Tim Burton: “Scelgo solo attori pazzi come me”

Tim Burton si racconta a Grazia, il settimanale diretto da Vera Montanari, in edicola mercoledì 20 febbraio: “Mi rendo conto che recitare nei miei film non sia facile. Ecco perché scelgo sempre attori pazzi come me, così entriamo subito in sintonia. Nei miei film ci sono sempre elementi di identificazione con la mia personalità: la

di carla,

tim burton me

Tim Burton si racconta a Grazia, il settimanale diretto da Vera Montanari, in edicola mercoledì 20 febbraio:

“Mi rendo conto che recitare nei miei film non sia facile. Ecco perché scelgo sempre attori pazzi come me, così entriamo subito in sintonia. Nei miei film ci sono sempre elementi di identificazione con la mia personalità: la solitudine, l’ironia, talvolta la rabbia. È il mio modo di essere e percepire la realtà che mi circonda”.

Nel corso dell’intervista Burton spiega la sua filosofia:

Sweeney Todd può essere letto come una metafora dei nostri tempi violenti, anche se in realtà credo che la vendetta sia uno dei sentimenti più conosciuti da sempre del genere umano. Ma la vendetta peggiore è quella di un Paese che si vendica contro un altro Paese. Il mio rapporto con il cinema è sempre stato emozionale: parte dalla mia esperienza personale e mai da una riflessione politica. In Mars Attacks non riconoscevo più l’America, mi sentivo un marziano”.


tim burton johnny depp me

Poi il regista confida la sua stima per Johnny Depp:

“Ho conosciuto Johnny quando abbiamo girato Edward mani di forbice: l’intesa è stata immediata e da quel momento non ci siamo più persi di vista. Lui ha la capacità di capire al volo quello che ho in mente e di trasferirlo nel personaggio che deve interpretare. Sfidare Johnny Depp a cantare in Sweeney Todd è stata una scommessa difficilissima. La mia strategia è stata quella di procedere a tappe. Prima gli ho fatto ascoltare la colonna sonora, cinque anni dopo gli ho proposto il film e lui ha accettato. Non avevo dubbi perché in questo siamo molto simili: sempre pronti a metterci alla prova e tentare nuove sfide”.

sweeney todd helena bonham carter johnny depp me

Grazia ha incontrato anche Helena Bohnam Carter, la compagna di Burton che ha recitato il ruolo da co-protagonista in Sweeney Todd, di cui ha raccontato un particolare aneddoto:

“Durante le riprese del musical ho scoperto di essere incinta e avevo nausee. Ho chiesto a Tim di essere più gentile con me. E lui, per tutta risposta mi ha fatto ballare su una pedana girevole. Dovevo ballare un walzer con Johnny Depp ma non ci riuscivo. Lui mi ha aiutata e ce l’abbiamo fatta. Adoro Johnny. È un attore di grandissimo talento, ma non tutti sanno quanto sia gentile, sensibile e premuroso. È una persona davvero speciale, uno di famiglia per me e Tim”.

Nel finale l’attrice rivela:

“Ho appena avuto una bambina e già devo tornare sul set, sinceramente avrei preferito dimagrire un po’… spero di piacere ai miei bambini quando saranno grandi. Per il film sul settimo libro di Harry Potter resterete molto soddisfatti di me: c’è molto da lavorare per Bellatrix Lestrange. E comunque io non credo che sarà l’ultima volta che sentiremo parlare di Harry Potter”.

Ultime notizie su Film Americani

Tutto su Film Americani →