Il Flauto Magico di Piazza Vittorio: trailer del film musicale di Mario Tronco e Gianfranco Cabiddu

Il Flauto Magico di Piazza Vittorio: video, trailer, poster, immagini e tutte le informazioni sul film musicale di Mario Tronco e Gianfranco Cabiddu nei cinema italiani dal 20 giugno 2019.

[Per visionare il trailer clicca sull'immagine in alto]

 

Dopo la presentazione alla Festa del Cinema di Roma, il 20 giugno arriva nelle sale d'Italia, distribuito da Paco Cinematografica, Il Flauto Magico di Piazza Vittorio diretto da Mario Tronco e Gianfranco Cabiddu.

"Il Flauto Magico di Piazza Vittorio" è un film musicale che rivisita e re‐interpreta, arricchendola e adattandola ai nostri giorni, l’opera di Mozart, interpretato in 8 lingue dai musicisti‐attori della multietnica Orchestra di Piazza Vittorio, ognuno secondo le proprie tradizioni e culture musicali. Tutto avviene nei giardini di Piazza Vittorio, che si animano per magia durante la notte, e contrariamente a quanto accade nell’Opera di Mozart, i personaggi femminili possono cambiare il corso degli eventi e assumere un ruolo decisivo.

Il cast artistico del film include Ernesto Lopez Maturell, Violetta Zironi, El Hadji Yeri Samb, Petra Magoni e con la partecipazione amichevole di Fabrizio Bentivoglio (anche co-sceneggiatore e co-autore del soggetto).

 

 

NOTE DI REGIA

 

Questo film nasce per essere una favola musicale, sognata da un’intera piazza, di una grande città europea di oggi. Piazza Vittorio nel centro di Roma, con i suoi giardini e palazzi frequentati quotidianamente da un’umanità variegata che ne fa il centro del quartiere più multietnico della città è anche il luogo che ha visto nascere l’orchestra omonima. I suoi musicisti, che recitano nel film hanno trasformato l’opera di Mozart in una travolgente interpretazione multilingue.
Nel nostro film la Piazza, dopo l’orario di chiusura, dal tramonto fino all’alba del giorno seguente, diventa il luogo dove tutto può accadere e dove tutto effettivamente accade, come in una favola. Così come la musica, il film è un percorso libero, denso di riferimenti a generi e stili diversi che si sposano, fino alla rivisitazione, con le tecniche del teatro barocco e lirico europeo, con le sue macchine teatrali e i suoi trucchi artigianali, fondali dipinti e arredi poveri di cartapesta, da armonizzare visivamente con l’aiuto delle moderne tecniche cinematografiche, anche se nel nostro film l’impiego di Visual effect è volutamente artigianale, quasi “a vista”. In questi nostri tempi caratterizzati da un fenomeno migratorio che è quasi un’emergenza, che interessa tutta l’Europa, il messaggio di integrazione, convivenza e scambio necessario trova nella nostra favola una sintesi chiara e immediata, che rende evidente il reciproco arricchimento umano e artistico di cui sono portatrici culture e tradizioni diverse, che sono capaci, nell’incontro, di integrarsi attraverso lo scambio sia musicale che umano. Con una compagnia multietnica di questo genere, confortati da un “punto di partenza” universale e popolare come la musica di Mozart, abbiamo intrapreso questo viaggio cinematografico con la certezza che lo splendore della musica e della poesia veicoli al meglio un messaggio oggi più che mai necessario e universale. [Mario Tronco e Gianfranco Cabiddu]

Mario Tronco è un compositore e direttore d’orchestra membro degli Avion Travel e fondatore dell’Orchestra di Piazza Vittorio. Tra le partiture composte da Tronco per il grande schermo ricordiamo I fiori di Kirkuk, Metronotte, Cinque giorni di tempesta e Isotta.

Gianfranco Cabiddu è un etnomusicologo, regista e scrittore di lungometraggi e
documentari Tra i film che ha diretto Disamistade, Il figlio di Bakunin, Disegno di Sangue, il musical Passaggi di tempo e La stoffa dei sogni (vincitore del Globo d’Oro e del David di Donatello nel 2017).

 

 

 

 

  • shares
  • Mail