Stasera in tv: "Si muore tutti democristiani" su Rai 3

Rai 3 stasera propone "Si muore tutti democristiani", film commedia del 2017 scritto e diretto dal collettivo italiano Il Terzo Segreto di Satira.

[Per visionare il trailer clicca sull'immagine in alto]

 

Cast e personaggi


Walter Leonardi: Enrico
Massimiliano Loizzi: Fabrizio
Marco Ripoldi: Stefano
Valentina Lodovini: Sara
Renato Avallone: Renato
Martina De Santis: Maria Elena
Brenda Lodigiani: Chiara
Francesco Mandelli: Paolo Chiamenti
Claudia Potenza: Francesca
Augusto Zucchi: suocero di Fabrizio
Fulvio Falzarano: membro ass. partigiani
Paolo Rossi: sindacalista
Alessandro Betti: Biotti
Germano Lanzoni: Bezzi
Cochi Ponzoni: padre di Enrico
Cecilia Campani: Cecilia

 

La trama


 

Stefano (Marco Ripoldi), Fabrizio (Massimiliano Loizzi) ed Enrico (Walter Leonardi) sono amici da una vita legati dagli stessi ideali e dagli stessi sogni. Insieme gestiscono una piccola casa di produzione con la speranza di tornare a realizzare documentari a tema sociale. Quel tanto desiderato progetto sembra finalmente arrivare insieme a un considerevole guadagno economico, ma anche a un patto che potrebbe azzerare tutto ciò in cui hanno sempre creduto. E una grande domanda li turba profondamente giorno e notte: “Meglio fare cose pulite con i soldi sporchi, o cose sporche con soldi puliti?” Cosa decideranno "i nostri eroi"? Rifiuteranno il lavoro, rimanendo "sfigati", ma puri? Oppure accetteranno la proposta, stravolgendo le loro vite e i loro principi? Una riflessione ironica e impietosa sul compromesso, narrata con i toni dell’umorismo e della commedia e una lapidaria conclusione: “nasci contestatore, muori contestato”.

 

Note di regia


 

Arriva sempre nella vita quel momento in cui diventi parte del sistema contro cui manifestavi: nasci contestatore, muori contestato. Con il film “Si muore tutti democristiani” desideriamo raccontare il percorso lavorativo e umano di tre amici e colleghi: il passato etico, politicizzato e anti-sistema, il presente precario e frustrante ma coerente e infine il compromesso che porta sì serenità economica ma che spegne le loro passioni di gioventù. Tutto questo con un tono da commedia e l’umorismo che caratterizza il nostro lavoro anche sul web. Tutto parte da uno spunto personale, in quanto, come i protagonisti del film, siamo una piccola “casa di produzione” che si occupa principalmente di satira politica e sociale. Nel tempo abbiamo ricevuto alcune proposte, vantaggiose dal punto di vista economico, ma non in linea con il nostro progetto. Lavori che hanno sempre portato discussioni e litigate interne. La domanda che ci siamo posti è stata questa: se la litigata fosse andata avanti... Cosa ci saremmo detti? Cosa ci saremmo rinfacciati? Fino a che punto saremmo arrivati? C’è una sensazione che avvertiamo tutti e cinque: con il passare del tempo accetti compromessi che in passato probabilmente non avresti accettato; e tutto questo avviene sotto traccia, in maniera non sempre visibile. La vera difficoltà sta, in un’Italia in crisi dal punto di vista economico ma non solo, nel mantenere un equilibrio tra coerenza e compromesso, cosa che non riesce ai protagonisti del nostro film e forse neanche a noi. La storia vuole anche essere metafora della sinistra italiana e della sua mutazione “renziana”. Sinistra incarnata dai tre protagonisti nelle sue molteplici sfaccettature. Il film ha come centro la nostra città, Milano e il suo recente rinnovamento: zone specifiche e riconoscibili, come la pedonale China Town fatta di localini alla moda e ristoranti tipici, l’adiacente Parco Sempione con la sua distesa verde che sconfina poco lontano da Piazza Duomo, la nuova darsena con il lungo percorso a filo d’acqua e la vivace movida notturna, i quartieri Isola e stazione Garibaldi con il loro mix di vecchie case di ringhiera e la luminosa skyline nata nell’ultimo decennio. Gran parte del cast del film è quello che ha condiviso con noi questi anni prima l’esperienza sul web e poi quella in tv. Enrico, Fabrizio e Stefano sono la continuazione di personaggi nati cinque anni fa sul web e che grazie a una storia con un maggiore respiro raggiungono il loro sviluppo definitivo. [Il Terzo Segreto di Satira]

 

Curiosità




  • Si muore tutti democristiani è il primo film del collettivo italiano Il Terzo Segreto di Satira con una sceneggiatura scritta in collaborazione con Ugo Chiti.

  • Il titolo del film è un riferimento al titolo che il manifesto usò in prima pagina, a caratteri cubitali, il 28 giugno 1983, il giorno dopo le elezioni politiche italiane del 1983 ("Non moriremo democristiani").

  • Il film è stato girato a novembre 2016, tra Milano (Chinatown, il Parco Sempione, la Darsena, Isola e la Stazione di Milano Porta Garibaldi) e la Puglia.

  • Nel film sono presenti cameo dei giornalisti Peter Gomez, Lilli Gruber e Andrea Scanzi.

  • Le musiche originali del film sono di Gianluca Misiti (Noi e la Giulia, Pane e burlesque, Ti ricordi di me?, Buongiorno papà, Compromessi Sposi).

  • "Il Terzo Segreto di Satira" è un collettivo di autori/videomakers che, dal 2011, produce e pubblica sul web e in televisione video di satira sociale/politica. È composto da Pietro Belfiore, Davide Bonacina, Andrea Fadenti, Andrea Mazzarella e Davide Rossi. I cinque passano metà del loro tempo a mettersi d’accordo. Quello che rimane lo impiegano per scrivere, girare e montare. Non vogliono essere querelati ma sono pronti a farlo se necessario. Alcuni preferiscono il mare, altri la montagna. Sanno chi ha ucciso Kennedy e che fine ha fatto Laura Freddi, ma non lo diranno mai, per nessun motivo! Hanno un loro canale YouTube con oltre 98.000 iscritti. Alcuni dei video realizzati per il canale sono stati trasmessi da programmi televisivi come Blob, Ballarò, Che tempo che fa, L’Aria che Tira e citati dai principali quotidiani nazionali.


 

  • shares
  • Mail