Stasera in tv: "L'albero degli zoccoli" su Rai 3

Stasera in tv "L'albero degli zoccoli", film drammatico del 1978 diretto da Ermanno Olmi e interpretato da Luigi Ornaghi, Francesca Moriggi, Omar Brignoli e Antonio Ferrari.

[Per visionare il trailer clicca sull'immagine in alto]

 

Cast e personaggi


Luigi Ornaghi: Batistì
Francesca Moriggi: Batistìna
Omar Brignoli: Mènec
Antonio Ferrari: Tunì
Teresa Brescianini: vedova Runc
Giuseppe Brignoli: nonno Anselmo
Lorenzo Pedroni: nonno Finard
Giuseppina Sangaletti: moglie del Finard
Battista Trevaini: Finard
Maria Grazia Caroli: Bettina
Pasqualina Brolis: Teresina
Massimo Fratus: Pierino
Carlo Rota: Peppino
Francesca Villa: Annetta
Felice Cervi: Ustì
Pierangelo Bertoli: Secondo
Brunella Migliaccio: Olga
Giacomo Cavalleri: Brena
Lorenza Frigeni: moglie di Brena
Lucia Pezzoli: Maddalena
Franco Pilenga: Stefano
Carmelo Silva: don Carlo
Mario Brignoli: padrone
Emilio Pedroni: fattore
Vittorio Capelli: Frikì
Francesca Bassurini: suor Maria
Lina Ricci: donna del segno
Guglielmo Badoni: padre dello sposo
Laura Locatelli: madre dello sposo

 

La trama


 

Nella campagna bergamasca di fine ottocento si alternano le vicende di quattro famiglie contadine. Un bambino sveglio e intelligente, Mènec, torna un giorno a casa con uno zoccolo rotto. Il padre, non avendo i soldi per comprargli un nuovo paio di scarpe, decide di tagliare di nascosto un albero per fare un nuovo paio di zoccoli al figlio. Accanto a questa piccola storia si alternano episodi di umile vita contadina fatta di lavoro nei campi, preghiera e amori.

 

Curiosità




  • Il film ha vinto la Palma d'oro al 31esimo Festival di Cannes.

  • Il film in origine è recitato in lingua lombarda nelle sue varianti bergamasca e milanese. La pellicola è stata successivamente doppiata in italiano dagli stessi attori per la distribuzione italiana.

  • Il film è stato girato prevalentemente nella bassa pianura bergamasca orientale compresa tra i comuni di Martinengo, Palosco, Cividate al Piano, Mornico al Serio, e Cortenuova) con alcune scene filamte nella campagna milanese, nei borghi di Castelletto di Abbiategrasso, Robecco sul Naviglio, Bernate Ticino e Castelletto di Cuggiono.

  • Il film è interpretato da attori non professionisti reclutati tra i contadini e gente della campagna bergamasca.

  • Il film è stato selezionato tra i 100 film italiani da salvare.


 

[Per guardare il video clicca sull'immagine in alto]

 

La colonna sonora




  • La colonna sonora è composta di brani per organo di Johann Sebastian Bach, eseguita da Fernando Germani e di canzoni popolari e contadine.


...già mentre scrivevo la sceneggiatura mi resi conto che la scelta delle musiche per questo film sarebbe stato un momento delicato: non avevo idee precise e anche le poche soluzioni che mi venivano in mente non mi piacevano e le scartavo quasi subito. Durante le riprese mi tornava ogni tanto il pensiero di "quale musica" ma ogni volta rinviavo ad un altro momento aspettando che quasi fosse la musica a trovare me invece del contrario. E si può dire che è avvenuto proprio così. Per avere un'idea del ritmo di montaggio di certe sequenze di solito provo accostare alle immagini brani di musica qualsiasi e la cosa più o meno funziona sempre.. Questa volta, stranamente, il film rifiutava qualsiasi tipo di musica, come se le atmosfere della campagna e le vicende dei contadini appartenessero ad un mondo diverso (a una cultura diversa). Alla fine quasi per rassegnazione, provai con una Sonata per organo di Bach, e subito mi resi conto che avevo finalmente trovato la musica per il mio film. Qualcuno ha detto che Bach è forse un tocco eccessivamente aristocratico per un film sui contadini. Non sono d'accordo. Credo che la grandezza di Bach, come la poesia, non sia né aristocratica né popolaresca ma semplice ed essenziale come la verità. Perciò sono convinto che il mondo contadino e la musica di Bach si conoscessero e andassero d'accordo ancora prima che si incontrassero nella colonna sonora dell'Albero degli Zoccoli.

Ermanno Olmi

 

TRACK LISTINGS:

1. Ich steh' mit einem Fuß im Grabe, BWV 156: Adagio
2. Nun freut euch lieben Christen g'mein, BWV 734
3. Wachet auf ruft uns die Stimme, BWV 645
4. Kyrie Gott Vater in Ewigkeit, BWV 672
5. Nun komm der Heiden Heiland, BWV 660
6. Liebster Jesu wir sind hier, BWV 633
7. Fuga in Sol minore, BWV 578
8. Komm süßer Tod, BWV 478
9. Kyrie Gott Vater in Ewigkeit, BWV 672 (Alio modo)
10. Herz und Mund und Tat und Leben, BWV 147: X. Corale
11. Erbarm dich mein o Herre Gott, BWV 721
12. In dulci jubilo, BWV 729

 

 

[Per guardare il video clicca sull'immagine in alto]

 

 

  • shares
  • Mail