Addio a Lucia Bosé, il ricordo di Blogo

Si è spenta Lucia Bosé, tra le prime ‘maggiorate’ del cinema italiano.

Si è spenta all’età di 89 anni Lucia Bosé, tra le prime ‘maggiorate’ del cinema italiano insieme a Silvana Pampanini, Gina Lollobrigida e Sophia Loren. Ricoverata per una polmonite a Segovia, sarebbe deceduta con il Coronavirus. Eletta Miss Italia nel 1947, viene scoperta da Luchino Visconti e fa il suo esordio al cinema nel 1950 con Non c’è pace tra gli ulivi di Giuseppe De Santis, seguito a stretto giro da Cronaca di un amore di Michelangelo Antonioni, che ritrovò nel 1953 con La signora senza camelie. Ma girò anche due film con Luciano Emmer, uno con Mario Soldati, con Citto Maselli e con Luis Buñuel, ne Gli amanti di domani.

Compagna di Walter Chiari, sposa nel 1955 il torero Luis Miguel Dominguín, con il quale ha avuto i figli Miguel, Lucia e Paola, e sparisce dalle scene. Nel 1968 il divorzio a causa delle continue infedeltà del marito. Diva da rotocalco, torna al cinema a matrimonio naufragato con Sotto il segno dello scorpione di Paolo e Vittorio Taviani e Fellini Satyricon di Federico Fellini.

Negli anni ’80 e ’90 gira Cronaca di una morte annunciata (1987) di Francesco Rosi, L’avaro (1990) di Tonino Cervi e Volevo i pantaloni (1990) di Maurizio Ponzi, chiudendo il millennio con Harem Suare di un giovanissimo Ferzan Özpetek. Nel 2007 si fa rivedere grazie a I Viceré di Roberto Faenza, mentre è del 2014 la sua ultima partecipazione cinematografica, con One More Time di Pablo Benedetti e Davide Sordella.

Sono sicuro che mia madre ora sia in un posto migliore” ha scritto sui social il figlio Miguel.

[accordion content=”Filmografia Lucia Bosè” title=”Filmografia Lucia Bosè”]

Non c’è pace tra gli ulivi, regia di Giuseppe De Santis (1950)
Cronaca di un amore, regia di Michelangelo Antonioni (1950)
È l’amor che mi rovina, regia di Mario Soldati (1951)
Parigi è sempre Parigi, regia di Luciano Emmer (1951)
Le due verità, regia di Antonio Leonviola (1951)
Le ragazze di piazza di Spagna, regia di Luciano Emmer (1952)
Roma ore 11, regia di Giuseppe De Santis (1952)
La signora senza camelie, regia di Michelangelo Antonioni (1953)
Era lei che lo volevaǃ, regia di Marino Girolami (1953)
Marsina stretta, episodio di Questa è la vita, regia di Aldo Fabrizi (1954)
Tradita, regia di Mario Bonnard (1954)
Accadde al commissariato, regia di Giorgio Simonelli (1954)
Sinfonia d’amore, regia di Glauco Pellegrini (1954)
Vacanze d’amore, regia di Jean-Paul Le Chanois (1955)
Gli sbandati, regia di Citto Maselli (1955)
Gli egoisti (Muerte de un ciclista), regia di Juan Antonio Bardem (1955)
Gli amanti di domani, regia di Luis Buñuel (1956)
Il testamento di Orfeo, regia di Jean Cocteau (1960)
Nocturno 29, regia di Pedro Portabella (1968)
No somos de piedra, regia di Manuel Summers (1968)
Sotto il segno dello scorpione, regia di Paolo e Vittorio Taviani (1969)
Fellini Satyricon, regia di Federico Fellini (1969)
Del amor y otras soledades, regia di Basilio Martin Patino (1969)
Jutrzenka, regia di Jaime Camino (1970)
Metello, regia di Mauro Bolognini (1970)
Ciao Gulliver, regia di Carlo Tuzii (1970)
Equinozio, regia di Maurizio Ponzi (1971)
Qualcosa striscia nel buio, regia di Mario Colucci (1971)
La controfigura, regia di Romolo Guerrieri (1971)
Arcana, regia di Giulio Questi (1972)
L’ospite, regia di Liliana Cavani (1972)
Un solo grande amore, regia di Claudio Guerín (1972)
Nathalie Granger, regia di Marguerite Duras (1972)
La colonna infame, regia di Nelo Risi (1973)
Le vergini cavalcano la morte, regia di Jorge Grau (1973)
Los viajes escolares, regia di Jaime Chávarri (1974)
La profonda luce dei sensi, regia di Beni Montresor (1975)
Per le antiche scale, regia di Mauro Bolognini (1975)
Storia di un’amicizia tra donne, regia di Jeanne Moreau (1976)
Violanta, regia di Daniel Schmid (1977)
Cronaca di una morte annunciata, regia di Francesco Rosi (1987)
Brumal, regia di Cristina Andreu (1988)
Il bambino della luna, regia di Agustí Villaronga (1989)
Volevo i pantaloni, regia di Maurizio Ponzi (1990)
L’avaro, regia di Tonino Cervi (1990)
Harem Suare, regia di Ferzan Özpetek (1999)
I Viceré, regia di Roberto Faenza (2007)
One More Time, regia di Pablo Benedetti e Davide Sordella (2014)