• Film

L’esorcista: un vecchio articolo del New York Times racconta la “mania” che accompagnò l’uscita del film

Un articolo datato 1974 racconta la follia che accompagnò l’uscita del film horror “L’esorcista” nei cinema americani.

L’esorcista alla sua uscita nei cinema americani, nel lontano 26 dicembre del 1973, ebbe un impatto traumatico su molti spettatori, alcuni dopo aver visto quel film in sala svilupparono un astio e un rigetto per il cinema horror mentre altri, come il sottoscritto, lo hanno amato ed eletto come uno dei migliori film horror di sempre,. Il film venne accolto con un plauso anche dall’Academy che candidò l’horror di William Friedkin a 10 Premi Oscar, tra cui miglior film e regia, con due statuette vinte alla Migliore sceneggiatura non originale (William Peter Blatty) e al Miglior sonoro (Robert Knudson & Christopher Newman).

Nonostante le sue recensioni contrastanti e le controversie sul contenuto e la reazione degli spettatori, “L’esorcista” è stato un successo travolgente con 441 milioni di dollari incassati nel mondo da un budget di “soli” 12 milioni. A New York, dove il film venne proiettato in poche sale, gli spettatori affrontarono  file di ore a -14°, a volte sotto pioggia e nevischio, per riuscire ad acquistare un biglietto, in alcuni casi la folla che si radunava fuori dai cinema creava disordini e richiedeva l’intervento della polizia.

Le notizie di forti reazioni da parte del pubblico, tra cui racconti di nausea e svenimenti, si erano diffuse velocemente aumentando la curiosità del pubblico riguardo al film. Pare che alcuni cinema abbiano fornito delle apposite buste (“Esorcist barf bag”) in caso di nausea e laddove non si era stati così previdenti si parla di malori diffusi nella platea, con un recensore della rivista Cinefantastique che dichiarò che c’era così tanto vomito in bagno durante la proiezione a cui aveva partecipato che era impossibile raggiungere i lavandini. Ci furono anche testimonianze di attacchi di panico e di spettatori portati via dalle sale in ambulanza.

Nel 1975 la rivista medica “The Journal of Nervous and Mental Disease” pubblicò l’articolo di uno psichiatra che documentava quattro casi di ciò che veniva chiamata “nevrosi cinematografica” innescata dalla visione del film. L’articolo spiegava che la nevrosi, già presente o latente nei pazienti, era stata semplicemente innescata dalla visione di scene nel film, in particolare quelle che raffiguravano la possessione di Regan. Lo psichiatra raccomandava ai medici curanti di guardare il film con i loro pazienti per aiutarli a identificare le fonti del loro trauma.

 

Il sito Bloody Disgusting segnala un vecchio articolo del New York Times, datato 27 gennaio 1974 e scovato da un utente Reddit, in cui la giornalista Judy Klemesrud descrive nel dettaglio questa sorta di mania che all’epoca circondava il film.

[quote layout=”big”]… Le persone sono rimaste come pecore sotto la pioggia, al freddo e al nevischio anche per quattro ore per vedere il film agghiacciante di una dodicenne posseduta dal diavolo. Accendevano falò sul posto in cui erano in attesa sulla Second Avenue, tra la 59a e la 60a strada, per scaldarsi, sporcavano le strade con incarti di alimenti e litigavano fino a scatenare risse. Una volta, un venerdì sera, hanno persino preso d’assalto un cinema [quando] sembrava che non sarebbero riusciti ad entrare dopo quattro ore di attesa. La sicurezza del teatro ha riferito di aver ricevuto regalie fino a 110$ per consentire alle persone di saltare in cima alla fila con i bagarini che sono arrivati a guadagnare 50$ in più per un paio di biglietti…Quella era solo la battaglia per entrare nel teatro. Un addetto alla sicurezza mi ha detto che: “Un certo numero di spettatori ha vomitato in occasione di eventi molto forti sullo schermo. Altri sono svenuti o hanno lasciato il cinema in preda alla nausea e tremanti, prima che il film fosse arrivato a metà. Diverse persone hanno avuto attacchi di cuore e cosa ancora più folle, una donna ha persino avuto un aborto spontaneo”. ha aggiunto. La domanda principale è: “Perché?” Perché le persone si trovano a fare quelle file quando le recensioni non erano poi così belle? (Erano come si suol dire in gergo “miste”, con clamorosi “no” da pesi massimi della critica come Vincent Canby del Times, Pauline Kael del New Yorker, Jay Cocks del Time e Paul Zimmerman di Newsweek.) E perché “L’esorcista” sta mandando in estasi i dirigenti della Warner Bros. spingendoli a prevedere che sarà il film con il maggior incasso nella storia della loro azienda, superando persino “My Fair Lady”, che ha incassato 34 milioni di dollari?[/quote]

Per scoprire il perché di tanto entusiasmo la giornalista si è recata ad una proiezione per scoprire che tipo di persone erano interessate al film e perché.

[quote layout=”big”]Nove persone su 10 erano giovani: liceali dai capelli lunghi e una folla del college in blue jeans e giacche casual. Ma qua e là si vedevano matrone in cappotti di visone e uomini dai capelli argento dall’aspetto prosperoso nei loro scamosciati di Bloomingdale. Ovunque da un quarto ad un terzo della folla era di colore. Circa un terzo delle persone con cui ho parlato ha dichiarato di voler vedere il film perché aveva letto il romanzo bestseller “L’esorcista” di William Peter Blatty, che ha anche scritto la sceneggiatura…Molte persone stavano tornando per vedere il film una seconda volta, o una terza, una quarta o una quinta. Jack Fletcher, uno studente di teatro di 19 anni della Juilliard School, ha dichiarato di aver visto il film mentre era a casa per Natale a San Francisco, ed è tornato a vederlo di nuovo perché era “così terrificante”. Sono andata a vedere “L’esorcista” da sola durante la prima proiezione (11 A.M.) di giovedì mattina, ed è stata un’esperienza che non avevo mai avuto prima in un cinema. La sala era ovviamente piena, tranne per le prime due file. Prima dell’inizio del film, c’era una sensazione di tensione in tutto il cinema, un urlo casuale qua e là e un ridacchiare nervoso. Il giovane alla mia sinistra è rimasto seduto sul bordo del suo sedile per tutto il film e continuava a gridare: “Oh, wow! Oh, wow!’ Di tanto in tanto mi toccava il gomito, come per essere rassicurato. Due ragazze alla mia destra si accovacciavano profondamente nei loro sedili, coprendosi il viso con le loro pellicce quando le cose si facevano spaventose. Durante l’esorcismo ci sono state continue urla nel cinema e suonava come il vecchio urlare per urlare che si ascoltava nei primi concerti dei Beatles e dei Rolling Stones. Ho notato che molte persone se ne sono andate nel bel mezzo del film. Sono stata estremamente sollevata nel notare che c’erano pochissimi bambini a guardare questo film vietato ai minori di 17 anni. Una delle poche che ho visto durante le mie visite era una bambina di 7 anni di nome Marilyn Ladley con lunghe trecce di Staten Island, che era con sua madre, anche lei si chiamava Marilyn. Mamma Marilyn è quella che ha parlato di più. “Le ho detto che è un film orribile”, ha detto la signora Ladley,”E lei mi ha detto: ‘non ho paura’. In effetti la maggior parte dei film che ha visto sono stati film horror “.[/quote]

L’articolo si conclude con una riflessione finale della giornalista sul visto censura del film e su potenziali ripercussioni a livello psicologico sugli spettatori più fragili.

[quote layout=”big”]Qualunque siano i motivi o le ragioni, le persone si affollano per vedere “L’esorcista” in numeri record e stanno uscendo sorridendo, scossi o sbalorditi. “Ho perso l’appetito”, è stata la lamentela più frequente che ho sentito, ma nel complesso ci sono state sorprendentemente poche osservazioni negative. Suppongo che le persone che sarebbero state veramente offese dal film avrebbero saputo dalle recensioni a cosa si stavano approcciando e non lo avrebbero sopportato….oppure erano tra quelli che erano andati via prima della fine del film. La mia principale lamentela è che il film ha ottenuto un divieto ai minori di 17 anni e, quindi, è accessibile anche ai bambini purché siano accompagnati da un genitore o un tutore adulto. Penso che un film del genere meritasse un divieto ai minori pieno semplicemente perché avrebbe tenuto i bambini fuori dalla sala. Mi chiedo anche se il regista Friedkin avesse davvero bisogno di mostrare tutto il sangue e i dettagli cruenti nelle scene dell’ospedale, in cui i medici vengono mostrati mentre eseguono i test per cercare di scoprire cosa c’è che non va nella ragazza. Mi chiedo anche quale effetto questo film avrà sugli psicotici borderline. Penseranno di essere posseduti ora, piuttosto che malati di mente? Ad ogni modo, vi è almeno un’indicazione che gli ospedali psichiatrici vedranno aumentare la propria attività. Un articolo recente su un giornale di Chicago ha riferito che sei persone che avevano visto “L’esorcista” in quella città sono state ricoverate in una struttura psichiatrica. Anche i sacerdoti potrebbero ricevere false richieste che non avevano mai avuto prima. Anche se non ho visto preti in sala, una donna cattolica di 33 anni che aveva visto il film mi ha detto: “Suppongo che tutti i pazzi che pensano di aver bisogno di un esorcista andranno in cerca di preti cattolici. Certamente non penso che il film abbia fatto un favore alla Chiesa cattolica”. Ma a parte questo, la maggior parte dei commenti post-film di amanti del cinema erano entusiasti e recitavano qualcosa del genere: “Assolutamente straordinario!” o “È così vivido” o “Hanno catturato il libro estremamente bene” o “Non c’è niente di simile!”. “È una storia di fede e nel credere in Dio”, mi ha detto Teddy Shaw, 19 anni del Bronx, uno studente della Wesleyan University e credente in “un essere superiore”. “Alla fine il bene trionfa sul male.” e si aprì in un sorriso radioso.[/quote]

 

L’articolo trasmette bene quello che è scaturito dal film di William Friedkin che oggi per giovani patiti dell’horror potrebbe sembrare un’esagerazione, ma parliamo degli anni ’70 e ciò che viene mostrato sullo schermo non è qualcosa che si era abituati a vedere tutti i giorni. Inoltre quello che Friedkin e Blatty sono riusciti maggiormente a cogliere è il sottile terrore che si prova a livello epidermico per qualcosa che va oltre l’identificabile, qualcosa di oscuro e intangibile a cui ognuno, in teoria, potrebbe essere vulnerabile.

 

Fonte: New York Times

 

I Video di Blogo

Sky Cinema: promo con Alessandro Gassmann