• Film

Stasera in tv: “Assassinio sull’Orient Express” su Rai 1

Rai 1 stasera propone Assassinio sull’Orient Express, remake giallo diretto da Kenneth Branagh e interpretato da Kenneth Branagh, Penélope Cruz, Willem Dafoe, Judi Dench, Johnny Depp, Michelle Pfeiffer e Daisy Ridley.

[Per visionare il trailer clicca sull’immagine in alto]

 

Cast e personaggi

Kenneth Branagh: Hercule Poirot
Tom Bateman: Bouc
Penélope Cruz: Pilar Estravados
Willem Dafoe: Gerhard Hardman
Judi Dench: Natalia Dragomiroff
Johnny Depp: Samuel Ratchett/John Cassetti
Josh Gad: Hector MacQueen
Derek Jacobi: Edward Henry Masterman
Leslie Odom Jr.: Dr. Arbuthnot
Michelle Pfeiffer: Caroline Hubbard
Daisy Ridley: Mary Debenham
Lucy Boynton: Helena Andrenyi
Serhij Polunin: Rudolph Andrenyi
Olivia Colman: Hildegard Schmidt
Marwan Kenzari: Pierre-Paul Michel
Manuel Garcia-Rulfo: Biniamino Marquez

Doppiatori italiani

Marco Mete: Hercule Poirot
Simone D’Andrea: Bouc
Chiara Colizzi: Pilar Estravados
Mario Cordova: Gerhard Hardman
Sonia Scotti: Natalia Dragomiroff
Fabio Boccanera: Samuel Edward Ratchett
Fabrizio Vidale: Hector MacQueen
Bruno Alessandro: Edward Henry Masterman
Massimo Bitossi: Dr. Arbuthnot
Emanuela Rossi: Caroline Hubbard
Benedetta Degli Innocenti: Mary Debenham
Rossa Caputo: Helena Andrenyi
David Chevalier: Rudolph Andrenyi
Sabine Cerullo: Hildegard Schmidt
Gianfranco Miranda: Pierre-Paul Michel
Niseem Onorato: Biniamino Marquez

 

Trama e recensione

 

Quello che è iniziato come un viaggio di lusso in treno attraverso l’Europa diventa improvvisamente uno dei più eleganti, ricchi di tensione ed emozionanti misteri mai narrati. Dal romanzo dell’autrice di best-seller Agatha Christie, “Assassinio sull’Orient Express” racconta la storia di tredici estranei bloccati su un treno, dove ciascuno di loro è un sospettato. Un uomo dovrà combattere contro il tempo per risolvere l’enigma prima che l’assassino colpisca ancora.

 

 

Curiosità

  • Basato sull’omonimo romanzo del 1934 di Agatha Christie, il film è la seconda trasposizione cinematografica del libro dopo quella omonima del 1974 diretta da Sidney Lumet.
  • L’Orient Express percorreva vari percorsi. L’Orient Express “classico” viaggiava tra Parigi e Istanbul via Strasburgo, Monaco, Vienna, Budapest e Bucarest. Il treno in questo film, come chiarisce un annuncio della stazione, è il Simplon Orient Express, che passava per Milano, Venezia, Belgrado e Sofia.
  • Sir Kenneth Branagh era consapevole dell’eccessiva stravaganza dei baffi del suo personaggio, ma giustificò la cosa con il fatto che nel romanzo originale c’erano ben quindici citazioni che menzionavano i baffi.
  • Grandi schermi con animazioni di paesaggi in movimento sono stati installati sul set per creare l’effetto visivo di un treno in movimento. A causa di ciò, Josh Gad ha sofferto di chinetosi durante le riprese.
  • Gran parte del cast e delle comparse sono costituiti dai più cari amici e conoscenti di Sir Kenneth Branagh, molti dei quali sono stati diretti da Branagh nei suoi progetti precedenti, hanno recitato insieme a Branagh in una produzione cinematografica o teatrale, e / o sono stati membri della Kenneth Branagh Theatre Company.
  • Dame Agatha Christie ha basato la storia di Armstrong sul rapimento e l’omicidio dell’antisemita e simpatizzante nazista Charles A. Lindbergh del 1932.
  • “Racconto di due città” di Charles Dickens è il romanzo che Hercule Poirot legge nel film tra fragorose risate.
  • I dodici passeggeri seduti nel tunnel ad un lungo tavolo imitano il dipinto “L’ultima cena” di Leonardo Da Vinci.
  • Il monologo di Poirot “Sono sempre stato sicuro di me, troppo sicuro. Ma adesso io dico con umiltà, come un bambino, non lo so” è tratto direttamente dalla fine della confessione di Poirot nel romanzo finale della serie, “Sipario”.
  • “Il Sempione” (come nel Simplon Orient Express) è in riferimento al Traforo del Sempione di 19 km che collega la Svizzera e l’Italia.
  • In effetti, c’è stato un omicidio sull’Orient Express. Maria Farcasanu fu derubata e assassinata da Karl Strasser, che la spinse fuori dal treno in movimento. Questo è successo circa un anno dopo la pubblicazione del libro di Dame Agatha Christie. Inoltre, nel 1950, Simon Karpe è scomparso dal treno in circostanze sospette che coinvolgono lo spionaggio, alcuni elementi di questa scomparsa hanno ispirato il romanzo “Dalla Russia con amore” di Ian Fleming.
  • Dopo Austin Trevor (1931-1934), Francis L. Sullivan (1937), Heini Göbel (1955), Martin Gabel (1962), Tony Randall (1965), Horst Bollmann (nel 1973), Albert Finney (nel 1974), Sir Peter Ustinov (1978-1988), Vidas Petkevicius (1981), David Suchet (1989-2013), Anatoliy Ravikovich (1990), Alfred Molina (nel 2001), Konstantin Raykin (2002) e Mansai Nomura (nel 2015), Sir Kenneth Branagh è il quindicesimo attore ad incarnare il detective Hercule Poirot sullo schermo, escluse le parodie e le opere che non sono state scritte da Dame Agatha Christie.
  • Tra una ripresa e l’altra, Josh Gad ha “interrogato” più volte una seccata Daisy Ridley nel tentativo di farle rispondere alle sue domande su Star Wars – Gli ultimi Jedi, filmando le reazioni con il suo smartphone. Questi video possono essere trovati sulla pagina Facebook e l’account Instagram di Gad.
  • I passeggeri dell’Orient Express negli anni ’30 (come oggi, ad eccezione delle suite del treno del XXI secolo) non dispongono di bagni privati. I passeggeri devono condividere servizi igienici e tutti devono fare a meno di docce o bagni. Nel 2018, dalle rotte più brevi alle vacanze intercontinentali con le suite del treno, le tariffe per i passeggeri vanno da 2.220£ a 40.000£.
  • La storia è stata in parte ispirata da un incidente nel 1929, quando l’Orient Express si ritrovò intrappolatp in una tormenta a Çerkezköy, in Turchia, dove rimase bloccato per sei giorni. Due anni dopo, Dame Agatha Christie è stata coinvolta in uno scenario simile quando viaggiava sull’Orient Express e il treno si è bloccato per un po’ a causa di forti piogge e inondazioni, che avevano spazzato via parte del tracciato.
  • Stacey Snider, CEO di Twentieth Century Fox, ha interrotto le trattative con Angelina Jolie dopo diversi mesi a causa della sua insistenza su cambiamenti significativi nella sceneggiatura di una parte relativamente piccola, quella di Mrs. Hubbard.
  • Il compagno di Sir Derek Jacobi, Richard Clifford, appare in questo film come Maître durante una scena di un ristorante a Istanbul. Clifford ha anche recitato in piccoli ruoli in altri film diretti da Sir Kenneth Branagh, come Come vi piace (2006) e Frankenstein di Mary Shelley (1994).
  • Il personaggio di Penélope Cruz si chiama “Greta Ohlsson” ed è di origine svedese nel romanzo originale. Il nuovo nome scelto per il personaggio (Pilar Estravados) è tratto dal romanzo di Dame Agatha Christie del 1938 “Il Natale di Poirot”.
  • Il cast include tre vincitori dell’Oscar – Dame Judi Dench, Penélope Cruz e Olivia Colman – e quattro nominati all’Oscar – Sir Kenneth Branagh, Willem Dafoe, Michelle Pfeiffer e Johnny Depp.
  • Arbuthnot (Leslie Odom Jr.) è un colonnello dell’esercito nel romanzo originale, mentre in questo film il suo personaggio è un dottore, in sostituzione del dottor Constantine dal romanzo.
  • La prima pubblicazione della storia fu in una serializzazione di sei episodi sul Saturday Evening Post nel 1933 negli Stati Uniti, con il titolo “Murder on the Calais Coach”.
  • Il personaggio di Manuel Garcia-Rulfo, “Marquez”, viene chiamato “Foscarelli” nel romanzo originale.
  • Il 21 novembre 2017 la 20th Century Fox ha dato luce verde al sequel di questo film, che sarà basato sul libro “Poirot sul Nilo” con Michael Green ancora sceneggiatore e Kenneth Branagh di nuovo regista e protagonista nel ruolo di Poirot. L’uscita del sequel Assassinio sul Nilo è attualmente fissata al 9 ottobre 2020.
  • Il film costato 55 milioni di dollari ne ha incassati circa 352.

La colonna sonora

  • Le musiche originali del film sono del compositore scozzese Patrick Doyle (Frankenstein di Mary Shelley, Il diario di Bridget Jones, Thor, L’alba del pianeta delle scimmie). Assassinio sull’Orient Express è la decima collaborazione tra Doyle e il regista Sir Kenneth Branagh. Doyle ha descritto la musica del film: “ha un sapore retrò appena velato di un umorismo molto britannico, ma più spesso avvolto in un neoromanticismo caloroso e fortemente comunicativo”.
  • Michelle Pfeiffer canta “Never Forget” per i titoli di coda di questo film. La canzone è stata scritta da Doyle e Branagh che ha descritto il brano come un’espressione di dolore, dolore e perdita che attinge alle classiche melodie celtiche.

TRACK LISTINGS:

1. The Wailing Wall
2. Jaffa to Stamboul
3. Arrival
4. The Orient Express
5. Departure
6. Judgement
7. Touch Nothing Else
8. MacQueen
9. Twelve Stab Wounds
10. The Armstrong Case
11. Mrs. Hubbard
12. This is True
13. Keep Everyone Inside
14. Confession
15. Geography
16. One Sharp Knife
17. Ma Katherine
18. True Identity
19. Dr. Arbuthnot
20. It Is Time
21. Justice
22. Poirot
23. Never Forget
24. Orient Express Suite

 


 

[Per guardare il video clicca sull’immagine in alto]