• Film

Stasera in tv: “Quando un padre” su Canale 5

Canale 5 stasera propone Quando un padre (A Family Man), film drammatico del 2016, diretto da Mark Williams e interpretato da Gerard Butler, Gretchen Mol, Willem Dafoe e Alfred Molina.

[Per visionare il trailer clicca sull’immagine in alto]

 

Cast e personaggi

Gerard Butler: Dane Jensen
Gretchen Mol: Elise Jensen
Maxwell Jenkins: Ryan Jensen
Willem Dafoe: Ed Blackridge
Alison Brie: Lynn Vogel
Anupam Kher: Dr. Savraj Singh
Alfred Molina: Lou Wheeler
Dustin Milligan: Sumner
Julia Butters: Lauren Jensen

Doppiatori italiani

Luca Ward: Dane Jensen
Chiara Colizzi: Elise Jensen
Lorenzo D’Agata: Ryan Jensen
Mario Cordova: Ed Blackridge
Franco Mannella: Dr. Savraj Singh
Alberto Angrisano: Lou Wheeler
Gabriele Lopez: Sumner

 

La trama

 

Dane Jensen (Gerard Butler) è lo spietato “cacciatore di teste” di un’azienda, che per anni ha lavorato 18 ore al giorno per dare alla sua famiglia il migliore tenore di vita possibile, anche a scapito della sua presenza in casa. La sua esistenza, però, cambia all’improvviso quando il figlio di 10 anni si ammala gravemente.

 

Curiosità

  • Il film segna il debutto alla regia di Mark Williams.
  • Durante la proiezione del film al Toronto International Film Festival in Canada, Gerard Butler (Dane Jensen) ha dichiarato in un’intervista sul red carpet che si è divertito così tanto in Canada a lavorare a questo progetto che gli piacerebbe assolutamente vivere di nuovo a Toronto. Gerard Butler trascorreva le estati da adolescente a Toronto lavorando per suo padre, che era divorziato da sua madre, in un negozio di souvenir in Queen’s Quay.
  • Gerard Butler è anche il produttore del film.
  • Il film è stato ideato, scritto e pianificato nell’arco di 6 anni: La sceneggiatura è stata scritta nel novembre 2012 dallo sceneggiatore Bill Dubuque; tre anni dopo è stato annunciato Gerard Butler come protagonista e coproduttore del film al fianco del produttore cinematografico Alan Siegel e  del regista Mark Williams; Le riprese hanno preso il via a dicembre 2015 e ulteriori riprese aggiuntive si sono tenute dall’inizio del 2016 a metà 2016; il film è stato quindi proiettato a Toronto a settembre 2016 per poi uscire nei cinema il 28 luglio 2017.
  • Lo sceneggiatore Bill Dubuque è stato un “cacciatore di teste” aziendale per dodici anni.
  • Lo sceneggiatore Bill Dubuque ha scritto la storia del film nel novembre 2012 con il titolo “The Headhunter’s Calling”, che è rimasto il titolo fino alla fine di gennaio 2017, all’inizio di febbraio 2017 il distributore Voltage Pictures ha cambiato il titolo del film in “A Family Man”.
  • Il film Riunisce Alfred Molina e Willem Dafoe per la prima volta da Spider-Man 2
  • È la prima volta in assoluto che Gerard Butler e Willem Dafoe hanno recitato insieme in un film.

Note di produzione

 

Il debuttante Mark Williams era rimasto profondamente colpito dalla qualità della scrittura e dall’autenticità dei personaggi della sceneggiatura di Bill Dubuque. Già produttore di successo (con film come Flawless e The accountant), Mark è passato dalla scrivania alla poltroncina di regia con totale fiducia nei confronti dello sceneggiatore, della troupe e dell’intero cast, oltre che con una visione a 360° di ciò che voleva.

[quote layout=”big”]Semplice, elegante, classico. Un film come si facevano una volta. Un dramma familiare che si scontra con dilemmi esistenziali di ogni essere umano. L’obiettivo è sempre stato quello di rispettare i personaggi e il mondo in cui vivono.[/quote]

 

Da produttore con anni di esperienza sul set, Mark è risultato predisposto naturalmente nel bilanciare le sue aspirazioni artistiche con le necessità commerciali e di marketing del film.

[quote layout=”big”]Volevo catturare la vera essenza delle voci presenti nel film, senza artifici tecnici o altro, ma, allo stesso tempo, dare appeal e un taglio commerciale al prodotto finale.[/quote]

 

La sceneggiatura esplora il, finora, poco esplorato mondo delle società di recruitment, pur calando i personaggi in contesti e sfide universalmente riconoscibili dal pubblico. L’esperienza personale di Bill Dubuque in una società di recruitment ha dato un forte senso di autenticità ai dialoghi presenti nelle pagine della sceneggiatura, ma è stato il “continuo battibecco creativo” fra il regista e il cast a rendere i personaggi così veri sullo schermo l’equilibrio fra lavoro e famiglia, le dinamiche moglie/marito, il rapporto fra padre e figlio, il trovare ed il perdere un lavoro.

[quote layout=”big”]Ogni attore può relazionarsi al proprio personaggio o alle situazioni in una maniera piuttosto che in un’altra: dipende dalle proprie esperienze personali. Ciò fa sì che una performance si trasformi in verità, che prende vita sullo schermo. Ho dato agli attori la libertà di provare ed esplorare emozioni ed esperienze differenti sul set.[/quote]

 

La colonna sonora

  • Le musiche originali del film sono di Mark Isham (L’incredibile storia di Winter il delfino, Warrior, The Accountant).
  • La colonna sonora include i brani: “Frank’s Wizards Hat” di Simon Miminis, “Christmas Time” di Let’s Become Actors, “Caught In The Fire” di Charles William e “We Will Be Ok” di Matthew Perryman Jones.

TRACK LISTINGS:

1. A Headhunter
2. Road Work
3. Bummed
4. More
5. Race Bannon
6. F.B.I.
7. Hospital
8. You Only Have One Family
9. Elise
10. Dane Tunes In
11. Tribune Tower
12. Frank Gehry
13. The Wrigley Building
14. Fading
15. Getting Lou a Job
16. Frank Lloyd Wright
17. Lou in Lieu
18. What’s Not to Love
19. Good Luck
20. Moving On
21. You’d Be Proud

 

 

[Per guardare il video clicca sull’immagine in alto]