Stasera in tv: "Moonlight" su Rai 3

Rai 3 stasera propone "Moonlight", film drammatico del 2016 diretto da Barry Jenkins e interpretato da Trevante Rhodes, André Holland, Janelle Monáe, Ashton Sanders e Jharrel Jerome.

[Per visionare il trailer clicca sull'immagine in alto]

 

Cast e personaggi


Trevante Rhodes: Chiron
André Holland: Kevin
Janelle Monáe: Teresa
Ashton Sanders: Chiron adolescente
Jharrel Jerome: Kevin adolescente
Alex Hibbert: Chiron bambino
Jaden Piner: Kevin bambino
Naomie Harris: Paula
Mahershala Ali: Juan
Patrick Decile: Terrel

Doppiatori italiani

Simone D'Andrea: Chiron
Gianfranco Miranda: Kevin
Stella Musy: Teresa
Stefano Broccoletti: Chiron adolescente
Alex Polidori: Kevin adolescente
Giulio Bartolomei: Chiron bambino
Lorenzo D'Agata: Kevin bambino
Laura Romano: Paula
Roberto Draghetti: Juan
Emanuele Ruzza: Terrel

 

Trama e recensione


 

MOONLIGHT è la struggente storia della lotta di un giovane uomo per trovare se stesso, raccontata in tre capitoli che definiscono la sua vita e in cui egli sperimenta l'estasi, il dolore e la bellezza di innamorarsi, mentre è alle prese con la propria sessualità. Supportato da prestazioni sorprendenti e la singolare visione del regista Barry Jenkins, MOONLIGHT è un'esplorazione innovativa della sessualità maschile, un pezzo inebriante di cinema che scopre profonde verità circa i momenti che ci definiscono, le persone che più ci modellano e il dolore di un amore che può durare una vita.

 

 

Curiosità




  • Il film è basato sull'opera teatrale "In Moonlight Black Boys Look Blue" di Tarell Alvin McCraney. Moonlight era nato all'interno della scuola di arte drammatica come progetto scritto dal drammaturgo di Miami Tarell Alvin McCraney, vincitore nel 2013 della borsa di studio MacArthur 'genius', membro della compagnia teatrale Steppenwolf di Chicago, e la cui trilogia “Brother/Sister”, ambientata in un quartiere di case popolari della Louisiana, ha fatto di lui uno degli scrittori più interessanti sui temi legati alla vita degli afro-americani. McCraney aveva proposto il suo breve lavoro — intitolato “In Moonlight Black Boys Look Blue” — al Borscht Film Festival di Miami, un evento che mira a valorizzare le opere di artisti locali, rafforzando l'identità cinematografica di Miami attraverso storie che "vadano oltre lo stereotipo di una città bella ma frivola".

  • Il film è stato candidato a 8 Premi Oscar con tre statuette vinte: Miglior film prima pellicola a tematica LGBT a ottenere questo riconoscimento, nonché il primo con un cast totalmente composto da afroamericani), Miglior attore non protagonista (Mahershala Ali) e Migliore sceneggiatura non originale (Barry Jenkins e Tarell Alvin McCraney).

  • Naomie Harris ha dovuto girare il suo intero ruolo in tre giorni, tra il suo tour promozionale di Spectre (2015), a causa di un problema con il suo visto (Harris è inglese). Le scene hanno attraversato 15 anni nella vita del personaggio e sono state girate fuori sequenza.

  • Quando Juan insegna a Little come nuotare, Mahershala Ali insegna davvero a Alex R. Hibbert come nuotare. All'inizio della produzione, Hibbert non sapeva nuotare.

  • Secondo il direttore della fotografia James Laxton Moonlight ha fruito di un budget di appena un milione e mezzo di dollari (altre fonti riportano 4 milioni). Il regista Barry Jenkins ha confermato durante che questo era il budget del film. Si tratta di un budget inferiore rispetto a qualsiasi altro vincitore del premio  Oscar al "Miglior Film" dalla vittoria di Rocky (1976), il cui costo era di poco più di un milione di dollari. Ma se i budget sono adeguati all'inflazione, allora "Moonlight" deve essere considerato il vincitore del "Miglior film" con il budget più basso di sempre.

  • Sia il regista Barry Jenkins che la sceneggiatura di Tarell Alvin McCraney hanno fruito di una visione piuttosto chiara e singolare in quanto entrambi gli uomini sono cresciuti nello stesso quartiere di Liberty City a Miami con madri che avevano entrambe lottato contro la tossicodipendenza. Circa l'80% del film è stato girato qui, una delle zone più colpite dalla povertà negli Stati Uniti. Inizialmente la produzione era preoccupata per i problemi di sicurezza fino a quando non si è saputo che Jenkins era del vicinato, quindi tutto è cambiato in meglio. La gente del posto non avrebbe potuto essere più accogliente e collaborativa. Naomie Harris ha detto di non essersi mai sentita così apprezzata e a suo agio su un set cinematografico durante le riprese.

  • In un'intervista, Barry Jenkins ha dichiarato che i tre attori che interpretano Chiron non si sono mai incontrati durante la produzione. Voleva che ognuno di loro costruisse il proprio personaggio di Chiron durante i rispettivi segmenti, senza alcuna influenza da parte degli altri ritratti. La stessa tecnica è stata utilizzata con gli attori che interpretano Kevin.

  • Un incontro iniziale con Brad Pitt ha aiutato il regista Barry Jenkins a ottenere i fondi necessari e l'accordo di distribuzione che gli era richiesto.

  • Tali erano i vincoli di budget per questa produzione che il cast doveva condividere una roulotte per costumi, trucco e parrucco e una sola toilette doveva essere condivisa dal cast e dalla troupe.

  • La seconda canzone che suona nella tavola calda è "Hello Stranger" di Barbara Lewis. Il regista Barry Jenkins ha preso la decisione di far suonare la canzone sul jukebox in background mentre stavano girando.

  • Il film è stato girato in 25 giorni a ottobre e novembre 2015 nel sud della Florida.

  • Il regista Barry Jenkins è stato ispirato dalla sua infanzia a Miami, dove è stato "sempre circondato da questa erba verde lussureggiante e da questi splendidi tramonti dorati". È cresciuto in "un fantastico quartiere in cui sono successe cose molto oscure". Il regista sente come se la sua infanzia fosse stata "Una bella lotta".

  • La scena preferita dal regista Barry Jenkins nel suo film è stata una sequenza improvvisata di Paula che fissava la macchina da presa con un sovraccarico di 48 fps. Questa è stata una decisione dell'ultimo minuto di Jenkins specificamente intesa a coinvolgere pienamente il pubblico con il personaggio di Paula.

  • Mahershala Ali è la prima persona di fede musulmana a vincere un Oscar per la recitazione.

  • Quando venne contattata per la prima volta, Naomie Harris era molto riluttante ad interpretare una drogata di crack dal momento che era molto lontana dalla sua persona. Harris aveva insistito fin dall'inizio su un piano di carriera per ritrarre solo le donne in una luce positiva. Tuttavia quando Barry Jenkins le ha confidato che avrebbe interpretato un personaggio basato sulla sua madre tossicodipendente, ha accettato di assumere il ruolo. In preparazione per la parte ha trascorso un mese a studiare la vita dei tossicodipendenti guardando diversi video di tossicodipendenti su YouTube.

  • Il produttore Dede Gardner è la prima donna a vincere due volte l'Oscar per il "Miglior film" due volte. Il suo primo premio è stato per 12 anni schiavo (2013).

  • Come Chiron, anche il regista Barry Jenkins aveva una madre che soffriva di una dipendenza.

  • L'ispirazione per la struttura narrativa del film è venuta dal film Three Times (2005) del regista taiwanese Hsiao-Hsien Hou.

  • Con la sua nomination all'Oscar, Barry Jenkins è diventato il quarto cineasta di colore nominato nella categoria Miglior regista.

  • Il Chiron adulto guida un'auto con il numero di targa "BLACK305". 'Black' è il soprannome che Kevin dà a Chiron quando sono adolescenti e 305 è il prefisso di Miami.

  • Pricewaterhouse-Coopers, la società di revisione incaricata di presentare i risultati, preparare buste premio e consegnare il tutto ai presentatori ha dovuto scusarsi con i produttori di La La Land (2016) e Moonlight, così come con tutti gli interessati. Il primo è stato erroneamente annunciato come miglior film: "Ci scusiamo sinceramente con Moonlight, La La Land, Warren Beatty, Faye Dunaway e gli spettatori di Oscar per l'errore commesso durante l'annuncio del premio per il miglior film. Ai presentatori è stata data una busta con la categoria sbagliata e una volta scoperto, l'errore è stato immediatamente corretto. Stiamo attualmente indagando su come ciò potrebbe essere accaduto e ci rammarichiamo profondamente che ciò sia accaduto. Apprezziamo la cortesia con cui i nominati, l'Academy, l'ABC e Jimmy Kimmel hanno gestito la situazione".

  • Durante un'intervista, il regista Barry Jenkins ha menzionato che l'idea di utilizzare la canzone "Every N - - r Is A Star" di Boris Gardiner proviene da un campionamento tratto dall'album di Kendrick Lamar "To Pimp A Butterfly" che inizia con un campionamento della canzone originale.

  • Chirone è il nome di un centauro della mitologia greca noto come il Guaritore Ferito.

  • La canzone "One Step Ahead" di Aretha Franklin è stata inserita due volte nel film. Nel primo atto, la si può ascoltare nel soggiorno dopo che Chiron torna a casa dalla lezione di nuoto. La seconda volta è nella tavola calda sul jukebox nel terzo atto.

  • Il regista Barry Jenkins ha iniziato a scrivere la sceneggiatura a Bruxelles, nel bar Lord Byron.

  • Moonlight è il secondo lungometraggio di Barry Jenkins dopo Medicine for Melancholy (2008).

  • La canzone "Cucurrucucú Paloma" di Caetano Veloso è stata l'omaggio personale del regista al film Happy Together (1997) di Wong Kar-Wai che tratta lo stesso soggetto.

  • Per persuadere Naomie Harris a partecipare al progetto, il produttore Jeremy Kleiner ha mentito e le ha detto che Barry Jenkins aveva scritto il ruolo di Paula con lei in mente. Non ha scoperto la verità fino a dopo le riprese, e in realtà Kleiner ha dovuto convincere Jenkins che Harris era l'attrice giusta per il ruolo.

  • Barry Jenkins e Tarell Alvin McCraney sono il terzo e il quarto sceneggiatore afroamericano a vincere l'Oscar per la migliore sceneggiatura non originale dopo Geoffrey Fletcher per Precious (2009) e John Ridley per 12 anni schiavo (2013).

  • Il film costato un milione e mezzo di di dollari (altre fonti riportano 4 milioni) ne ha incassati nel mondo circa 65.


La colonna sonora




  •  Le musiche originali del film, candidate all'Oscar, sono del compositore, pianista e produttore Nicholas Britell che è recentemente tornato a collaborare con il regista Barry Jenkins per la colonna sonora di Se la strada potesse parlare.

  • Tra i crediti di Britell troviamo La grande scommessa, Free States of Jones, La battaglia dei sessi, Vice - L'uomo nell'ombra e 12 Anni Schiavo per il quale ha composto e arrangiato la musica diegetica (interna al film), comprese le esecuzioni al violino, gli spiritual, le canzoni dei lavoratori e le danze.


TRACK LISTINGS:

1. Every N****r Is a Star - Boris Gardiner
2. Little's Theme - Nicholas Britell
3. Ride Home - Nicholas Britell
4. Vesperae Solennes de Confessore in C Major, K. 339: V. Laudate Dominum - Nicholas Britell
5. The Middle of the World - Nicholas Britell
6. The Spot - Nicholas Britell
7. Interlude - Nicholas Britell
8. Chiron's Theme - Nicholas Britell
9. Metrorail Closing - Nicholas Britell
10. Chiron's Theme Chopped & Screwed (Knock Down Stay Down) - Nicholas Britell
11. You Don't Even Know - Nicholas Britell
12. Don't Look at Me - Nicholas Britell
13. Cell Therapy - Goodie Mob
14. Atlanta Ain't but so Big - Nicholas Britell
15. Sweet Dreams - Nicholas Britell
16. Chef's Special - Nicholas Britell
17. Hello Stranger - Barbara Lewis
18. Black's Theme - Nicholas Britell
19. Who Is You? - Nicholas Britell
20. End Credits Suite - Nicholas Britell
21. Bonus Track: The Culmination - Nicholas Britell

 


 

[Per guardare il video clicca sull'immagine in alto]

 

 

  • shares
  • Mail