• Film

Stasera in tv: “Il giustiziere della notte” con Bruce Willis su Rai 2

Rai 2 stasera propone “Il giustiziere della notte – Death Wish”, remake thriller del 2018 diretto da Eli Roth e interpretato da Bruce Willis, Vincent D’Onofrio, Dean Norris, Kimberly Elise ed Elisabeth Shue.

[Per visionare il trailer clicca sull’immagine in alto]

 

Cast e personaggi

Bruce Willis: Dr. Paul Kersey
Vincent D’Onofrio: Frank Kersey
Dean Norris: Detective Kevin Raines
Kimberly Elise: Detective Leonore Jackson
Elisabeth Shue: Lucy Rose Kersey
Camila Morrone: Jordan Kersey
Beau Knapp: Knox
Ronnie Gene Blevins: Joe
Jack Kesy: The Fish
Kirby Bliss Blanton: Bethany
Wendy Crewson: dott.ssa Jill Klavens
Mike Epps: dott. Chris Salgado
Stephanie Janusauskas: Sophie

Doppiatori italiani

Angelo Maggi: Dr. Paul Kersey
Roberto Draghetti: Frank Kersey
Paolo Buglioni: Detective Kevin Raines
Angela Brusa: Detective Leonore Jackson
Giò Giò Rapattoni: Lucy Rose Kersey
Roisin Nicosia: Jordan Kersey
Daniel Spizzichino: Knox
Leonardo Graziano: Joe
Luca Mannocci: The Fish
Valentina Stredini: Bethany

 

La trama ufficiale

 

Il dottor Paul Kersey (Bruce Willis) è un chirurgo che vede solo le conseguenze della violenza di Chicago lavorando in un pronto soccorso, fino a quando la moglie (Elisabeth Shue) e la figlia in età da college (Camila Morrone) sono vittime di un’aggressione nella loro casa. Con la polizia sovraccarica di crimini, Paul, furioso e in cerca di vendetta, decide di dare personalmente la caccia agli aggressori della sua famiglia per avere giustizia. Mentre gli omicidi anonimi dei criminali catturano l’attenzione del media, la città si chiede se questo letale vigilante sia un angelo custode o un angelo della morte. Paul Kersey diventa una persona con due anime: un uomo che salva vite e un uomo che le prende; un marito e padre che cerca di prendersi cura della sua famiglia e una figura nell’ombra che combatte il crimine di Chicago; un chirurgo che estrae proiettili dai corpi dei sospetti e un vigilante chiamato “L’angelo della morte” a cui i detective si stanno inesorabilmente avvicinando.

 

Il nostro commento

 

Sulla carta due nomi come lo specialista in horror Eli Roth e l’icona action Bruce Willis potevano davvero creare una miscela esplosiva collaborando ad uno dei padri del genere “revenge”, il controverso Il giustiziere della notte con Charles Bronson che tanto fece discutere alla sua uscita negli anni ’70 e che generò un franchise di sei film tutti interpretati da Bronson.

Purtroppo in questo rifacimento, sempre basato sul romanzo “Death Wish” di Brian Garfield, vediamo un Eli Roth letteralmente “disinnescato” a livello di violenza e un Bruce Willis davvero poco ispirato che sembra recitare con il pilota automatico, interpretando un personaggio emotivamente latitante.

Tanto per intenderci, se si vuole davvero vedere come andava approcciato questo remake sia a livello di recitazione che di violenza basta dare un’occhiata al Death Sentence di James Wan con protagonista Kevin Bacon, pellicola che viaggia su ben altri livelli.

 

Curiosità

  • Durante una scena di tortura, Bruce Willis commenta dicendo che “il massimo del dolore che un essere umano può sopportare prima di andare in arresto cardiaco”. Ciò è stato scoperto dagli scienziati dell’Unità 731 (un’unità segreta di Ricerca & Sviluppo per la guerra biologica e chimica dell’Esercito imperiale giapponese durante la seconda guerra mondiale) che hanno sperimentato vari modi per torturare qualcuno senza ucciderlo, torturando realmente i prigionieri di guerra.
  • Eli Roth ha trascorso molto tempo con i detective di Chicago per ottenere dettagli corretti sul distretto di polizia. Nel film, all’angolo di una lavagna su cui ci sono ci sono casi di omicidio aperti appare una scheda che dice “Avremo bisogno di una lavagna più grande”, un riferimento alla famosa battutaa del film Lo squalo (1975) “Ci serve una barca più grossa”. Si tratta di qualcosa che Roth ha effettivamente visto scritto su una lavagna nell’ufficio del capitano della polizia.
  • Nel film il personaggio di Bruce Willis impara a sparare con una Glock guardando una serie su YouTube chiamata “Full Metal Tactics”, presentata dal vero berretto verde Shawn Vance. Eli Roth ha voluto citare la serie come un riferimento all’attore Vincent D’Onofrio, co-protagonista del film, che ha recitato in Full Metal Jacket (1987).
  • Eli Roth voleva che il film fosse una versione moderna e contemporanea della storia originale e per questo ha usato i DJ delle trasmissioni radiofoniche mattutine “Sway in the Morning” e “Mancow’s Morning Madhouse” come “coro greco” per commentare la violenza e fungere come bussola morale del film. Roth voleva che le scene apparissero totalmente autentiche, così ha inviato loro le situazioni da commentare e ha lasciato che i DJ si filmassero in totale libertà come se stessero commentando fatti reali. Roth ha anche usato video virali e meme di mediatakeout, il suo sito di gossip preferito. Roth voleva mostrare le reazioni nella maniera più realistica possibile , sottolineando che la violenza, anche la più tragica, oggi diventa un meme di Internet in poche ore.
  • Kurt Russell, Michael Keaton, Christopher Lambert, Dennis Quaid, Richard Gere, Mel Gibson, Harrison Ford, Don Johnson, Peter Weller, Ron Perlman, Stephen Lang, Michael Biehn, Tommy Lee Jones, Jeff Bridges , Arnold Schwarzenegger. Liam Neeson, Russell Crowe, Matt Damon, Bruce Willis, Benicio Del Toro, Will Smith e Brad Pitt sono stati tutti considerati per il ruolo di Paul Kersey prima del casting di Bruce Willis.
  • Inizialmente c’era Sylvester Stallone designato come protagonista, ma l’attore si è ritirato dal film per “differenze creative” e per lavorare su altri progetti.
  • Sebbene non accreditato, Dean Georgaris ha riscritto la sceneggiatura dalla prima pagina con il regista Eli Roth. C’erano un totale di nove sceneggiatori che hanno lavorato alla bozza finale delle riprese e alla fine è stato accreditato solo Joe Carnahan nonostante il fatto che quasi nessuno dei suoi dialoghi sia rimasto nella versione finale del film.
  • Inizialmente ideato da Joe Carnahan nel 2012, il film all’epoca aveva come protagonisti Liam Neeson e Frank Grillo. In seguito Carnahan si ritirò dalla produzione quando lo studio volle Bruce Willis nel ruolo di Paul Kersey al posto di Neeson.
  • Eli Roth ha scelto Camila Morrone nel ruolo di Jordan Kersey nonostante non avesse mai recitato in un film. Roth ha incontrato Morrone con sua madre Lucila Solá nel 2011 all’Ischia Global Film Festival e il regista ha pensato che sarebbe stata perfetta per il ruolo. Dopo aver girato il film, Morrone ha firmato con l’agenzia WME ed è stata scelta per altri due film.
  • Nel romanzo del 1972 “Death Wish” di Brian Garfield, l’eroe Paul Kersey è un ragioniere. Nel film “Il giustiziere della notte” (1974) Kersey (interpretato da Charles Bronson) è un architetto. Nel remake “Il giustiziere della notte – Death Wish” (2018), Kersey (interpretato da Bruce Willis) è un chirurgo del pronto soccorso.
  • Dopo l’abbandono dello sceneggiatore e regista originale Joe Carnahan, Gerardo Naranjo, regista di Miss Bala (2011), si è unito al progetto e voleva Benicio Del Toro nel ruolo principale. Del Toro non venne scelto e alla fine Naranjo abbandonò il progetto.
  • Eli Roth ha incontrato il musicista di Chicago “Chance the Rapper” prima di girare per discutere con lui della violenza a Chicago e parlare di una possibile collaborazione musicale al film. Sebbene la collaborazione non sia avvenuta, il fratello di Chance, Taylor Benett, appare nel montaggio iniziale delle chiamate radio, parlando con la trasmissione radiofonica “Sway in the Morning” della violenza a Chicago.
  • Quando l’originale fu realizzato nel 1974, New York era la capitale degli omicidi degli Stati Uniti e aveva uno dei più alti tassi di criminalità. Quando il remake è stato realizzato, il tasso di omicidi e criminalità a New York era diminuito in modo significativo e Chicago era diventata la città con il più alto tasso di omicidi e criminalità nel paese, stabilendo record nel 2016 e 2017 e un record nell’arco di tre anni dal 2016 al 2018. Nonostante ciò il sindaco Rahm Emanuel ha affermato che Chicago non ha problemi di criminalità e violenza.
  • Charles Bronson protagonista de Il giustiziere della notte originale è stato uno dei tanti attori considerati per il ruolo di John McClane in Trappola di cristallo (1988) prima del casting di Bruce Willis, ma Bronson all’epoca era sotto contratto con The Cannon Group.
  • Dopo che la sceneggiatura è rimasta inattiva per tre anni, nel marzo del 2016 è stato annunciato che Aharon Keshales e Navot Papushado, più noti per il loro film Big Bad Wolves, erano stati assunti per la regia dopo aver ottenuto l’approvazione della star Bruce Willis. Tuttavia, dopo tre mesi, il duo ha annunciato che avrebbero lasciato il progetto, dopo il rifiuto di MGM di consentire loro ulteriori riscritture della sceneggiatura.
  • All’inizio scopriamo che Paul Kersey (Bruce Willis) vive nella zona di Lakeshore a Chicago, alla fine dell’originale Paul Kersey (Charles Bronson) si è trasferito a Chicago e la sua azienda gli ha trovato un appartamento nella zona di Lakeshore.
  • Vincent D’Onofrio e Bruce Willis hanno recitato insieme anche in Fire with Fire (2012).
  • Il film si svolge a Chicago, nell’Illinois, a differenza di New York, dove ha avuto luogo il romanzo e il film originale. Tuttavia il finale si svolge a New York, il che è evidente nel dialogo tra Paul e Jordan.
  • Nel film Eli Roth ha scelto il dott. Alan Azuelos come consulente tecnico medico, Azuelos è stato così naturale che è proprio lui a fornire la dolorosa notizia al dottor Paul Kersey (Bruce Willis) che sua moglie è stata uccisa.
  • La fine di questo film cita apertamente l’originale con Paul Kersey che punta il dito contro un ladro a mo’ di pistola.
  • Il film costato 30 milioni di dollari ne ha incassati nel mondo circa 49.

 

[Per guardare il video clicca sull’immagine in alto]

 

La colonna sonora

  • Le musiche originali del film sono del compositore svedese premio Oscar Ludwig Goransson (Black Panther, Venom, Creed II, Tenet).

TRACK LISTINGS:

1. Race to the Hospital
2. Intruders
3. Jordan
4. Riding the Trains
5. Have Faith
6. The Reapers First Victim
7. Fleeing the Scene
8. Media Takeout
9. Grim Reaper
10. Breakthorough
11. Hoodies
12. Bowling Night at El Trebol
13. Going Viral
14. You Don’t Know Jack
15. Knox Calls
16. Shootout at Blowout / Stapling
17. Jordan Returns
18. Knox Returns
19. Gone for Good
20. Death Wish End Titles

 

 

[Per guardare il video clicca sull’immagine in alto]

 

 

I Video di Blogo

Sky Cinema: promo con Alessandro Gassmann