Grandi bugie tra amici: trailer italiano del sequel di "Piccole bugie tra amici"

Grandi bugie tra amici: video, trailer, poster, immagini e tutte le informazioni sulla commedia di Guillaume Canet nei cinema italiani dal 12 settembre 2019.

[Per visionare il trailer clicca sull'immagine in alto]

 

Il 12 settembre Movies Inspired porta nei cinema italiani la commedia francese Grandi bugie tra amici. Il regista Guillaume Canet fornisce un sequel al suo Piccole bugie tra amici riunendo il cast del film del 2010 che include François Cluzet, Marion Cotillard, Gilles Lellouche, Laurent Lafitte e Benoît Magimel.

 

La trama ufficiale:

 

Preoccupato, Max si è rifugiato nella sua casa al mare per ritrovare la tranquillità. I suoi migliori amici, che non vede da tre anni, bussano a sorpresa alla sua porta il giorno del suo compleanno. La sorpresa è ben riuscita, meno l’accoglienza che Max riserva al gruppo... Ben presto Max precipiterà in un gioco di finzione e di falsa felicità che metterà la banda di fronte a delle situazioni a dir poco inattese. I bambini sono diventati grandi, altri sono venuti al mondo e i genitori non hanno più le stesse priorità... le delusioni, gli incidenti della vita... quando tutti decidono di gettare la maschera, cosa resta allora dell’amicizia?


 

 

Il regista Guillaume Canet racconta come è nata l’idea di dare un seguito a ‘Piccole Bugie tra Amici’.

Quest’idea mi è rimasta per molto tempo estranea perché avevo un ricordo doloroso di quell’esperienza. ‘Piccole Bugie tra Amici’ è nato in circostanze particolari. Avevo passato un bel po’ di tempo in ospedale per una grave infezione con un rischio di setticemia annesso. Avevo rischiato di morire ma nessuno dei miei amici era venuto al mio capezzale. Quel momento estremamente difficile da vivere e quell’amara constatazione sull’amicizia mi spinsero a scrivere ‘Piccole Bugie tra Amici’ in sei settimane. E ciò spiega quell’emozione esasperata che qualcuno ha potuto rimproverarmi. Certi personaggi di ‘Piccole Bugie tra Amici’ riflettevano in parte i lati negativi della mia persona e tutto ciò che non mi piace nella natura umana. Anche le riprese non si svolsero in tutta tranquillità. E soprattutto, il giorno dell’uscita del film, uno dei miei migliori amici è morto in un incidente di moto. Da quel momento tutto si è fermato. Il successo ottenuto dal film mi è sembrato ben poca cosa rispetto a quella tragedia. Ho quindi messo da parte ‘Piccole Bugie tra Amici’ per qualche anno. Fino a quando una sera, qualche anno più tardi, mi è capitato di rivedere per caso il film in tv. Ho scoperto che mi divertiva, mi emozionava e che ritrovavo con piacere quei personaggi. Senza però avere ancora l’idea di ritrovarli in un altro film.

 

Frncois Cluzet racconta cosa lo ha spinto a recitare in questo seguito di "Piccole Bugie tra Amici".

Quando ho ricevuto la proposta sono stato innanzitutto felice di poter ritrovare Guillaume con cui ho conosciuto due grossi successi. In seguito c’era questa possibilità di ritrovare me stesso in un precedente personaggio – cosa che non mi era mai successa in carriera – e i miei colleghi nei loro. Con tutto il background di ricordi annessi alle scene che avevamo girato. Quindi sulla carta, tutto ciò era veramente molto interessante e non doveva limitarsi ad una semplice riunione di vecchi amici. In più sono stato veramente colpito per la qualità della sceneggiatura di Guillaume, a cominciare dal modo in cui struttura dall’inizio del film l’ellisse di quegli otto anni. Si capisce rapidamente che la morte di Ludo ha fatto esplodere la banda. E di conseguenza che il tono di ‘Grandi Bugie tra Amici’ sarà diverso da quello del precedente.

 

Marion Cotillard racconta cosa l’ha spinta a riprendere il ruolo di Marie a nove anni da "Piccole bugie tra amici".

Ero chiaramente curiosa di vedere quello che Guillaume avrebbe fatto dei suoi personaggi dieci anni dopo. Ma, come ogni volta, ero anche ansiosa. Siamo sempre ansiosi di leggere la sceneggiatura di qualcuno che amiamo, stimiamo e ammiriamo, anche se so che con Guillaume si può sempre parlare a proposito del proprio personaggio. In ogni film racconta delle cose molto personali. C’è sempre una profondità in ciò che propone ma anche evidentemente del lavoro per confezionare il migliore prodotto per lo spettatore. Ho quindi letto molte versioni di ‘Grandi Bugie tra Amici’. Sono molto esigente con Guillaume perché conosco il suo talento, sono fino a dove può arrivare e provo, grazie alla mia posizione, di motivarlo il più possibile. Ecco perché non gli ho detto subito sì. Ho aspettato di essere completamente conquistata. Ma quando arriva quel momento... che felicità! È in quel momento che l’emozione di ritrovare quei personaggi mi pervade completamente

 

 

 

  • shares
  • Mail