E' morto Carlo Croccolo: il ricordo di Blogo

E'scomparso a 92 anni l'attore napoletano di cinema e teatro Carlo Croccolo.

E' scomparso a 92 anni Carlo Croccolo, attore napoletano di cinema, teatro e televisione. La notizia della scomparsa è stata pubblicata sulla pagina Facebook dell'attore:

Questa mattina, alle prime luci dell’alba, si è spento il maestro Carlo Croccolo. Ha vissuto una vita straordinaria come straordinario è stato il suo talento. I funerali si terranno domani, domenica 13 ottobre, alle ore 16, presso la Chiesa San Ferdinando a Piazza Trieste e Trento.

 

Carlo Croccolo nasce a Napoli il 9 aprile 1927 e inizia la carriera nel 1950, interpretando alla radio la commedia "Don Ciccillo si gode il sole", in teatro recitando in "L'Anfiparnaso" diretto da Mario Soldati e al cinema con ruoli in una manciata di film comici, tre dei quali interpretati al fianco di Totò: 47 morto che parla, Tototarzan, e Totò sceicco.

Nel 1951 partecipa al film Bellezze in bicicletta, un film corale di grande successo con Silvana Pampanini e Delia Scala; nel 1952 è diretto da Eduardo De Filippo in Ragazze da marito con Peppino De Filippo e Titina De Filippo e nel 1956 torna a recitare con Totò in Totò lascia o raddoppia?.

Gli anni '60 vedono Croccolo al fianco di Totò in Signori si nasce (1960), l'anno dopo è nel musicarello Mina... fuori la guardia e nella parodia Maciste contro Ercole nella valle dei guai con Franco Franchi e Ciccio Ingrassia e nel 1963 recita con Aldo Fabrizi, Macario, Nino Taranto e Peppino De Filippo in I quattro moschettieri. Nel 1964 è l'extraterrestre X2 in I marziani hanno 12 mani, esordio alla regia di Castellano e Pipolo, nel 1965 è al fianco di Gianni Morandi nel musicarello Non son degno di te e nel 1968 appare nel Diabolik di Mario Bava nei panni di un camionista.

Tra i film interpretati da Croccolo negli anni '70 ricordiamo i western Una pistola per cento croci (1971) e Black Killer (1971) che hanno visto l'attore  in veste di regista con lo pseudonimo Lucky Moore. Nel 1976 è nel film a episodi Signore e signori, buonanotte e nel 1977 è nel cast della commedia corale Casotto di Sergio Citti.

Nel 1983 Croccolo recita con Giancarlo Giannini in Mi manda Picone di Nanni Loy nei panni del barone Armando; nel 1986 doppia alcuni personaggi de Il Camorrista di Giuseppe Tornatore. Nel 1989 recita in 'o Re, ruolo che gli vale un David di Donatello, l'anno dopo è In nome del popolo sovrano ancora diretto da Luigi Magni, e lo stesso anno recita con Alberto Sordi in L'avaro nei panni di Mastro Simone. Nel 1997 Croccolo recita in Tre uomini e una gamba esordio sul grande schermo di Aldo, Giovanni e Giacomo in cui interpreta il cavalier Eros Cecconi, terrificante genero di Giacomo.

Gli anni 2000 vedono Croccolo recitare in Ogni lasciato è perso, esordio alla regia di Piero Chiambretti (2001) e nel 2005 è il nonno di Vincenzo Salemme in Cose da pazzi. L'ultimo ruolo sul grande schermo dell'attore risale al 2014 nella commedia Vacanz... ieri, oggi e domani di Lucio Ciotola e Fabio Massa. Croccolo ha interpretato un totale di 118 film e durante la sua carriera ha anche doppiato Stan Laurel e Oliver Hardy (Stanlio e Ollio), Totò (I due marescialli, Totò diabolicus e Operazione San Gennaro), Nino Taranto (Stasera mi butto) e ha prestato la voce a Dottor No nella serie animata Carletto il principe dei mostri.

 

Filmografia


 

Il conte di Sant'Elmo, regia di Guido Brignone (1950)
47 morto che parla, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1950)
Tototarzan, regia di Mario Mattoli (1950)
L'inafferrabile 12, regia di Mario Mattoli (1950)
I cadetti di Guascogna, regia di Mario Mattoli (1950)
Totò sceicco, regia di Mario Mattoli (1950)
Ha fatto 13, regia di Carletto Manzoni (1951)
Auguri e figli maschi!, regia di Giorgio Simonelli (1951)
Vendetta... sarda, regia di Mario Mattoli (1951)
Libera uscita, regia di Duilio Coletti (1951)
Porca miseria!, regia di Giorgio Bianchi (1951)
Stasera sciopero, regia di Mario Bonnard (1951)
Bellezze in bicicletta, regia di Carlo Campogalliani (1951)
Arrivano i nostri, regia di Mario Mattoli (1951)
Licenza premio, regia di Max Neufeld (1951)
Il caimano del Piave, regia di Giorgio Bianchi (1951)
La paura fa 90, regia di Giorgio Simonelli (1951)
Tizio, Caio e Sempronio, regia di Marcello Marchesi, Vittorio Metz e Alberto Pozzetti (1951)
Ragazze da marito, regia di Eduardo De Filippo (1952)
Primo premio: Mariarosa, regia di Sergio Grieco (1952)
L'eterna catena, regia di Anton Giulio Majano (1952)
Non è vero... ma ci credo, regia di Sergio Grieco (1952)
Siamo tutti milanesi, regia di Mario Landi (1953)
La figlia del reggimento, regia di Goffredo Alessandrini e Géza von Bolváry (1953)
Cuttica, episodio di Gran varietà, regia di Domenico Paolella (1954)
Di qua, di là del Piave, regia di Guido Leoni (1954)
Miseria e nobiltà, regia di Mario Mattoli (1954)
Assi alla ribalta, regia di Ferdinando Baldi e Giorgio Cristallini (1954)
Rosso e nero, regia di Domenico Paolella (1954)
I pinguini ci guardano, regia di Guido Leoni (1955)
Il più comico spettacolo del mondo, regia di Mario Mattoli (1955)
Altair, regia di Leonardo De Mitri (1955)
Totò lascia o raddoppia?, regia di Camillo Mastrocinque (1956)
Cerasella, regia di Raffaello Matarazzo (1959)
Signori si nasce, regia di Mario Mattoli (1960)
Appuntamento a Ischia, regia di Mario Mattoli (1960)
Il mio amico Jekyll, regia di Marino Girolami (1960)
Fontana di Trevi, regia di Carlo Campogalliani (1960)
Meravigliosa, regia di Carlos Arévalo e Siro Marcellini (1960)
Mina... fuori la guardia, regia di Armando William Tamburella (1961)
Fra Manisco cerca guai..., regia di Armando William Tamburella (1961)
L'amante di 5 giorni (L'amant de cinq jours), regia di Philippe de Broca (1961)
Maciste contro Ercole nella valle dei guai, regia di Mario Mattoli (1961)
Pesci d'oro e bikini d'argento, regia di Carlo Veo (1961)
Gli eroi del doppio gioco, regia di Camillo Mastrocinque (1962)
Jessica, regia di Oreste Palella (1962)
Cronache di un convento (The Reluctant Saint), regia di Edward Dmytryk (1962)
I quattro moschettieri, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1963)
Spionaggio a Casablanca (Noches de Casablanca), regia di Henri Decoin (1963)
Adelina, episodio di Ieri, oggi, domani, regia di Vittorio De Sica (1963)
Panic Button... operazione fisco! (Panic Button), regia di George Sherman (1964)
I marziani hanno 12 mani, regia di Castellano e Pipolo (1964)
6 pallottole per Ringo Kid (Freddy und das Lied der Prärie), regia di Sobey Martin (1964)
Una Rolls-Royce gialla (The Yellow Rolls-Royce), regia di Anthony Asquith (1964)
Non son degno di te, regia di Ettore Maria Fizzarotti (1965)
Testa di rapa, regia di Giancarlo Zagni (1966)
Perdono, regia di Ettore Maria Fizzarotti (1966)
Io, io, io... e gli altri, regia di Alessandro Blasetti (1966)
Dio, come ti amo!, regia di Miguel Iglesias (1966)
Caccia alla volpe, regia di Vittorio De Sica (1966)
Come imparai ad amare le donne, regia di Luciano Salce (1966)
Colpo grosso alla napoletana (The Biggest Bundle of Them All), regia di Ken Annakin (1968)
Diabolik, regia di Mario Bava (1968)
Il diario proibito di Fanny, regia di Sergio Pastore (1969)
Una pistola per cento croci, regia di Carlo Croccolo (1971)
Black Killer, regia di Carlo Croccolo (1971)
Passi furtivi in una notte boia, regia di Vincenzo Rigo (1976)
Le seminariste, regia di Guido Leoni (1976)
Signore e signori, buonanotte di registi vari (1976)
Casotto, regia di Sergio Citti (1977)
Mi manda Picone, regia di Nanni Loy (1983)
Massimamente folle, regia di Marcello Troiani (1985)
Il camorrista, regia di Giuseppe Tornatore (1986)
Via Lattea... la prima a destra, regia di Ninì Grassia (1989)
'o Re, regia di Luigi Magni (1989)
In nome del popolo sovrano, regia di Luigi Magni (1990)
L'avaro, regia di Tonino Cervi (1990)
In camera mia, regia di Luciano Martino (1992)
Il cielo è sempre più blu, regia di Antonello Grimaldi (1995)
Uomini uomini uomini, regia di Christian De Sica (1995)
Camerieri, regia di Leone Pompucci (1995)
Giovani e belli, regia di Dino Risi (1995)
Un inverno freddo freddo, regia di Roberto Cimpanelli (1996)
Amare per sempre (In love and war), regia di Richard Attenborough (1996)
Consigli per gli acquisti, regia di Sandro Baldoni (1997)
Tre uomini e una gamba, regia di Massimo Venier e Aldo, Giovanni e Giacomo (1997)
Il commesso viaggiatore, regia di Francesco Dal Bosco (1999)
Il guerriero Camillo, regia di Claudio Bigagli (1999)
Li chiamarono... briganti!, regia di Pasquale Squitieri (1999)
La vita, per un'altra volta, regia di Domenico Astuti (1999)
Quattro scatti per l'Europa, regia di Ivan Carlei - cortometraggio (1999)
Terra bruciata, regia di Fabio Segatori (1999)
Ogni lasciato è perso, regia di Piero Chiambretti (2001)
Il debito, regia di Alfredo Santucci - cortometraggio (2002)
Amore con la S maiuscola, regia di Paolo Costella (2002)
Il quaderno della spesa, regia di Tonino Cervi (2003)
Cose da pazzi, regia di Vincenzo Salemme (2005)
Italian Dream, regia di Sandro Baldoni (2009)
La promessa, regia di Rino Piccolo - cortometraggio (2009)
Volevo solo vivere - Treno 8017 l'ultima fermata, regia di Vito Cesaro e Antonino Miele - cortometraggio (2013)
Vacanz... ieri, oggi e domani, regia di Lucio Ciotola e Fabio Massa (2014)

  • shares
  • Mail