• Film

E’ morto Krzysztof Penderecki, autore di musiche utilizzate in Shining e L’esorcista

Blogo ricorda l’acclamato compositore e direttore d’orchestra polacco Krzysztof Penderecki scomparso a 86 anni.

E’ scomparso nella sua casa di Cravovia a 86 anni il compositore e direttore d’orchestra polacco Krzysztof Penderecki, alcune sue composizioni sono state utilizzate in un paio di immarcescibili classici horror come lo Shining e di Stanley Kubrick e L’esorcista di William Friedkin.

Penderecki nato a Dębica nel 1933, dopo aver studiato in gioventù violino e pianoforte,dal 1958 insegna presso l’Accademia di Musica di Cracovia. Fautore della sperimentazione sonora, anche quella più audace, Penderecki diventa un musicista di riferimento dell’avanguardia polacca con una produzione personale che ha incluso otto sinfonie, quattro opere, un requiem e vari concerti e opere corali.

Nel 1973 il regista William Friedkin seleziona alcuni brani di Penderecki (“Kanon For Orchestra and Tape”, “Cello Concerto”, “String Quartet (1960)”, “Polymorphia”, “The Devils of Loudon”) per il suo classico L’esorcista che diventerà uno degli horror più famosi e famigerati di sempre.

 

 

[Per guardare il video clicca sull’immagine in alto]

 

Nel 1980 Stanley Kubrick utilizza alcuni brani di Penderecki “Utrenja – Ewangelia”, “Utrenja – Kanon Paschy”, “De Natura Sonoris No. 1”, “De Natura Sonoris No. 2”, “Polymorphia” e “Kanon for 52 String Orchestra and Tape”) per il suo adattamento del capolavoro horror Shining di Stephen King.

Tra i brani più celebri di Penderecki ricordiamo anche “Trenodia per le vittime di Hiroshima”, una composizione musicale per 52 strumenti ad arco, il cui nome riprende i thrênoi, canti funebri dell’Antica Grecia, in un omaggio alle vittime della bomba atomica sganciata su Hiroshima il 6 agosto 1945. Il brano è stato utilizzato nei film di fantascienza Doppia immagine nello spazio (Doppelgänger) di Robert Parrish e I figli degli uomini di Alfonso Cuarón, nell’horror La casa nera di Wes Craven e in anni più recenti David Lynch lo ha inserito in una sequenza dell’ottavo episodio di Twin Peaks – Il ritorno, sequel della serie televisiva I segreti di Twin Peaks.

 

 

[Per guardare il video clicca sull’immagine in alto]

 

Altri crediti cinematografici di Penderecki includono musiche originali per Il manoscritto trovato a Saragozza (1965), Mani in alto! (1981), La voce solitaria dell’uomo (1987) e il dramma storico Katyn (2007) di Andrzej Wajda.

Penderecki ha anche influenzato / ispirato molti musicisti come Jonny Greenwood, chitarrista dei Radiohead e autore della colonna sonora del film Il petroliere. Greenwood ha utilizzato Twitter per voluto esprimere la sua tristezza per la morte del compositore.

[quote layout=”big”]Che triste notizia con cui svegliarsi. Penderecki è stato il più grande – un compositore ferocemente creativo e un uomo gentile e sincero. Le mie condoglianze alla sua famiglia e alla Polonia per questa enorme perdita per il mondo musicale.[/quote]

 

Penderecki in un’intervista del 2012 con The Guardian ha elogiato la musica di Greenwood e dei Radiohead.

[quote layout=”big”]L’ho detto a mia nipote e lei ha capito subito chi fossero. Ha 11 anni e lei e i miei figli mi hanno regalato dei dischi per ascoltare la loro musica. Mi piace moltissimo; è molto morbido, molto musicale.[/quote]

 

Nel corso della carriera di Penderecki, ha vinto numerosi premi tra cui tre Grammy Awards: Miglior performance corale, Miglior Composizione di Musica Classica Contemporanea, Miglior Composizione Contemporanea.

 

 

[Per guardare il video clicca sull’immagine in alto]

 

 

Fonte: ComicBook