Brightburn 2: trattative in corso per il sequel, lo conferma James Gunn

James Gunn ha confermato trattative in corso per il sequel "Brightburn 2".

Lo scorso maggio è uscito nelle sale L'angelo del male - Brightburn, il primo film con supereroi a tinte horror prodotto da James Gunn, regista di Slither, Super e naturalmente dei film dei Guardiani della Galassia. Il film diretto dal regista David Yarovesky è stato una piacevole sorpresa, forse un po' troppo sbilanciato sul versante horror, ma davvero originale nell'approccio e con una scena sui titoli di coda che ha aperto la strada ad una potenziale mitologia, collegandosi al contempo al memorabile "Super" di Gunn.

Recentemente un fan, commentando su Instagram un recente post di Gunn sulla chiusura dell'iconica rivista "Mad", ha detto che ci sarebbe davvero bisogno di un Brightburn 2 chiedendo a James Gunn se sarebbe anche così gentile da dirigerlo. Gunn ha risposto di essere piuttosto impegnato, ma ha aggiunto che ci sono discussioni in corso per un sequel.

Penso di essere legato per i prossimi anni a [The] Suicide Squad e Guardiani [della Galassia Vol. 3], ma stiamo parlando del sequel di [Brightburn].

 

L'originale "Brightburn" ha posto la domanda: cosa succederebbe se un bambino arrivato sulla Terra da un altro mondo invece di dimostrarsi un eroe per l'umanità fosse qualcosa di molto più sinistro? Fondamentalmente "Brightburn" è una rivisitazione delle origini di Superman miscelate al filone degli horror con bambini inquietanti.

Il film originale è stato un successo significativo incassando 31 milioni di dollari da un budget di appena 6 milioni, quindi un sequel in lavorazione non è qualcosa di così sorprendente, anche se non era di certo scontato vista la critica letteralmente spaccata a metà sull'effettiva riuscita del film.

Il regista David Yarovesky ha diretto "L'angelo del male - Brightburn" da una sceneggiatura scritta dal fratello di James Gunn, Brian Gunn e dal cugino Mark Gunn. James Gunn ha prodotto insieme a Kenneth Huang con un cast che ha incluso Elizabeth Banks, David Denman, Jackson A. Dunn, Matt Jones e Meredith Hagner.

 

Visualizza questo post su Instagram

R.I.P. #MADMagazine 1952-2019 😢❤️🙏

Un post condiviso da James Gunn (@jamesgunn) in data:


 

 

Fonte: Screenrant

 

 

  • shares
  • Mail