Box Office Usa, Sonic batte anche Il Richiamo della Foresta

Dolittle saluta la Top10 con appena 75 milioni. Ne è costati oltre il doppio.

Altri 26 milioni di dollari in tasca e un primato ribadito. Sonic continua a far numeri importanti, al box office Usa, con un totale casalingo che ha ora raggiunto i 108 milioni di dollari (157,106,718 worldwide). Forse impronosticabile, alla vigilia. Battuto così, anche se per una manciata di dollari, il nuovo Il Richiamo della Foresta. Sbarcato in 3,752 copie, e costato 110 milioni di dollari, il film con Harrison Ford si è dovuto accontentare di 25 milioni. Un esordio sottotono. Medaglia di bronzo e totale di 73 milioni per il poco esaltante Birds of Prey (173,729,015 in tutto il mondo), seguito dai 191 di Bad Boys For Life e dai 5.9 milioni di dollari di Brahms: The Boy II. L’originale, nel 2016, aveva debuttato con 10 milioni, per poi chiudere a quota 36. Perché la STX Entertainment abbia voluto farne un sequel, non è cosa chiara. Il costo ridotto, pari a 10 milioni, dovrebbe comunque generare limitati utili, considerando anche la release internazionale.

Ai 152 milioni di dollari è arrivato 1917 di Sam Mendes (347,287,469 in tutto il mondo), con Fantasy Island a quota 20 milioni e Parasite arrivato ad un passo dai 49 milioni (204,581,001 worldwide). Un risultato straordinario, per un film sud-coreano con i sottotitoli in inglese. Dopo 11 settimane di programmazione è ancora in Top10 Jumanji: The Next Level, con 311 milioni (784,417,613 worldwide), seguito dai 18 milioni di The Photograph e dai 2.6 di Impractical Jokers: The Movie, uscito in appena 357 copie e in grado di conquistare la vetta della chart per media per sala: 7,307 dollari. Dolittle, costato 175 milioni, ha invece salutato tutti con solo 75 milioni in tasca (204,194,290 in tutto il mondo). Difficile pensare ad un sequel.

Fine settimana a senso unico il prossimo grazie all’uscita di The Invisible Man, horror Universal/Blumhouse costato appena 7 milioni di dollari. Un successo garantito.