).

  • C'è menzione di una tecnologia imperiale segreta usata dal Primo Ordine in Star Wars - Gli ultimi Jedi (2017). Mentre Jyn cerca i piani della Morte Nera nel caveau di Scarif, vede un argomento chiamato "Hyperspace Tracking". Questa è la tecnologia che consente al Primo Ordine di inseguire la flotta della Resistenza anche mentre attraversa l'iperspazio.

  • Nelle versioni precedenti della sceneggiatura, Lyra Erso era una Jedi. Questo elemento venne abbandonato nelle versioni successive, poiché l'idea di esplorare le vite dei normali abitanti della galassia, specialmente dopo la caduta dell'Ordine Jedi, fu considerata più interessante.

  • Gareth Edwards ha citato Blade Runner (1982), Alien (1979), Apocalypse Now (1979) e Baraka (1992) come ispirazioni visive per il film.

  • Spettro (The Ghost) l'astronave ribelle di Star Wars: Rebels appare nella Battaglia di Scarif.

  • Quando Jyn viene portata in prigione, il veicolo su cui è trasportata è un "Clone Turbo Tank", apparso per la prima volta in Star Wars: Episodio III - La vendetta dei Sith (2005).

  • Lo pseudonimo "Lianna" usato da Jyn potrebbe essere un riferimento allo stesso pseudonimo, dato a Mara Jade dall'Imperatore quando la presentò al Grand'Ammiraglio Thrawn come menzionato in "Sfida alla Nuova Repubblica" (Dark Force Rising), secondo volume della Trilogia di Thrawn.

  • Andy de la Tour interpreta il generale Hurst Romodi, l'ufficiale imperiale calvo che riferisce al governatore Tarkin. Lo stesso personaggio è apparso nella sala conferenze di Una nuova speranza (1977), dove era interpretato da Ian Selby non accreditato. Il suo nome è apparso per la prima volta nella novelizzazione di Una nuova speranza di Alan Dean Foster.

  • Nelle fasi iniziali della produzione Jyn Erso era un sergente. Anche se è stato successivamente tagliato dal film, diverse action figures si riferiscono ancora a lei come al sergente Jyn Erso. Questo perché la modifica è stata apportata dopo che le action figures erano già state prodotte. Tuttavia la novelizzazione del film conferma che a Jyn è stato assegnato il grado di sergente dal tenente Taidu Sefla.

  • La Cittadella e il pianeta Scarif, in cui sono conservati i dati Imperiali, ricorda il pianeta Rakata Prime apparso per la prima volta nel videogioco Star Wars: Knights of the Old Republic (2003).

  • Il nome Galen si traduce in "pazzo" in svedese.

  • Galen Erso è probabilmente un riferimento al personaggio originale Galen Marek che ha contribuito a creare l'Alleanza ribelle, ora parte del canone "Legends". La sua astronave Rogue Shadow è probabilmente un riferimento al titolo del film e al segnale di chiamata dell'equipaggio di Rogue One. Jyn Erso è anche potenzialmente un riferimento a Juno Eclipse, il pilota di Rogue Shadow, e il droide di allenamento di Galen Marek PROXY potrebbe aver avuto qualche influenza sul design e sul personaggio di K-2SO. Tutti questi riferimenti sono inclusi nel romanzo Star Wars: Il Potere della Forza (2008).

  • L'elenco dei nomi in codice del progetto include: Stellarsphere, Mark Omega, Pax Aurora, Ord Mantell, Cluster Prism, Black Saber, Stardust. Alcuni di questi termini compaiono nell'Universo Espanso di Star Wars. Black Sabre si riferisce a Darksabre, un'arma ispirata alle spade laser che si vede in Star Wars: The Clone Wars (2008) e Star Wars: Rebels (2014). Stellar Sphere, Mark Omega e Pax Aurora sono citati nel romanzo prequel "Catalyst" come progetti segreti per sottocomponenti della Morte Nera.

  • Il film costato 265 milioni di dollari ha incassato nel mondo un miliardo e 56 milioni.


La colonna sonora




  • Le musiche originali del film sono di Michael Giacchino che è subentrato ad Alexandre Desplat (Godzilla) che ha abbandonato il progetto in corsa costringendo Giacchino ha completare le musiche in sole quattro settimane.

  • Michael Giacchino ha un carnet di colonne sonore fantascientifiche di tutto rispetto che musiche per includono Cloverfield, Super 8, i tre film della serie reboot di Star Trek, John Carter, Apes Revolution - Il pianeta delle scimmie e il sequel The War - Il pianeta delle scimmie, Jupiter - Il destino dell'universo, Tomorrowland - Il mondo di domani e i cinecomic Doctor Strange e Spider-Man: Homecoming.

  • La colonna sonora originale del compositore Alexandre Desplat è stata respinta a causa delle ampie riprese aggiuntive realizzate per rispondere al tono del film e ai problemi della storia. Ciò ha esteso il programma di post-produzione, per il quale Desplat non era disponibile a causa dei suoi impegni con Valerian e la città dei mille pianeti (2017).

  • Alcune tracce della colonna sonora di Michael Giacchino presentano rielaborazioni delle partiture originali di Star Wars di John Williams. La più notevole di queste è la traccia "Krennic's Aspirations", che presenta sia il tema imperiale di Una nuova speranza, sia una versione rallentata della Marcia imperiale de L'impero colpisce ancora.


TRACK LISTINGS:

1. He’s Here For Us
2. A Long Ride Ahead
3. Wobani Imperial Labor Camp
4. Trust Goes Both Ways
5. When Has Become Now
6. Jedha Arrival
7. Jedha City Ambush
8. Star-Dust
9. Confrontation on Eadu
10. Krennic’s Aspirations
11. Rebellions Are Built on Hope
12. Rogue One
13. Cargo Shuttle SW-0608
14. Scrambling the Rebel Fleet
15. AT-ACT Assault
16. The Master Switch
17. Your Father Would Be Proud
18. Hope
19. Jyn Erso & Hope Suite
20. The Imperial Suite
21. Guardians of the Whills Suite

 

 

[Per guardare il video clicca sull'immagine in alto]

 

  • shares
  • Mail