Star Wars: L’ascesa di Skywalker, clamoroso flop in Cina

Il mercato cinese continua a ‘respingere’ Star Wars.

Star Wars: L’ascesa di Skywalker ha incassato 373.5 milioni di dollari in tutto il mondo al suo debutto. In calo tanto negli Usa quanto in Italia rispetto ai precedenti ultimi due capitoli, il film di J. J. Abrams è andato incontro ad un clamoroso flop cinese.

La pellicola ha infatti incassato la miseria di 12 milioni di dollari, comprese le anteprime. Sconfitto dai 46.7 milioni di Ip Man 4 e dai 23 milioni del thriller Sheep Without A Shepherd. Escludendo le anteprime, Rise of Skywalker ha guadagnato appena 8,9 milioni di dollari da venerdì a domenica. Una miseria, considerando l’enormità del mercato cinese, dove Guerre Stellari non ha mai fatto faville (la trilogia originale praticamente non sbarcò mai in sala).

Star Wars: Il risveglio della Forza, nel 2015, aveva complessivamente incassato 124 milioni. Rogue One, primo spin-off, era sceso a 69 mlioni, nonostante la presenza di due divi cinesi come Jiang Wen e Donnie Yen. The Last Jedi (2017) di Rian Johnson aveva raggiunto i 42.5 milioni, mentre Solo: A Star Wars Story toccò quota 16,4 milioni.

Secondo le ultimissime previsioni, questo L’ascesa di Skywalker potrebbe non arrivare a toccare i 20 milioni di dollari. Comunque vada a finire, non entrerà tra i 50 incassi cinesi del 2019. Avengers: Endgame, per dirne uno, ha esordito in Cina con 175,961,330 dollari, arrivando ad un totale di 614,316,021 dollari. La Disney ha lavorato duramente, negli ultimi anni, per provare a sfondare il ricchissimo mercato cinese con la nuova trilogia di Star Wars, ma senza risultati.

Fonte: HollywoodReporter