Lezioni di Felicità – Odette Toulemonde: recensione

Lezioni di Felicità – Odette Toulemonde (Odette Toulemonde, Francia / Belgio, 2006) di Eric-Emmanuel Schmitt; con Catherine Frot, Albert Dupontel, Jacques Weber, Fabrice Murgia, Nina Drecq, Camille Japy, Alain Doutey, Julien Frison, Laurence d’Amelio, Aïssatou Diop.La commessina dalla famiglia “strana” che vive in una casa popolare in realtà sogna e dà consigli a destra e

Lezioni di Felicità - Odette ToulemondeLezioni di Felicità – Odette Toulemonde (Odette Toulemonde, Francia / Belgio, 2006) di Eric-Emmanuel Schmitt; con Catherine Frot, Albert Dupontel, Jacques Weber, Fabrice Murgia, Nina Drecq, Camille Japy, Alain Doutey, Julien Frison, Laurence d’Amelio, Aïssatou Diop.

La commessina dalla famiglia “strana” che vive in una casa popolare in realtà sogna e dà consigli a destra e a manca; lo scrittore di successo invece è insoddisfatto, vicino alla depressione. Quando lei, appassionata dei suoi libri, gli fa autografare il suo ultimo lavoro, non riesce manco a dire correttamente il suo nome dall’emozione. Ma i due avranno occasione di rincontrarsi e di iniziare a conoscersi meglio…

A leggere le critiche, Odette Toulemonde (da noi intitolato Lezioni di felicità, da una frase pronunciata nella pellicola) non è né piaciuto e né è stato distrutto. Anzi, l’atmosfera è quella di un’accoglienza indifferente, perché il film è caruccio, superficiale ma divertente, e soprattutto sottolineerebbe le differenze tra il popolo parigino vivace e la ricca borghesia in depressione.

Premettendo che questo “affresco sociale” (per qualcuno quasi zavattiniano, grazie anche alle musiche del nostro Nicola Piovani) lascia sinceramente il tempo che trova, Lezioni di felicità è una gran bella bufala. E guai a paragonarlo ad Amélie, che piaccia o non piaccia era un godibilissimo confetto.

Qui il confetto è andato a male. Su di lui si è imposta una patina laccata che annulla la simpatia dalle prime immagini, producendo una sensazione continua (e dura davvero dall’inizio alla fine) d’irritazione non indifferente. Invece di citare Zavattini o Jeunet, perché non fare un discorso terra-a-terra?

Lezioni di felicità è lunghissimo, noioso, strappa a stento la risata (il migliore è il personaggio di Gesù) e spesso lascia a bocca aperta con alcuni siparietti al limite del sopportabile. Per non parlare della figura del critico letterario, che si trova a dire le peggiori cose sul “Moccia francese” interpretato da Albert Dupontel (visto di recente, ma non in Italia, in Chrysalis), salvo poi scoprire che lo fa perché va a letto con sua moglie e non per obiettività critica.

E che dire di Odette, interpretata da Catherine Frot? Lei è brava: è il personaggio, a volte anche simil-Mary Poppins, che a volte è fastidioso. Sparge zucchero ovunque, sogna con tramonti dipinti alla parete in camera da letto, si alza “tre metri sopra il cielo” ogni volta che è euforica. Mentre il figlio, ordinatissimo diciannovenne parrucchiere, dichiaratamente gay, cambia ragazzo ogni due per tre e prima di dormire legge riviste porno (sic), e la figlia è una buzzurrona più maschile del fratello.

La fiera dello stereotipo, alla fine. Si dirà che è funzionale alle gag del film, si dirà che il confetto dev’essere zuccheroso e superficiale fino in fondo affinché possa far ridere e sorridere: ma l’effetto è tutto il contrario. Che del film non si sia detto il peggio, o che almeno nessuno l’abbia fatto, lascia piuttosto perplessi.

Voto Gabriele: 3

Ultime notizie su Film Europei

Tutto su Film Europei →