César 2020, vincitori: I Miserabili miglior film, polemica Polanski premiato per L’ufficiale e la spia

Assegnati i César 2020 accompagnati da proteste contro il grande assente della serata, il regista Roman Polanski.

Si è tenuta la 45a edizione dei César Awards presentata dalla comica francese Florence Foresti e accompagnata da polemiche per le 12 nomination al film L’ufficiale e la spia (j’accuse) di Roman Polanski con gruppi di attiviste che si sono riunite fuori dalla Salle Pleyel, dove si è tenuta la cerimonia di premiazione, per protestare contro Polanski che non presente alla cerimonia è stato premiato per la miglior regia, con due ulteriori premi al miglior adattamento e ai migliori costumi.

Il candidato all’Oscar I Miserabili ha vinto il premio come miglior film, il vincitore dell’Oscar Parasite ha vinto il premio per il film straniero mentre Ritratto della giovane in fiamme è andato a casa con un solo premio: la migliore fotografia per Claire Mathon. A seguire trovate tutti i premiati.

 

MIGLIOR FILM

I miserabili (Les Misérables), regia di Ladj Ly – VINCITORE
La belle époque, regia di Nicolas Bedos
Grazie a Dio (Grâce à Dieu), regia di François Ozon
Hors normes, regia di Eric Toledano e Olivier Nakache
Ritratto della giovane in fiamme (Portrait de la jeune fille en feu), regia di Céline Sciamma
Roubaix, une lumière, regia di Arnaud Desplechin
L’ufficiale e la spia (J’accuse), regia di Roman Polanski

MIGLIOR REGISTA

Roman Polanski – L’ufficiale e la spia (J’accuse) – VINCITORE
Nicolas Bedos – La belle époque
Arnaud Desplechin – Roubaix, une lumière
Ladj Ly – I miserabili (Les Misérables)
François Ozon – Grazie a Dio (Grâce à Dieu)
Céline Sciamma – Ritratto della giovane in fiamme (Portrait de la jeune fille en feu)
Éric Toledano e Olivier Nakache – Hors normes

MIGLIOR ATTORE

Roschdy Zem – Roubaix, une lumière – VINCITORE
Daniel Auteuil – La belle époque
Damien Bonnard – I miserabili (Les Misérables)
Vincent Cassel – Hors normes
Jean Dujardin – L’ufficiale e la spia (J’accuse)
Reda Kateb – Hors normes
Melvil Poupaud – Grazie a Dio (Grâce à Dieu)

MIGLIOR ATTRICE

Anaïs Demoustier – Alice e il sindaco (Alice et le Maire) – VINCITORE
Eva Green – Proxima
Adèle Haenel – Ritratto della giovane in fiamme (Portrait de la jeune fille en feu)
Chiara Mastroianni – L’hotel degli amori smarriti (Chambre 212)
Noémie Merlant – Ritratto della giovane in fiamme (Portrait de la jeune fille en feu)
Doria Tillier – La belle époque
Karin Viard – Chanson douce

MIGLIORE ATTORE NON PROTAGONISTA

Swann Arlaud – Grazie a Dio (Grâce à Dieu) – VINCITORE
Grégory Gadebois – L’ufficiale e la spia (J’accuse)
Louis Garrel – L’ufficiale e la spia (J’accuse)
Benjamin Lavernhe – Mon inconnue
Denis Ménochet – Grazie a Dio (Grâce à Dieu)

MIGLIORE ATTRICE NON PROTAGONISTA

Fanny Ardant – La belle époque – VINCITORE
Josiane Balasko – Grazie a Dio (Grâce à Dieu)
Laure Calamy – Seules les bêtes
Sara Forestier – Roubaix, une lumière
Hélène Vincent – Hors normes

MIGLIORE PROMESSA MASCHILE

Alexis Manenti – I miserabili (Les Misérables) – VINCITORE
Anthony Bajon – Au nom de la terre
Benjamin Lesieur – Hors normes
Liam Pierron – La vie scolaire
Djebril Zonga – I miserabili (Les Misérables)

MIGLIORE PROMESSA FEMMINILE

Lyna Khoudri – Non conosci Papicha (Papicha) – VINCITORE
Luàna Bajrami – Ritratto della giovane in fiamme (Portrait de la jeune fille en feu)
Céleste Brunnquell – Les Éblouis
Nina Meurisse – Camille
Mame Bineta Sané – Atlantique

MIGLIORE SCENEGGIATURA ORIGINALE

Nicolas Bedos – La belle époque – VINCITORE
Ladj Ly – I miserabili (Les Misérables)
François Ozon – Grazie a Dio (Grâce à Dieu)
Céline Sciamma – Ritratto della giovane in fiamme (Portrait de la jeune fille en feu)
Éric Toledano e Olivier Nakache – Hors normes

MIGLIORE ADATTAMENTO

Roman Polanski e Robert Harris – L’ufficiale e la spia (J’accuse) – VINCITORE
Jérémy Clapin e Guillaume Laurant – Dov’è il mio corpo? (J’ai perdu mon corps)
Costa-Gavras – Adults in the Room
Arnaud Desplechin e Léa Mysius – Roubaix, une lumière
Dominik Moll e Gilles Marchand – Seules les bêtes

MIGLIORE FOTOGRAFIA

Claire Mathon – Ritratto della giovane in fiamme (Portrait de la jeune fille en feu) – VINCITORE
Nicolas Bolduc – La belle époque
Paweł Edelman – L’ufficiale e la spia (J’accuse)
Irina Lubtchansky – Roubaix, une lumière
Julien Poupard – I miserabili (Les Misérables)

MIGLIOR MONTAGGIO

Flora Volpelière – I miserabili (Les Misérables) – VINCITORE
Anny Danché e Florent Vassault – La belle époque
Laure Gardette – Grazie a Dio (Grâce à Dieu)
Hervé de Luze – L’ufficiale e la spia (J’accuse)
Dorian Rigal-Ansou – Hors normes

MIGLIORE SCENOGRAFIA

Stéphane Rozenbaum – La belle époque – VINCITORE
Benoît Barouh – Wolf Call – Minaccia in alto mare (Le Chant du loup)
Thomas Grézaud – Ritratto della giovane in fiamme (Portrait de la jeune fille en feu)
Jean Rabasse – L’ufficiale e la spia (J’accuse)
Franck Schwarz – Edmond

MIGLIORI COSTUMI

Pascaline Chavanne – L’ufficiale e la spia (J’accuse) – VINCITORE
Alexandra Charles – Jeanne
Thierry Delettre – Edmond
Dorothée Guiraud – Ritratto della giovane in fiamme (Portrait de la jeune fille en feu)
Emmanuelle Youchnovski – La belle époque

MIGLIORE MUSICA

Dan Levy – Dov’è il mio corpo? (J’ai perdu mon corps) – VINCITORE
Fatima Al Qadiri – Atlantique
Marco Casanova e Kim Chapiron – I miserabili (Les Misérables)
Alexandre Desplat – L’ufficiale e la spia (J’accuse)
Grégoire Hetzel – Roubaix, une lumière

MIGLIOR SONORO

Nicolas Cantin, Thomas Desjonquères, Raphaëll Mouterde, Olivier Goinard, Randy Thom – Wolf Call – Minaccia in alto mare (Le Chant du loup) – VINCITORE
Lucien Balibar, Aymeric Devoldère, Cyril Holtz, Niels Barletta – L’ufficiale e la spia (J’accuse)
Rémi Daru, Séverin Favriau, Jean-Paul Hurier – La belle époque
Arnaud Lavaleix, Jérôme Gonthier, Marco Casanova – I miserabili (Les Misérables)
Julien Sicart, Valérie de Loof, Daniel Sobrino – Ritratto della giovane in fiamme (Portrait de la jeune fille en feu)

MIGLIOR FILM STRANIERO

Parasite (Gisaengchung), regia di Bong Joon-ho • Corea del Sud – VINCITORE
C’era una volta a… Hollywood (Once Upon a Time… in Hollywood), regia di Quentin Tarantino • Stati Uniti d’America
Dolor y gloria, regia di Pedro Almodóvar • Spagna
L’età giovane (Le Jeune Ahmed), regia di Jean-Pierre e Luc Dardenne • Belgio
Joker, regia di Todd Phillips • Stati Uniti d’America
Lola vers la mer, regia di Laurent Micheli • Belgio, Francia
Il traditore, regia di Marco Bellocchio • Italia, Francia, Germania, Brasile

MIGLIORE OPERA PRIMA

Non conosci Papicha (Papicha), regia di Mounia Meddour – VINCITORE
Atlantique, regia di Mati Diop
Au nom de la terre, regia di Édouard Bergeon
I miserabili (Les Misérables), regia di Ladj Ly
Wolf Call – Minaccia in alto mare (Le Chant du loup), regia di Antonin Baudry

MIGLIOR DOCUMENTARIO

M, regia di Yolande Zauberman – VINCITORE
68, mon Père et les Clous, regia di Samuel Bigiaoui
La Cordillère des songes, regia di Patricio Guzmán
Lourdes, regia di Thierry Demaizière e Alban Teurlai
Wonder boy Olivier Rousteing, né sous X, regia di Anissa Bonnefont

MIGLIOR FILM D’ANIMAZIONE

Dov’è il mio corpo? (J’ai perdu mon corps), regia di Jérémy Clapin – VINCITORE
La famosa invasione degli orsi in Sicilia, regia di Lorenzo Mattotti
Les Hirondelles de Kaboul, regia di Zabou Breitman e Éléa Gobbé-Mévellec

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO

Pile Poil, regia di Lauriane Escaffre e Yvonnick Muller – VINCITORE
Beautiful Loser, regia di Maxime Roy
Le Chant d’Ahmed, regia di Foued Mansour
Le Chien bleu, regia di Fanny Liatard
Nefta Football Club, regia di Yves Piat

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO D’ANIMAZIONE

La nuit des sacs plastiques, regia di Gabriel Harel – VINCITORE
Ce magnifique gâteau!, regia di Marc James Roels e Emma de Swaef
Je sors acheter des cigarettes, regia di Osman Cerfon
Make It Soul, regia di Jean-Charles Mbotti Malolo

PREMIO CESAR DEL PUBBLICO

I miserabili (Les Misérables), regia di Ladj Ly – VINCITORE
Au nom de la terre, regia di Édouard Bergeon
Grandi bugie tra amici (Nous finirons ensemble), regia di Guillaume Canet
Hors normes, regia di Eric Toledano e Olivier Nakache
Non sposate le mie figlie! 2 (Qu’est-ce qu’on a encore fait au Bon Dieu?), regia di Philippe de Chauveron