• Film

Stasera in tv: “Puoi baciare lo sposo” su Canale 5

Canale 5 stasera propone “Puoi baciare lo sposo”, commedia del 2018 diretta da Alessandro Genovesi e interpretata da Diego Abatantuono, Monica Guerritore, Cristiano Caccamo e Salvatore Esposito.

[Per visionare il trailer clicca sull’immagine in alto]

 

Cast e personaggi

Diego Abatantuono: Roberto
Monica Guerritore: Anna
Cristiano Caccamo: Antonio
Salvatore Esposito: Paolo
Dino Abbrescia: Donato
Diana Del Bufalo: Benedetta
Beatrice Arnera: Camilla
Antonio Catania: frate Francesco
Rosaria D’Urso: Vincenza
Enzo Miccio: sè stesso

 

La trama

 

Antonio  (Cristiano  Caccamo)  ha  finalmente  trovato  l’amore  della  sua  vita,  Paolo  (Salvatore Esposito),  con  il quale  convive  felicemente  a  Berlino. Nell’entusiasmo  di  una  tenera  dichiarazione  d’amore,  Antonio  chiede  a  Paolo  di  sposarlo  ma  ora  viene  il momento  di  affrontare  le  due  famiglie. Decidono  quindi  di  partire  insieme  per  l’Italia,  destinazione  Civita  di  Bagnoregio,  dove  vivono  i  genitori  di Antonio:  la  madre  Anna  (Monica Guerritore)  e  il  padre  Roberto  (Diego  Abatantuono),  Sindaco  progressista  del paese  che  ha  fatto  dell’accoglienza  e  dell’integrazione  i  punti  di  forza  della  sua  politica. Ai  due  innamorati  si  uniscono,  per  un  viaggio  pieno  di  rivelazioni  e  sorprese,  la  loro  bizzarra  amica  Benedetta (Diana  Del  Bufalo)  e  il  nuovo  stressato  coinquilino  Donato  (Dino  Abbrescia). Anna  accetta  subito  l’intenzione  del  figlio  di  unirsi  civilmente  a  Paolo  a  patto  che  vengano  rispettate  tutte  le tradizioni  e  alcune  condizioni:  alle  nozze  dovrà  partecipare  la  futura  suocera,  bisognerà  invitare  tutto  il  paese, dell’organizzazione  se  ne  dovrà  occupare  Enzo  Miccio,  wedding  planner  per  eccellenza,  e  i  ragazzi  dovranno essere  uniti  in  matrimonio  dal  marito,  con  tanto  di  fascia  tricolore. La  madre  di  Paolo,  Vincenza  (Rosaria  D’Urso),  parteciperà  alle  nozze?  Ma,  soprattutto,  Roberto  sosterrà  la  scelta  di  suo  figlio?

 

Il nostro commento

 

Il regista Alessandro Genovesi torna a collaborare con Diego Abatantuono dopo il sequel Il peggior Natale della mia vita. A partire dal titolo, Puoi baciare lo sposo aveva tutte le potenzialità per trasformarsi in un gaia galleria di stereotipi con personaggi di stampo macchiettistico e invece guarda un po’ Genovesi confeziona una godibilissima commedia romantica a sfondo nuziale che, partendo da un sorprendentemente misurato Salvatore Esposito, si dipana senza eccessi di retorica con un cast al servizio di una sceneggiatura che affronta un tema come le unioni civili con invidiabile levità. Tutto fila liscio anche quando entra in scena il wedding planner Enzo Miccio, unica nota leggermente stonata in una partitura altrimenti equilibratissima, ma per il resto si ride e si riflette con intelligenza su tematiche attuali e molto importanti.

 

Note di regia

 

“Puoi  baciare  lo  sposo”  è  un  film  che  utilizza  l’arte  di  far  sorridere  per  affrontare  gli  stereotipi  e  i  pregiudizi che  ancora  ostacolano  la  compiuta  attuazione  delle  unioni  civili  in  Italia.  L’idea  nasce  da  un  musical  di  grande successo  in  scena  a  Broadway:  “My  Big  Italian  Gay  Wedding”,  che  ho  avuto  la  fortuna  di  vedere  qualche  anno fa  e  di  cui  sono  rimasto  profondamente  affascinato.  In  Italia  il  progetto  ha  assunto  toni  e  colori  diversi, maggiormente  connessi  al  gusto  del  nostro  “Cinema”  e  ai  temi  di  attualità  che  vive  la  nostra  società.  Sono  stato  onorato  di  avere  il  supporto  concreto  di  Francesca  Vecchioni  e  dell’associazione  Diversity  che  si occupa  della  rappresentazione  responsabile  delle  persone  LGBTI.  Francesca  mi  ha  indicato  la  strada,  mi  ha fatto  sentire  sulla  pelle  le  sensibilità  altrui  e  mi  ha  aiutato  a  calibrare  il  ruolo  di  alcuni  personaggi  importanti del  film.  Desideravo  realizzare  una  storia  brillante  di  taglio  anglosassone.  Ho  richiesto  perciò  a  tutti  gli  interpreti  un assoluto  realismo  in  modo  che  non  ci  fosse  mai  distanza  tra  attore  e  personaggio.  Ho  provato  a  creare  un ambiente  dove  a  far  ridere  non  fossero  le  battute  del  copione,  ma  le  situazioni  che  vivono  i  personaggi.   Anche  il  cast  è  colorato,  per  talento  e  per  propensione.  Ho  scelto  per  questo  progetto  alcuni  attori  che  stimo da  sempre  e  con  cui  ho  già  lavorato  per  altri  progetti,  come  Diego  Abatantuono,  ha  una  capacità  innata  di trasformare  il  reale  in  surreale,  Monica  Guerritore,  la  cui  versatilità  fa  sempre  la  differenza,  Antonio  Catania nel  ruolo  del  frate  devo  dire  che  mi  divertiva  particolarmente  e  Dino  Abbrescia,  che   in  questo  film  sono  certo che  verrà  fuori  in  maniera  prepotente,  è  il  fool  della  storia,  il  personaggio  più  comico  di  tutti  nonostante  porti con  sé  un  dramma  pazzesco.  Con  altri  attori  non  avevo  mai  lavorato  e  mi  sono  trovato  benissimo  come Salvatore  Esposito,  grande talento  che  lavora  per  “sottrazione”  e  che  sono  certo  abbia  potenzialità  per  il cinema  internazionale,  Cristiano  Caccamo  che  ho  scelto  da  un  bellissimo  provino  e  Diana  Del  Bufalo,  ho calibrato  il  personaggio  di  Benedetta  proprio  su  di  lei.  Un  cast  che  ringrazio  per  la  professionalità,  il  talento  e l’energia  che  hanno  voluto  mettere  in  questo  film. [Alessandro  Genovesi]

 

 

Foto: Loris T. Zambelli