E' morto Carlo Delle Piane, il ricordo di Blogo

E' scomparso a 83 anni l'attore Carlo Delle Piane, lavorò con Totò, Alberto Sordi, Vittorio De Sica, Vittorio Gassman, Steno, Mario Monicelli e Pupi Avati.

E' scomparso a Roma all'età di 83 anni l'attore Carlo Delle Piane. A dare la notizia la moglie Anna Crispino. L'attore aveva festeggiato lo scorso anno i 70 anni di un una lunga e prolifica carriera iniziata a soli 12 anni e in cui l'attore ha interpretato oltre 100 pellicole lavorando con alcuni dei più importanti registi e attori come Alberto Sordi, Mario Monicelli, Totò, Vittorio De Sica, Steno e naturalmente il lungo sodalizio con l'amico Pupi Avati.

Carlo Delle Piane nasce a Roma il 2 febbraio del 1936 e debutta nel mondo dello spettacolo nel 1948, quando venne scelto da Vittorio De Sica e Duilio Coletti per interpretare il ruolo di Garoffi nel film Cuore, durante una serie di provini in giro per le scuole.

Ero alle medie al Pio XI di Roma e lì arrivarono gli assistenti del regista Duilio Coletti che cercavano tra gli alunni i ragazzi per il film Cuore. Io, che ero sempre all'ultimo banco e non andavo troppo bene a scuola, non capivo chi fossero, pensavo che stessero per interrogarmi e quasi mi nascondevo. Ma fui scelto, anche se allora sembravo un extraterrestre piccolo e con le gambe sottili sottili. Da allora mi ritrovai a lavorare con grandi artisti, ma non davo loro importanza, per me il cinema era un modo per non andare a scuola e mettermi qualche soldo in tasca.

Carlo Delle Piane

Due anni dopo la collaborazione con De Sica e Coletti arriva inatteso un secondo ruolo in Domani è troppo tardi, del regista francese Léonide Moguy. L'anno successivo l'attore è la fianco di Aldo Fabrizi e Totò in Guardie e ladri di Steno e Monicelli. Nel 1954 è la volta di altro classico, Un americano a Roma, dove interpreta Romolo Pellacchioni detto "Cicalone", l'amico di Nando Mericoni, interpretato da Alberto Sordi. Il suo volto caratterizzante e una naturale spontaneità davanti alla macchina da presa lo portano ad interpretare molte pellicole di spicco degli anni '50 come I pappagalli (1955) con Aldo Fabrizi e Alberto Sordi, Ladro lui, ladra lei (1958) ancora con Sordi, Fortunella di Eduardo De Filippo (1958), L'amico del giaguaro (1959) con Walter Chiari e Quanto sei bella Roma (1959) con Claudio Villa.

Gli anni '60 vedono Delle Piane collaborare a più riprese con Totò recitando in Totò contro i quattro (1963), Il monaco di Monza (1963) e Totò e Cleopatra (1963), l'attore interpreta anche i "musicarelli" Perdono (1966) con Caterina Caselli e Zum Zum Zum nº 2 (1969) con Little Tony. In quello stesso periodo l'attore ionterpreta Bojetto, il figlio di Mastro Titta, al fianco di Nino Manfredi nello spettacolo "Rugantino".

Dopo aver lavorato con Vittorio Gassman in Senza famiglia, nullatenenti cercano affetto (1972) e con Roman Polanski in Che? (1972), l'attore nel 1973 è vittima di un incidente automobilistico che lo lascia in coma per oltre un mese. Dopo la brutta esperienza Delle Piane torna sul set per recitare in una manciata di commedie tra le quali La dottoressa del distretto militare (1976) con Edwige Fenech, Una bella governante di colore (1976) al fianco di Renzo Montagnani e Passi furtivi in una notte boia (1976) con Walter Chiari, film tratto dal romanzo "un colpo in tre atti" di Giorgio Santi Zelmaide.

Nel 1977 prende il via il lungo sodalizio artistico con Pupi Avati che metterà in risalto il registro drammatico di Delle Piane a partire da Tutti defunti...tranne i morti (1977), collaborazione che segnerà una svolta nella carriera di Delle Piane. Con Avati l'attore girerà 10 film tra cui Regalo di Natale (1986) e il sequel La rivincita di Natale (2004) in cui interpreta l'avvocato Santelia, ruolo che gli valse nel 1986 la Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile al Festival di Venezia. Tra gli altri ruoli interpretati per Avati ricordiamo quelli del professore innamorato di Una gita scolastica (1983) che gli valse un Nastro d'argento (migliore attore), il fornaio Vanni Porelli in Festa di laurea (1985) e Il frate Giovanni da Cantalupo in I cavalieri che fecero l'impresa (2001).

Nel 1997 Delle Piane esordisce alla regia con Ti amo Maria, sua unica prova dietro la macchina da presa. Nel 2005 recita nei panni di un professore in in Tickets, film a episodi diretto da Ermanno Olmi, Ken Loach e Abbas Kiarostami. Lo stesso anno è diretto da Luca Miniero e Paolo Genovese nella commedia Nessun messaggio in segreteria. L'ultima interpretazione di Delle Piane sul grande schermo risale al 2017 quando riprende il ruolo dell'avvocato Santelia, già interpretato in "Regalo di Natale" di Pupi Avati, per il film Chi salverà le rose? in cui recita da protagonista al fianco di Lando Buzzanca, Philippe Leroy e Caterina Murino.

 

Filmografia


Cuore, regia di Duilio Coletti (1948)
Vogliamoci bene!, regia di Paolo William Tamburella (1950)
Domani è troppo tardi, regia di Léonide Moguy (1950)
Io sono il capataz, regia di Giorgio Simonelli (1951)
Il caimano del Piave, regia di Giorgio Bianchi (1951)
La famiglia Passaguai, regia di Aldo Fabrizi (1951)
Guardie e ladri, regia di Steno e Monicelli (1951)
Mamma mia, che impressione!, regia di Roberto Savarese (1951)
Un ladro in paradiso, regia di Domenico Paolella (1952)
La famiglia Passaguai fa fortuna, regia di Aldo Fabrizi (1952)
Bellezze a Capri, regia di Adelchi Bianchi (1952)
Papà diventa mamma, regia di Aldo Fabrizi (1952)
Il tenente Giorgio, non accreditato, regia di Raffaello Matarazzo (1952)
È arrivato l'accordatore, regia di Duilio Coletti (1952)
Gioventù alla sbarra, regia di Ferruccio Cerio (1953)
L'uomo la bestia e la virtù, regia di Steno (1953)
Fermi tutti... arrivo io!, regia di Sergio Grieco (1953)
Un americano a Roma, regia di Steno (1954)
Ho ritrovato mio figlio, regia di Elio Piccon (1954)
Vacanze a Villa Igea, regia di Maximo Giuseppe Alviani (1954)
Bella non piangere, regia di David Carbonari (1955)
La grande speranza, regia di Duilio Coletti (1955)
Divisione Folgore, regia di Duilio Coletti (1955)
La ladra, regia di Mario Bonnard (1955)
I pappagalli, regia di Bruno Paolinelli (1955)
La ragazza di Via Veneto, regia di Marino Girolami (1955)
Da qui all'eredità, regia di David Carbonari (1955)
Un colpo da due miliardi (Sait-on jamais...), regia di Roger Vadim (1957)
Sette canzoni per sette sorelle, regia di Marino Girolami (1957)
La canzone del destino, regia di Marino Girolami (1957)
Le belle dell'aria, regia di Mario Costa (1957)
Serenate per 16 bionde, regia di Marino Girolami (1957)
La canzone più bella, regia di Ottorino Franco Bertolini (1957)
Buongiorno primo amore!, regia di Marino Girolami e, per la versione spagnola, Antonio Momplet (1957)
Ladro lui, ladra lei, regia di Luigi Zampa (1958)
Fortunella, regia di Eduardo De Filippo (1958)
Quando gli angeli piangono, regia di Marino Girolami (1958)
Adorabili e bugiarde, regia di Nunzio Malasomma (1958)
La ragazza di piazza San Pietro, regia di Piero Costa (1958)
Serenatella sciuè sciuè, regia di Carlo Campogalliani (1958)
Non sono più Guaglione, regia di Domenico Paolella (1958)
L'amico del giaguaro, regia di Giuseppe Bennati (1959)
Quanto sei bella Roma, regia di Marino Girolami (1959)
Spavaldi e innamorati, regia di Giuseppe Vari (1959)
Caccia al marito, regia di Marino Girolami (1960)
Un mandarino per Teo, regia di Mario Mattoli (1960)
Ferragosto in bikini, regia di Marino Girolami (1960)
La ragazza sotto il lenzuolo, regia di Marino Girolami (1961)
Bellezze sulla spiaggia, regia di Romolo Girolami (1961)
Scandali al mare, regia di Marino Girolami (1961)
Le magnifiche 7, regia di Marino Girolami (1961)
Walter e i suoi cugini, regia di Marino Girolami (1961)
Nerone '71, regia di Walter Filippi (1962)
Gli italiani e le donne, episodio "I Galli del Colosseo", regia di Marino Girolami (1962)
Twist, lolite e vitelloni, regia di Marino Girolami (1962)
Totò contro i quattro, regia di Steno (1963)
Il monaco di Monza, regia di Sergio Corbucci (1963)
Ballo in maschera da Scotland Yard (Maskenball bei Scotland Yard - Die Geschichte einer unglaublichen Erfindung), regia di Domenico Paolella (1963)
Totò e Cleopatra, regia di Fernando Cerchio (1963)
I 4 tassisti, regia di Giorgio Bianchi (1963)
Siamo tutti pomicioni, episodio "Colonnello e signora", regia di Marino Girolami (1963)
I ragazzi dell'hully gully, regia di Marcello Giannini (1964)
Canzoni, bulli e pupe, regia di Carlo Infascelli (1964)
Veneri al sole, episodio "Intrigo al mare", regia di Marino Girolami (1965)
Caccia alla volpe, non accreditato, regia di Vittorio De Sica (1966)
Perdono, regia di Ettore Maria Fizzarotti (1966)
Scacco internazionale, regia di Giulio Rosati (1968)
Don Chisciotte e Sancio Panza, regia di Giovanni Grimaldi (1968)
Susanna... ed i suoi dolci vizi alla corte del re (Frau Wirtin hat auch einen Grafen), regia di François Legrand (1968)
Il sole è di tutti, regia di Domenico Paolella (1968)
L'arcangelo, regia di Giorgio Capitani (1969)
Zum Zum Zum nº 2, regia di Bruno Corbucci (1969)
Pensiero d'amore, regia di Mario Amendola (1969)
Le Avventure Di Gerard, regia di Jerzy Skolimowsky (1970)
Quelli belli... siamo noi, regia di Giorgio Mariuzzo (1970)
Lacrime d'amore, regia di Mario Amendola (1970)
Lady Barbara, regia di Mario Amendola (1970)
All'ovest di Sacramento, regia di Federico Chentrens (1971)
Senza famiglia, nullatenenti cercano affetto, regia di Vittorio Gassman (1972)
Che?, regia di Roman Polański (1972)
Teresa la ladra, regia di Carlo Di Palma (1973)
I 7 magnifici cornuti, regia di Luigi Russo (1974)
La signora gioca bene a scopa?, regia di Giuliano Carnimeo (1974)
L'insegnante, regia di Nando Cicero (1975)
La dottoressa del distretto militare, regia di Nando Cicero (1976)
Una bella governante di colore, regia di Luigi Russo (1976)
Passi furtivi in una notte boia, regia di Vincenzo Rigo (1976)
Tutti defunti... tranne i morti, regia di Pupi Avati (1977)
Jazz Band, regia di Pupi Avati, miniserie tv (1978)
Le strelle nel fosso, regia di Pupi Avati (1979)
Cinema!!!, regia di Pupi Avati, miniserie tv (1979)
La moglie dell'amico è sempre più... buona (1980)
Dancing Paradise, regia di Pupi Avati (1982)
Una gita scolastica, regia di Pupi Avati (1983)
Noi tre, regia di Pupi Avati (1984)
Festa di laurea, regia di Pupi Avati (1985)
Regalo di Natale, regia di Pupi Avati (1986)
Sposi, 2° episodio, regia di Cesare Bastelli (1988)
I giorni del commissario Ambrosio, regia di Sergio Corbucci (1988)
Il prato delle volpi, regia di Piero Schivazappa (miniserie TV, 1990; ruolo: prete)
Condominio, regia di Felice Farina (1991)
Un amore americano, regia di Piero Schivazappa (1992)
Dichiarazioni d'amore, regia di Pupi Avati (1994)
Io e il re, regia di Pupi Avati (1995)
Ti amo Maria, regia di Carlo Delle Piane (1997)
La via degli angeli, regia di Pupi Avati (1999)
I cavalieri che fecero l'impresa, regia di Pupi Avati (2001)
La rivincita di Natale, regia di Pupi Avati (2004)
Tickets, regia di Ermanno Olmi, Ken Loach, Abbas Kiarostami (2005)
Nessun messaggio in segreteria, regia di Luca Miniero, Paolo Genovese (2005)
Ogni Giorno (cortometraggio) regia di Francesco Felli (2008)
Il bello del cinema italiano, regia di Giuseppe Aquino (2011), documentario
Linea gotica, regia di Stefano Giulidori (2012)
Culurzones, regia di Francesco Giusani (2013), cortometraggio
Chi salverà le rose?, regia di Cesare Furesi (2017)

 

Fonte: La Repubblica

 

 

 

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail