Stasera in tv: "Zona d'ombra - Una scomoda verità" su Rai 3

Rai 3 stasera propone Zona d'ombra - Una scomoda verità (Concussion), film drammatico del 2015 diretto da Peter Landesman e interpretato da Will Smith, Alec Baldwin, Albert Brooks e Gugu Mbatha-Raw.

[Per visionare il trailer clicca sull'immagine in alto]

 

Cast e personaggi


Will Smith: dott. Bennet Omalu
Alec Baldwin: dott. Julian Bailes
Albert Brooks: dott. Cyril Wecht
Gugu Mbatha-Raw: Prema Mutiso
David Morse: Mike Webster
Arliss Howard: dott. Joseph Maroon
Mike O'Malley: Daniel 'Danny' Sullivan
Eddie Marsan: dott. Steven DeKosky
Hill Harper: Christopher Jones
Adewale Akinnuoye-Agbaje: Dave Duerson
Stephen Moyer: dott. Ron Hamilton
Richard T. Jones: Andre Waters
Paul Reiser: dott. Elliot Pellman
Luke Wilson: Roger Goodell
Sara Lindsey: Gracie
Eme Ikwuakor: Amobi Okoye
Matthew Willig: Justin Strzelczyk
Bitsie Tulloch: Keana Strzelczyk

Doppiatori italiani

Sandro Acerbo: dott. Bennet Omalu
Mario Cordova: dott. Julian Bailes
Carlo Valli: dott. Cyril Wecht
Rossella Acerbo: Prema Mutiso
Francesco Pannofino: Mike Webster
Alessandro Rossi: Dave Duerson

 

Trama e recensione


 

Will Smith interpreta il Dr. Bennet Omalu, il neuropatologo forense che ha fatto la prima scoperta della CTE (Encefalopatia traumatica cronica) che si verifica a seguito di traumi multipli o colpi al cervello e ha combattuto per portare alla luce la verità. Nella sua ricerca della verità dietro la malattia devastante, la ricerca di Omalu umanizza il prezzo pagato da atleti professionisti negli sport d'impatto, ma anche da parte di persone che sfidano lo status quo esponendo gli interessi politici, culturali e sociali che alimentano il business dello sport.

 

 

Curiosità




  • Will Smith per il suo ruolo in questo film ha mancato la candidatura agli Oscar, ma ha ricevuto una candidatura ai Golden Globes per il miglior attore in un film drammatico.

  • Il dottor Bennet Omalu ha condotto l'autopsia su diversi giocatori defunti che avevano militato nei Pittsburgh Steelers, tra cui il "centro" Mike Webster. Ciò ha contribuito a scoprire l'esistenza di un trauma cerebrale specifico subito sul campo. Il film si propone di mostrare come il medico ha svolto un ruolo importante nel convincere la NFL che il football è pericoloso per la testa. Anche se in ultima analisi l'istituzione sportiva ha dimostrato poco interesse a promuovere le opere del dottor Bennet Omalu.

  • Il film prodotto da Ridley Scott e diretto da Peter Landesman (La regola del gioco, Parkland) è parzialmente basato su un articolo pubblicato su GQ dal titolo "Game Brain" scritto da Jeanne Marie Laskas.

  • Encefalopatia traumatica cronica (CTE) è una malattia degenerativa progressiva del cervello che si riscontra in atleti (e non solo), con una storia di reiterati traumi cerebrali, incluse commozioni cerebrali sintomatiche e asintomatiche causate da colpi subconcussivi alla testa. La CTE riscontrata in precedenza nei pugili durante gli anni '20 e conosciuta come Sindrome da demenza pugilistica, grazie alla ricerca del Dr. Omalu è stata riscontarta anche in giocatori di football professionisti in pensione e altri atleti con una storia di traumi cerebrali multipli. Questo trauma provoca progressiva degenerazione del tessuto cerebrale, tra cui l'accumulo di una proteina anomala chiamata Tau. Questi cambiamenti nel cervello possono cominciare mesi, anni o anche decenni dopo l'ultima trauma cerebrale subito o alla fine del coinvolgimento atletico attivo. La degenerazione del cervello è associata a perdita di memoria, confusione, giudizio alterato, problemi di controllo degli impulsi, aggressività, depressione e alla fine demenza progressiva.

  • Il regista Peter Landesman sulle implicazioni del film e il regista ha insistito sul fatto che non sta cercando di allontanare la gente dallo sport:


Ero molto concentrato su questa storia. Non mi sento responsabile o connesso alle conseguenze. I narratori non possono esserlo. In caso contrario si viene ostacolati da dalla propria coscienza. Devi solo dire la verità con la maggior integrità possibile. Non ho alcuna posizione sulla necessità o meno che la gente debba giocare a football o se i loro figli debbano giocare a football. Per me questa è una storia sul fare scelte da adulti una volta che si hanno le informazioni e le informazioni sono state occultate per lungo tempo, sono state sepolte e coperte da persone che non volevano danneggiare lo sport, le informazioni ora sono là fuori e spero che questo film metta insieme le informazioni in un modo che il pubblico riesca a metabolizzare così da poter fare delle scelte. Quindi ora sapete che i traumi possono uccidere e praticare lo sport può uccidere, ora ogni genitore di giocatori di college, di giocatori di liceo e di giocatori professionisi sapete cosa può accadere se avete intenzione di lasciare i vostri figli giocare. E' lo stesso discorso con fumo, alcol e droghe. Mi piace pensare in qualche modo che la vita sia un rischio professionale. Qualcosa che facciamo nella nostra vita potrebbe ucciderci; forse ora, forse 50 anni da oggi. Devi scegliere in piena consapevolezza. Ci piace bere e essere allegri e felici, sappiamo che non è un bene per noi, ma lo facciamo. Si tratta di fare scelte da adulti.



  • Per prepararsi al film, Will Smith, scrittore e regista Peter Landesman hanno osservato le autopsie, tra cui due eseguite dal dott. Bennet Omalu.

  • Durante l'uscita nelle sale del film, Sony Pictures ha offerto anteprime e proiezioni gratuite agli ex giocatori della NFL e alle loro famiglie.

  • Prima della morte di Mike Webster, durante il momento peggiore legato ai suoi problemi di salute mentale legati al CTE, questo film lo mostra da solo nel suo camion (dove aveva iniziato a vivere) quando si toglie i pantaloni e applica un'arma elettronica in stile Taser alla propria gamba pesantemente lesionata. Sebbene il film non fornisca mai una spiegazione per questa azione, gli articoli su ESPN.com e su GQ riguardanti la morte di Webster e la ricerca di Bennet Omalu hanno spiegato che Webster ha fatto questo a se stesso perché a quel punto della sua malattia, non era in grado di addormentarsi, ma il Taser lo avrebbe almeno reso incosciente per brevi periodi di tempo.

  • Mike Webster è morto all'età di cinquant'anni, a causa di un infarto. La sua vita dopo il football, lo trovò a vivere in un camion, a dormire nelle stazioni ferroviarie e ad essere arrestato per aver falsificato diciannove prescrizioni di Ritalin che secondo Webster assumeva per aiutare con il suo danno cerebrale causato da commozioni cerebrali. I medici hanno determinato che il suo lobo frontale era danneggiato causando disfunzione cognitiva. Al momento della sua morte, era senzatetto, disoccupato, profondamente indebitato con problemi di salute, senza assicurazione sanitari e nel mezzo di un divorzio.

  • Nel suo ufficio, quando il dottor Julian Bailes (Alec Baldwin) prepara Mike Webster (David Morse) per un'iniezione di Haldol, c'è un primo piano di una sezione trasversale montata del cranio di un uccello posto sul tavolo alla destra si Mike. Il cranio è un picchio e mostra l'esclusivo sistema di lingua che funge da ammortizzatore per il suo cervello quando becca gli alberi. Il Dr. Omalu spiega il meccanismo al Dr. Steve DeKosky più avanti nel film. ("È l'equivalente anatomico di una cintura di sicurezza per il suo cervello".)

  • I caschi da football hanno adesivi di avvertimento e li hanno da diversi decenni. Sebbene il testo sia variato a seconda del produttore e del periodo, di solito avvertono i giocatori di non usare il casco per "lanciare, speronare o colpire un avversario" e che "nessun casco può prevenire tutte queste lesioni".

  • Alec Baldwin ha seguito e studiato diversi importanti medici di Pittsburgh mentre si preparava per il film

  • A Will è stato offerto per la prima volta questo film per telefono dal coproduttore Ridley Scott, che ha affermato che era "un regalo".

  • Sebbene non sia mai stato menzionato nel film, Chris Nowinski, autore americano, co-fondatore e direttore esecutivo della Concussion Legacy Foundation, ed ex wrestler professionista con World Wrestling Entertainment e famoso per essere il primo alunno di Harvard della WWE, ha scritto "Head Games: Football's Concussion Crisis, che ha esaminato gli effetti a lungo termine del trauma cranico tra gli atleti. Nowinski ha avuto un ruolo fondamentale nella scoperta del quarto caso di encefalopatia traumatica cronica (CTE) in un ex giocatore di football della NFL, l'ex lineman offensivo dei Pittsburgh Steelers Justin Strzelczyk, che è stato ucciso in un lungo incidente automobilistico nel 2004 all'età di 36 anni dopo un inseguimento della polizia di 59 km, contromano e a 160 km/h. Julian Bailes, presidente del dipartimento di neurochirurgia della West Virginia University e neurochirurgo del team Steelers durante la carriera di Strzelczyk, ha insistito con Nowinski durante una conversazione telefonica che pensava che la morte di Strzelczyk, scatenata da uno strano comportamento che alcuni avevano etichettato come "bipolare ", valeva la pena di essere esaminato a causa delle sue somiglianze con il caso Andre Waters. Nowinski contattò Omalu, che scoprì che il cervello era ancora disponibile, e Nowinski chiamò Mary Strzelczyk, la madre di Justin, per chiedere il permesso a Omalu di esaminarlo per CTE. La diagnosi positiva di Omalu è stata confermata da altri due neuropatologi.

  • Matthew Willig, che ha un ruolo nel film, dovrebbe conoscere fin troppo bene l'argomento, dato che ha trascorso quattordici stagioni giocando nella National Football League.

  • A Lupita Nyong'o è stato offerto il ruolo di Prema Mutiso.

  • La mancata canddatura agli Oscar di Will Smith come miglior attore per questo film è stato uno degli incentivi per la discussione OscarsSoWhite 2016, una controversia sulla relativa mancanza di diversità razziale tra i nominati. La moglie di Smith, Jada Pinkett Smith, ha successivamente cercato di organizzare un boicottaggio della cerimonia.

  • Il Dr. Bennet Omalu fa riferimento alla popolare serie tv Friends, quando inizia la sua prima autopsia su una donna di nome Rachel Green, lo stesso nome del personaggio di Jennifer Aniston nella serie tv.

  • I veri giocatori di football menzionati con le loro date di morte sono: Mike Webster (24 settembre 2002), Justin Strzelczyk (30 settembre 2004), Terry Long (7 giugno 2005), Andre Waters (20 novembre 2006), Dave Duerson (17 febbraio 2011) e Junior Seau (2 maggio 2012).

  • La famiglia di Dave Duerson è rimasta sconvolta dalla rappresentazione ddi Duerson nel film. Ci sono state due scene che affermano non essere mai accadute. La prima è una scena in cui il Dr. Omalu viene fermato da Duerson mentre sta entrando ad una conferenza medica e viene definito un ciarlatano (da Duerson) e gli viene detto di tornare in Africa e di stare lontano dal football ("Stai lontano dal nostro gioco"). La famiglia dice che tutto ciò non è mai successo. Un'altra scena che la famiglia Duerson considera fabbricata mostra una contrapposizione tra Duerson e Andre Waters, un ex giocatore la cui domanda di benefit è stata respinta da una commissione di ex giocatori in pensione che includeva Duerson. Waters sorprende Duerson fuori dal quartier generale della NFL, dove Duerson respinge la sua richiesta. Il film suggerisce che se Duerson avesse aiutato Waters, il suo suicidio avrebbe potuto essere evitato.

  • Il film costato 35 milioni di dollari ne ha incassati nel mondo ne ha incassati nel mondo circa 48.


La colonna sonora




  • Le musiche originali del film del candidato all'oscar James Newton Howard (Il fuggitivo, Il cavaliere oscuro, Hunger Games).

  • Klayton (frontman dEI Celldweller) ha fornito la programmazione synth per la partitura musicale.


TRACK LISTINGS:

1. Concussion James Newton Howard
2. Dr. Bennet Testifies
3. Strzelczyk Visits Webster
4. Webster's Autopsy
5. Jacked Up
6. The Head as a Weapon
7. Bennet and Prema
8. Strzelczyk Loses It
9. Published - Marry Me
10. We Used to Be Warriors
11. Tell the Truth
12. I am Offended
13. Shakespeare
14. News Conference
15. Hello Little One
16. Prema Followed
17. Be at Peace
18. Bennet's Decision
19. Concussion End Titles
20. In the Darkness - Lisbeth Scott

 


 

[Per guardare il video clicca sull'immagine in alto]

 

 

  • shares
  • Mail