Joker: Joaquin Phoenix non voleva Thomas Wayne nel film

A ribadire al lontananza del film "Joker" dai fumetti, Todd Phillips rivela che Joaquin Phonex non era contento dell'inclusione di Thomas Wayne nel film.

Sin dall'inizio il regista Todd Phillips e tutti coloro che sono stati coinvolti nel film Joker, hanno ribadito a più riprese che fumetti e cinefumetti non erano stati punti riferimento da cui attingere nello sviluppo del film: vedi la mancanza dello stesso Batman e di alcuni elementi della storia di origine dell'iconico villain, come la vasca di sostanze chimiche che ha generato il folle Principe Pagliaccio del Crimine. Questo vero e proprio "rifiuto" del film rispetto ai fumetti ha visto lo stesso Joaquin Phoenix piuttosto scontento dell'inclusione di Thomas Wayne, padre di Bruce Wayne, nella trama del film.

In una recente intervista il regista Todd Phillips ha rivelato che Joaquin Phoenix in realtà non era d'accordo con alcun riferimento al vasto mondo di Batman.

A [Joaquin] non è mai piaciuto pronunciare il nome Thomas Wayne. Sarebbe stato più facile per lui se il film si fosse chiamato "Arthur" e non avesse nulla a che fare con nessuna di queste cose. Ma alla lunga penso che l'abbia capito e apprezzato.

 

Queste parole di Phillips suggeriscono che Phoenix non aveva davvero interesse a recitare in un cinefumetto e preferiva di gran lunga pensare al film come alla storia di un singolo personaggio e ad uno scavo psicologico della personalità.

Parlando del film come uno "studio" del personaggio, la drastica perdita di peso che Phoenix ha subito è stato uno dei molti punti di discussione. Phoenix parlando del corpo scheletrico del suo personaggio ha rivelato che è stato fonte di disaccordo tra lui e Phillips, l'attore aveva subito una drastica perdita di peso in passato e non aveva alcuna voglia di affrontarla di nuovo.

È un modo orribile di vivere. Penso che [Arthur] dovrebbe essere un po' appesantito. Todd invece era tipo: "Penso che dovresti farlo come una persona molto magra".

 

La mancanza del Crociato Incappucciato nel film ha permesso a Phillips di schivare l'elemento fumetto tanto inviso a Phoenix, con il film che ha incassato le lodi della critica a seguito delle tappe al Toronto International Film Festival e al Festival di Venezia, dove il film ha ricevuto a sorpresa l'ambito Leone d'oro al miglior film, ma anche qualche perplessità sulla brutale rappresentazione su schermo della violenza nella società. Conquistata Venezia, Phoenix ha ufficialmente iniziato la sua corsa per un posto nella categoria miglior attore protagonista agli Oscar 2020.

Il "Joker" di Todd Phillips arriva nei cinema il 3 ottobre.

 

Fonte: New York Times

 

 

 

  • shares
  • Mail