• Film

Stasera in tv: “Madre!” su Italia 1

Italia 1 stasera propone “Madre!”, dramma horror del 2017 diretto da Darren Aronofsky e interpretato da Jennifer Lawrence, Javier Bardem, Ed Harris e Michelle Pfeiffer.

[Per visionare il trailer clicca sull’immagine in alto]

 

Cast e personaggi

Jennifer Lawrence: madre
Javier Bardem: Lui
Ed Harris: uomo
Michelle Pfeiffer: donna
Domhnall Gleeson: figlio maggiore
Brian Gleeson: figlio minore
Kristen Wiig: araldo
Jovan Adepo: coppiere
Stephen McHattie: fanatico
Sarah-Jeanne Labrosse: antemadre
Laurence Leboeuf: la nuova madre

Doppiatori italiani

Valentina Favazza: madre
Roberto Pedicini: Lui
Luca Biagini: uomo
Emanuela Rossi: donna
Simone D’Andrea: figlio maggiore
Barbara De Bortoli: araldo

 

Trama e recensione

 

La tranquilla relazione di una coppia è messa a dura prova quando alcuni ospiti inattesi vanno a far loro visita, sconvolgendone e distruggendone gli equilibri.

 

 

Curiosità

  • Il film ha ricevuto sia fischi che una standing ovation durante la sua premiere al Festival di Venezia.
  • Durante tutto il film, il nome di nessuno è mai citato e nessun singolo personaggio è mai menzionato con un qualsiasi nome. I personaggi sono elencati nei titoli di coda in base ai loro ruoli nella storia.
  • Jennifer Lawrence ha descritto il lavoro di Michelle Pfeiffer nel film come la sua migliore interpretazione e ha rivelato di aver dimenticato le sue battute durante una scena in cui Pfeiffer le veniva incontro perché: “era così presa dal colore dei suoi occhi”.
  • Il poster del film è una replica del poster di Rosemary’s Baby – Nastro rosso a New York (horror diretto da Roman Polanski).
  • Il team di marketing del film è finito sotto accusa dopo aver ingaggiato un artista per dipingere un murale del film a Sydney, in Australia. Apparentemente il murale avrebbe coperto un dipinto preesistente di 20 anni di un artista locale che raffigurava animali in un paesaggio urbano sotto le parole “A volte è come una giungla”. Questa frase si riferisce ad una canzone di Grandmaster Flash & The Furious Five. Darren Aronofsky era imbarazzato per il murale dipinto sopra lo storico pezzo d’arte e si scusò per conto dell’agenzia pubblicitaria Apparition Media. Un portavoce dell’agenzia ha dichiarato che non erano a conoscenza della natura iconica del murale e si sono detti pentiti del loro “terribile errore”. Da allora l’agenzia ha contattato l’artista originale del murale e hanno offerto il loro aiuto per ripristinare la grafica nella sua forma originale.
  • Jennifer Lawrence si è presa un anno di pausa dopo questo film, che ha trovato molto faticoso.
  • Gli attori Brian Gleeson e Domhnall Gleeson, che interpretano i due fratelli nel film, sono fratelli nella vita reale.
  • La seguente dichiarazione di Darren Aronofsky è stata rilasciata una settimana prima della premiere:

[quote layout=”big”]È un momento folle per essere vivi. Mentre la popolazione mondiale si avvicina a 8 miliardi di persone, affrontiamo problemi troppo seri per capire: gli ecosistemi collassano mentre assistiamo all’estinzione a un ritmo senza precedenti; le crisi dei migranti sconvolgono i governi; un’apparentemente schizofrenica USA aiuta a mediare un trattato sul clima e mesi dopo si ritira; antiche controversie e credenze tribali continuano a guidare la guerra e la divisione; il più grande iceberg mai registrato rompe una banchina antartica e si dirige verso il mare. allo stesso tempo affrontiamo problemi troppo ridicoli da comprendere: in Sud America, i turisti uccidono un coppia di rari piccoli delfini che ssi sono spiaggiati, soffocandoli in una frenesia di selfie; la politica assomiglia ad eventi sportivi; le persone continuano a morire di fame mentre gli altri possono ordinare qualsiasi cibo desiderano: in quanto specie la nostra impronta è pericolosamente insostenibile eppure viviamo in uno stato di negazione delle prospettive per il nostro pianeta e il nostro posto su di esso. Da un primordiale brodo di angoscia e impotenza, una mattina mi sono svegliato e questo film mi è uscito come un sogno febbricitante. Tutti i miei film precedenti mi hanno impegnato per molti anni, ma ho scritto la prima bozza di Madre! ( in 5 giorni. Entro un anno stavamo girando. E ora due anni dopo, è un onore tornare al Lido per la prima mondiale. Immagino che la gente possa chiedersi perché il film abbia una visione così oscura. Hubert Selby Jr., autore di Requiem for a Dream, mi ha insegnato che guardando nelle parti più oscure di noi stessi è dove troviamo la luce. “Madre!” inizia come una storia da camera su un matrimonio. Al centro c’è una donna a cui viene chiesto di dare, dare e dare fino a quando non può dare altro. Alla fine, la storia della camera non può contenere la pressione che bolle dentro. Diventa qualcos’altro che è difficile da spiegare o descrivere. Non riesco a individuare completamente da dove provenga questo film. Alcuni provengono dai titoli che affrontiamo ogni secondo di ogni giorno, alcuni provengono dal ronzio infinito delle notifiche sui nostri smartphone, alcuni provengono dal vivere attraverso l’oscuramento dell’uragano Sandy nel centro di Manhattan, alcuni provengono dal mio cuore, altri dal mio intestino. Collettivamente è una ricetta che non sarò mai in grado di riprodurre, ma so che è meglio consumare questa dose come singola dose in un bicchierino. Buttatelo giù. Salute![/quote]

  • C’è un tema ricorrente di fluidi gialli nel film. La madre beve ripetutamente una medicina gialla senza nome. Dipinge le pareti con vernice gialla. La donna fa una gran confusione con la sua limonata e lascia limoni gialli in giro per la cucina. E ci sono diverse scene che evocano l’urina, con personaggi che usano la toilette o si bagnano da soli.
  • Michelle Pfeiffer ha ammesso di non aver capito la sceneggiatura la prima volta che l’ha letta, descrivendola come “esoterica”. Tuttavia l’attrice si è impegnata nel progetto poiché affascinata dal personaggio che avrebbe interpretato.
  • Jennifer Lawrence si era calata così tanto nel personaggio che durante le scene più intense, ha iniziato a iperventilare e si è persino rotta una costola (con la produzione sospesa per mettere l’attrice sotto ossigeno). I membri della troupe hanno avuto l’idea di dare a Lawrence il suo “luogo felice”, un piccolo spazio per mantenerla rilassata e stabile durante le riprese. Era una tenda completa di candele profumate, gomme da masticare e una TV con clip a rotazione del reality “Keeping Up with the Kardashians”.
  • Jennifer Lawrence ha contribuito all’idea che il suo personaggio andasse scalzo per tutto il film per sottolineare il legame del suo personaggio con la casa.
  • Il simbolo sull’accendino da uomo, che appare anche sulla sua borsa nera, è un simbolo di un popolo berbero del Nord Africa.
  • Jennifer Lawrence e Darren Aronofsky hanno iniziato a frequentarsi durante la produzione di questo film.
  • Darren Aronofsky ha affermato che il punto esclamativo nel titolo è un riferimento agli ultimi 30 minuti del film.
  • Originariamente il film era intitolato “Day 6”, che doveva essere un titolo che rimanda al racconto biblico di Dio che creò la Terra e l’Universo in 7 giorni, e gli eventi del film sarebbero stati un’allegoria per il 6° giorno nella creazione di Dio del mondo.
  • La Paramount ha annullato un nuovo film di Venerdì 13 per realizzare questo film.
  • Jennifer Lawrence ha abbandonato “The Rosie Project” per lavorare con Darren Aronofsky in questo film.
  • Darren Aronofsky ha scritto la prima bozza della sceneggiatura in soli cinque giorni.
  • C’è un divario di 21 anni tra Javier Bardem e Jennifer Lawrence, che interpretano una coppia sposata in questo film.
  • Il film è stato girato utilizzando pellicola da 16 mm. Questa è la quarta volta che Darren Aronofsky gira un film in questo formato.
  • Jennifer Lawrence ha incontrato Darren Aronofsky per ascoltare le sue idee prima che ci fosse una sceneggiatura. Dopo aver letto la sceneggiatura ha detto che ne era così scossa che l’ha lanciata attraverso la stanza.
  • Secondo lo scrittore / regista Darren Aronofsky, le sue ispirazioni per il film includevano L’angelo sterminatore (1962) di Luis Buñuel e il libro di Susan Griffin del 1978 “Women and Nature”.
  • Il cast del film comprende due vincitori dell’Oscar: Javier Bardem e Jennifer Lawrence; e tre nominati all’Oscar: Ed Harris, Kristen Wiig e Michelle Pfeiffer.
  • Prima dell’inizio delle riprese, il cast ha provato per tre mesi in un magazzino.
  • Nel film ci sono 11 scene che sono sorprendentemente simili a 11 scene del thriller House of Good and Evil (2013).
  • Durante un’intervistaAronofsky ha spiegato il concept del film:

[quote layout=”big”]Lawrence è Gaia o Madre Terra, mentre la sua casa rappresenta il mondo, un organismo vivente che respira distrutto dai suoi abitanti. Il marito conosciuto come “Lui” nel film, è Dio. Per noia egli crea Adamo ed Eva (la coppia), che continuano a distruggere la creazione di Gaia e il suo studio (il Giardino dell’Eden), che contiene il cristallo perfetto di Dio (la mela). I loro figli in conflitto sono Caino e Abele…Dio mette incinta la madre, che genera il Messia, una sequenza caotica seguita da una comunione inquietante e Rivelazioni. Riguarda il prendere un pezzo di mondo, confinarlo in uno spazio e farne una conversazione sulla società attraverso una storia umana personale…La Madre Terra ci ha dato vita su questo pianeta. Tutto quello che fa è darci vita. Vediamo anche l’ira della natura nella scena in cui la madre sta attaccando la gente. L’allegoria è che qui ci sono queste incredibili risorse infinite e noi abusiamo di tutto…Stiamo empatizzando con Madre Natura, provando il suo dolore e la sua ira.[/quote]

  • Una combinazione di un bambino reale e quattro bambini animatronici sono stati usati per creare il bambino della madre.
  • Aronofsky ha spiegato che Him / Lui è Dio. All’inizio del film, Lui è uno scrittore che non è stato in grado di scrivere nulla di nuovo da molto tempo. Il libro che ha scritto, che ottiene grandi elogi dai suoi fan, può essere inteso come l’Antico Testamento, o Torah, e i suoi seguaci rappresentano gli antichi ebrei, i primi monoteisti.
  • Il film ha ricevuto tre candidature ai Razzie Awards per la peggior attrice (Jennifer Lawrence), il peggior attore non protagonista (Javier Bardem) e il peggior regista (Darren Aronofsky)
  • Le musiche del film sono state composte da Jóhann Jóhannsson, ma non sono state utilizzate nella versione definitiva che risulta priva di colonna sonora. Si tratta del primo film di Aronofosky non musicato da Clint Mansell.
  • Il film costato 30 milioni di dollari ne ha incassati nel mondo circa 44.