Stasera in tv: “Dunkirk” di Christopher Nolan su Rete 4

Rete 4 stasera propone “Dunkirk”, film di guerra del 2017 di Christopher Nolan con Tom Hardy, Kenneth Branagh, Harry Styles, Cillian Murphy e Mark Rylance.

Rete 4 stasera propone Dunkirk, l’acclamato kolossal a sfondo bellico del regista Christopher Nolan (“Interstellar”, “Inception”, la trilogia de “Il cavaliere oscuro”).  Nolan porta sullo schermo la cronaca di una battaglia epica che inizia con centinaia di migliaia di truppe britanniche ed alleate circondate dalle forze nemiche e intrappolate su una spiaggia con le spalle rivolte verso il mare. A bordo di questa monumentale avventura un cast stellare che include Tom Hardy, Kenneth Branagh Harry Styles, Cillian Murphy e Mark Rylance.

Dunkirk –  La trama

“Dunkirk” è la cronaca di una battaglia epica che inizia con centinaia di migliaia di truppe britanniche ed alleate circondate dalle forze nemiche. Intrappolate sulla spiaggia con le spalle rivolte verso il mare, si trovano ad affrontare una situazione impossibile mentre il nemico si stringe intorno a loro. La storia si sviluppa tra terra, mare ed aria. Gli Spitfire della RAF si sfidano col nemico in cielo aperto sopra la Manica in difesa degli uomini intrappolati a terra. Nel frattempo, centinaia di piccole imbarcazioni capitanate da militari e civili tentano un disperato salvataggio, mettendo a rischio le proprie vite in una corsa contro il tempo per salvare anche solo una piccola parte del proprio esercito.

Dunkirk – Cast e personaggi

Fionn Whitehead: Tommy
Tom Glynn-Carney: Peter
Jack Lowden: Collins
Harry Styles: Alex
Aneurin Barnard: Gibson
James D’Arcy: Colonnello Winnant
Barry Keoghan: George Mills
Kenneth Branagh: Comandante Bolton
Cillian Murphy: soldato sotto shock
Mark Rylance: Mr. Dawson
Tom Hardy: Farrier
Billy Howle: agente Petty

Doppiatori originali

Michael Caine: Fortis Leader

Doppiatori italiani

Manuel Meli: Tommy
Mirko Cannella: Peter
Andrea Mete: Collins
Alessandro Campaiola: Alex
Giorgio Borghetti: Colonnello Winnant
Alex Polidori: George Mills
Antonio Sanna: Comandante Bolton
Simone D’Andrea: soldato sotto shock
Toni Garrani: Mr. Dawson
Marco Vivio: Farrier
Massimo De Ambrosis: Fortis Leader

Curiosità

  • La battaglia di Dunkirk si è svolta nel 1940, quando 400.000 truppe alleate furono circondate dalle forze tedesche. I tedeschi decisero di fermare la loro avanzata, una decisione che permise alle forze alleate di ritirarsi con oltre 330.000 truppe che riuscirono a tornare a casa. Pur considerandola una sconfitta, alla fine questa battaglia divenne un enorme punto di svolta nella guerra e permise al nuovo primo ministro britannico Winston Churchill di riorganizzarsi e alla fine prevalere sulle forze naziste. Christopher Nolan ha rivelato in un’intervista che secondo lui se a questi soldati non fosse stato permesso di ritirarsi, i tedeschi avrebbero potuto conquistare tutta l’Europa.
  • Il film è stato candidato a 8 premi Oscar, tra cui miglior film e regista, con tre statuette vinte: miglior montaggio, sonoro e montaggio sonoro a Richard King e Alex Gibson.
  • Secondo Sir Kenneth Branagh, circa trenta sopravvissuti a Dunkirk di oltre novant’anni, hanno partecipato alla premiere di Londra, in Inghilterra. Quando gli è stato chiesto del film, hanno sentito che ha catturato con precisione l’evento, ma che la colonna sonora era più forte dei bombardamenti, un commento che ha divertito moltissimo Christopher Nolan.
  • Nella sequenza in cui lo Spitfire si immerge nel Canale della Manica, una telecamera IMAX è stata fissata nell’abitacolo per filmare Collins (Jack Lowden) che cercava di uscire. Tuttavia, durante le riprese, l’aereo con la macchina da presa ancora dentro affondò più velocemente del previsto. Ci è voluto così tanto tempo per recuperare l’aereo, che la custodia della macchina da presa IMAX si è riempita d’acqua, rovinando potenzialmente la costosa telecamera e il film all’interno. Christopher Nolan ha usato una vecchia tecnica cinematografica per mantenere il film bagnato e lo ha rispedito a Los Angeles, facendolo elaborare prima che si asciugasse. La ripresa di quella scena è nel film.
  • Il film è raccontato da tre punti di vista: in aria (aerei), in terra (sulla spiaggia) in acqua (l’evacuazione della marina). Per i soldati coinvolti nel conflitto, gli eventi si sono svolti in diversi momenti temporali: sulla terra alcuni rimasero una settimana bloccati sulla spiaggia, in acqua gli eventi durarono al massimo un giorno e se volevi volare Dunkirk, gli spitfire britannici portavano carburante per un’ora. Per mescolare queste diverse versioni della storia ho dovuto mescolare gli strati temporali, quindi complicare la struttura, anche se la storia, ancora una volta, è molto semplice.
  • Nonostante il fatto che i tedeschi stiano sparando e bombardando le forze alleate durante il film, nessuna truppa tedesca è effettivamente visibile fino a quando uno degli ultimi colpi del film, e anche allora, sono fuori fuoco e in ombra.
  • Il film utilizza oltre 50 imbarcazioni in mare e 10 sulla spiaggia.
  • Gli aerei che bombardavano la spiaggia erano i bombardieri Junkers Ju-87 / Sturzkampfflugzeug “Stuka”, e il suono distintivo che emettevano non proveniva dal motore o dall’elica, ma dalle sirene montate sui velivoli note come “trombe di Gerico”che terrorizzavano le truppe di terra e divennero uno strumento di propaganda per l’aviazione tedesca durante la seconda guerra mondiale. Sebbene gli Stuka fossero gli unici velivoli dotati di un tale sistema di sirene, è diventato un suono caratteristico di aerei che scendono e attaccano.

  • Charles Herbert Lightoller, il più anziano ufficiale sopravvissuto del Titanic RMS su cui è basato il personaggio “Dawson” di Mark Rylance, ha partecipato all’evacuazione di Dunkirk con il suo yacht a motore privato, “The Sundowner”. Ad accompagnarlo c’erano suo figlio Roger e un esploratore di mare di 18 anni di nome Gerald Ashcroft. L’imbarcazione è conservata dal Museo marittimo di Ramsgate in Inghilterra.
  • Questo film è stato girato sulla spiaggia reale di Dunkirk, dove è avvenuta l’evacuazione. Durante le ricerche per il film, Christopher Nolan ha trovato nella sabbia un bottone dell’uniforme di un soldato inglese.
  • “The Hollywood Reporter” ha dichiarato che Christopher Nolan ha ricevuto uno stipendio di 20 milioni di dollari più il 20% del lordo al botteghino, il più grande affare per qualsiasi regista alla stregua di Peter Jackson, che ha ricevuto lo stesso importo per King Kong (2005). Tuttavia, “Vanity Fair” ha invece riportato che Nolan ha accettato di ricevere uno stipendio iniziale basso in cambio di un’ampia percentuale sugli incassi.
  • Christopher Nolan ha rivelato che non era a conoscenza di quanto fosse famoso il cantante Harry Styles al momento del suo casting: “Non conoscevo Harry, intendo dire che avevo sentito il suo nome dai miei figli, ma non avevo familiarità con lui. Quello che mi sono trovato a guardare, quando Styles sostenne l’audizione, era un tipo molto carismatico che aveva chiaramente una veridicità e una sottigliezza nella sua capacità di interpretare come attore.”
  • Christopher Nolan ha citato film muti come Rapacità (1924), Intolleranza (1916) e Aurora (1927) come fonte d’ispirazione per le scene di massa di questo film: “Ho passato molto tempo a studiare i film muti per le scene di massa Il modo in cui si muovono le comparse, l’evolversi, come viene messo in scena lo spazio e come le macchine da presa lo catturano, le viuali utilizzate.” Nolan ha anche studiato Un condannato a morte è fuggito (1956), Diario di un ladro (1959), Salvate il soldato Ryan (1998) e Vite vendute (1953) per analizzare il processo di creazione della suspense attraverso i dettagli.
  • Christopher Nolan ha avuto per la prima volta l’idea di questo film nel 1992 mentre navigava verso Dunkirk con la sua fidanzata (in seguito sua moglie) Emma Thomas.
  • Sir Kenneth Branagh ha interpretato il comandante Bolton della Royal Navy, pier master di Dunkirk. Il regista Christopher Nolan ha spiegato che il personaggio di Bolton era un mix di diversi ufficiali che che si sono eroicamente messi in luce durante l’evacuazione, ma principalmente del comandante James Campbell Clouston che fornì un servizio straordinario, lavorando 24 ore su 24 nelle circostanze più difficili per evacuare il maggior numero possibile di soldati. Rimase fino a quando non fu più possibile evacuare, ma fu ucciso sul Canale della Manica mentre tornava in Inghilterra quando la nave su cui si trovava fu attaccata da un aereo tedesco. Nel luglio del 1940, ricevette una “Menzione nei dispacci”, il più alto premio postumo per il valore dopo la “Victoria Cross”.
  • Il miliardario americano Dan Friedkin, un appassionato collezionista di aviazione militare vintage, ha permesso alla produzione di usare due Spitfire Mk1 della sua collezione per questo film. Gli aerei hanno un valore di cinque milioni di dollari ciascuno e la sua collezione è così grande che l’unica persona che possiede più Spitfire di Friedkin è la Regina.
  • Per imitare l’effetto di un’uniforme militare che viene visibilmente indossata e utilizzata, i costumisti mettono acqua sugli abiti di lana, l’asciugano immediatamente con una torcia e poi si sfregano con un pennello. Questo è stato fatto più volte per ottenere l’effetto desiderato.
  • Dunkirlk è stato l’unico film tra i candidati al miglior film a non essere nominato in nessuna categoria di recitazione.

  • La critica si è lamentata del fatto che il film ha ignorato l’esercito francese, che ha trattenuto le divisioni tedesche vicino alla città di Lille durante l’evacuazione.
  • Alcuni dei velivoli visti in questo film sono in realtà grandi modelli in scala (lunghi due metri). La produzione ha realizzato e utilizzato quaranta accurati modelli in scala di Junkers Ju-87 “StuKa” e Messerschmitt 109s, principalmente per scene a bassa quota e in movimento.
  • Degli oltre quarantamila soldati britannici catturati, che combatterono la retroguardia, diecimila erano scozzesi. Tuttavia c’è solo una inclusione degno di nota in questo adattamento dei battaglioni “Gordon Highlanders”.
  • Alcune delle imbarcazioni reali della Battaglia di Dunkerque sono state usate in questo film: l’Hilfranor, l’Elvyn, l’Endeavour, la Mary Jane, la Caronia, il New Britannic e la Princess Elizabeth.
  • Harry Styles aveva una guardia del corpo personale sul set, a causa dell’attenzione indesiderata.
  • Il governo britannico aveva già deciso di continuare la guerra quando il Corpo di spedizione britannico (British Expeditionary Force) si sentì perduto. Il 26 maggio 1940 il Gabinetto di Guerra aveva discusso dell’offerta ancora neutrale di Benito Mussolini di mediare una fine negoziata della guerra. Due giorni dopo, Sir Winston Churchill convinse tutti i membri del gabinetto a continuare a combattere, indipendentemente dal costo. Tuttavia, l’importanza generale di restituire almeno duecentomila combattenti britannici non può essere minimizzata, dato che questo era almeno il settantacinque percento dell’intera forza di spedizione britannica nel nord della Francia.
  • Il carburante utilizzato dai tedeschi fu fornito dall’Unione Sovietica, a causa dell’Accordo commerciale tedesco-sovietico del febbraio 1940.
  • Uno dei film più difficili da girare per il direttore della fotografia Hoyte Van Hoytema, a causa del costante uso di macchina da presa IMAX che vanno da quarantasei libbre (ventuno chilogrammi) a duecentocinquanta libbre (centotredici chilogrammi).
  • L’esercito britannico era composto da poco meno di tre milioni di unità nel 1940 e solo trecentotrentamila furono salvate da Dunkerque. Di quei trecentotrentamila, circa il venti percento erano truppe francesi. La Gran Bretagna aveva bisogno di addestrare e armare nuove reclute al tempo di Dunkirk, ma non era a corto di truppe. Anche se la Germania aveva catturato le truppe a Dunkirk, non erano pronti a invadere l’Inghilterra. La Royal Navy controllava ancora il Canale e la Kriegsmarine aveva perso troppe navi in ​​Norvegia. È contestato se Hitler intendesse davvero invadere il Regno Unito, poiché l’Alto Comando tedesco iniziò a prepararsi all’invasione dell’Unione Sovietica all’inizio del luglio 1940. Se l’Asse fosse riuscito a invadere il Regno Unito, la Royal Navy avrebbe continuato la guerra dal Canada.
  • In un podcast, Quentin Tarantino ha definito Dunkirk il suo secondo film preferito del decennio.
  • Tom Hardy è l’unico pilota di Spitfire che indossa un paio di occhiali con lenti oscurate. Si tratta degli stessi occhiali indossati da Bruce Spence, che ha interpretato Capitano Gyro in Interceptor – Il guerriero della strada (1981) e Jedediah il Pilota in Mad Max oltre la sfera del tuono (1985). Hardy ha interpretato “Mad” Max Rockatansky in Mad Max: Fury Road (2015).
  • Il film costato 100 milioni di dollari ne ha incassati nel mondo circa 527.

Note di produzione

Christopher Nolan ha scortato il proprio pubblico dalle strade di Gotham City al mondo infinito dei sogni, fino ai luoghi più lontani nello spazio. Ora, per la prima volta, questo eclettico regista/sceneggiatore/produttore ha deciso di raccontare una storia vera, una storia che gli sta a cuore da sempre: il miracolo di Dunkirk. “Dunkirk” è la storia di una evacuazione che – sebbene svoltasi nei primi anni della Seconda Guerra Mondiale – ebbe un impatto diretto sull’esito della guerra stessa. Piuttosto che girare un film di guerra, l’obiettivo di Nolan è stato raccontare questo momento storico in un film che coinvolgesse il proprio pubblico, avvolgendolo completamente: un epico thriller d’azione pieno di ritmo dove la posta in gioco non potrebbe essere più alta. Come afferma lui stesso, “Quanto è accaduto a Dunkirk è una delle storie più importanti dell’umanità, l’estrema corsa contro il tempo e la morte. Era una situazione straordinariamente ricca di suspense, questa è l’unica certezza. La nostra idea era di catapultare il pubblico in questa suspense con assoluto rispetto per la storia e con forte intensità ma naturalmente anche con l’idea di intrattenimento”.

A detta di Emma Thomas, storica socia produttrice di Nolan, “‘Dunkirk’ è un enorme film-spettacolo ma è anche una storia profondamente umana e, per questo motivo, è universale. Chris ha voluto coinvolgere il pubblico nella storia perché vivesse le stesse vicende ed emozioni dei personaggi – che fossero i soldati sulla spiaggia, i piloti in cielo o i civili sulle imbarcazioni”. L’incredibile storia che ha ispirato il film è la stessa che ha affascinato Nolan per molti anni: “È da tanto tempo che volevo raccontarlo. Come la maggior parte degli inglesi, sono cresciuto studiando la storia e la leggenda dell’evacuazione di Dunkirk che è una vittoria nata dalla morsa della sconfitta. È una fetta importante della nostra cultura. Ci appartiene: è nel nostro sangue”. La storia inizia a fine maggio 1940, quando il Corpo di Spedizione Britannico insieme alle truppe francesi, belghe e canadesi indietreggia fino alla spiaggia di Dunkirk. Sebbene solo a 26 miglia di distanza da casa, non c’è modo di raggiungere l’altra sponda. A causa della secca nel mare lunga ben 7 metri, l’attracco per le navi inglese è proibitivo e quindi è impossibile raggiungere la riva opposta per salvare i propri soldati. Eppure c’è ancora speranza. Viene inviato un richiamo di aiuto ai civili oltre la Manica che possiedono piccole imbarcazioni perché vengano in soccorso. Ed è così che una flotta di “barche e piccole imbarcazione” private salpa dal sud della costa inglese per raggiungere la Francia e riportare gli uomini a casa – azione che assunse il nome in codice di Operazione Dynamo.

Il consulente storico per il film, Joshua Levine, autore del libro “Forgotten Voices of Dunkirk”, sottolinea come l’evacuazione del 1940 fu ben più di una fetta di storia inglese. “Fu un evento basilare, che ancora oggi ha una valenza internazionale mondiale. Tutto ciò che oggi si celebra della Seconda Guerra Mondiale – in Gran Bretagna, gli Stati Uniti e in tutto il mondo – non ci sarebbe senza l’evacuazione di Dunkirk. Fu un evento di portata incredibilmente rilevante. Se l’esercito inglese fosse stato sterminato o reso prigioniero, la Gran Bretagna avrebbe dovuto arrendersi, e forse oggi vivremmo in un mondo molto diverso. Per me, Dunkirk significa la salvaguardia della libertà. Con la partenza delle imbarcazioni, al mondo viene concessa un’ultima possibilità”. Kenneth Branagh, nel ruolo del comandante della Marina Britannica, è d’accordo: “La vita di tutti avrebbe preso un’altra direzione se quel difficilissimo momento di grande coraggio, valore e pazienza non fosse stato affrontato a testa alta da chi ci ha creduto profondamente, proteggendo il futuro di tutti noi. Non si deve mai sottovalutare il ruolo importante dell’evacuazione di Dunkirk nella nostra storia militare, sociale, politica ed emotiva. Di solito, si considera un’evacuazione qualcosa di poco eroico ma in questo caso assunse un ruolo incredibilmente eroico per lo spirito umano”. Non per niente, il salvataggio dell’esercito inglese contro ogni previsione, ha dato vita ad un’espressione che ormai fa parte del lessico culturale britannico, “lo spirito (leggi, la forza, ndt) di Dunkirk”. Come definito da Thomas, “Lo spirito di Dunkirk si riferisce a qualcosa di cui gli inglesi sono orgogliosi: è una sorta di impavido coraggio e determinazione contro qualunque avversità”.

Mark Rylance, nel ruolo del capitano di una delle imbarcazioni, è d’accordo, “Il detto lo spirito di Dunkirk ha un significato profondo per gli inglesi. Eravamo svantaggiati su quella spiaggia ma siamo stati capaci di risollevarci e sfuggire l’ineluttabile, oltre al nemico. Lo spirito di Dunkirk è profondamente intrinseco a quella perseveranza e a quella forza e sottintende anche un profondo altruismo”. Come dice il giovane Fionn Whitehead al suo debutto cinematografico nei panni di uno dei giovani soldati intrappolati sulla spiaggia, “Lo spirito di Dunkirk mi riporta ad un senso di solidarietà e di comunità – la forza dell’unione indispensabile per aiutare chi è in difficoltà”. È stato proprio su una piccola barca a vela – simile a quella che formava la flotta dell’epoca – che Nolan e Thomas hanno visitato Dunkirk per la prima volta a metà anni ’90. Il viaggio avrebbe dato loro la possibilità di capire di persona quell’evento storico di cui fino ad allora avevano soltanto letto. Ostacolati dal mare in tempesta e dal cattivo tempo, il viaggio attraverso la Manica durò ben 19 ore.

“Fu una traversata molto difficile”, ricorda Nolan. “Pur non avendo alcuna minaccia di bombe sulla testa. Quello che mi colpiva era quanto la storia fosse straordinaria – l’idea di civili che prendono le proprie imbarcazioni e partono per una zona di guerra: vedono fumo ed fuoco a distanza di miglia e decidono di partire. E questo ci dice quanto fosse straordinario il loro senso della collettività”. A detta di Nolan, “Mentre cercavo la chiave di lettura del film, ben presto ho pensato di raccontarla descrivendo gli eventi a partire dalla terra, dal mare e dal cielo, ossia dal punto di vista di chi era intrappolato sulla spiaggia, di chi stava arrivando a soccorrere i soldati via mare e dei piloti che cercavano di proteggere tutti dall’alto. Immediatamente mi sono trovato davanti al problema di usare diverse misure di tempo per ogni parte della storia, perché gli uomini sulla spiaggia restano intrappolati per una settimana circa, mentre le imbarcazioni attraversano la Manica in una giorno e gli Spitfire risolvono la faccenda in un’ora. Ognuna di queste linee narrative – una settimana sulla terraferma, un giorno in mare ed un’ora in aria – aveva caratteristiche temporali diverse, così per intrecciarle nel montaggio avrei dovuto raccontarle con molta attenzione. Intrecciarle significava raccontarle in modo decisamente soggettivo, in modo di condividere il viaggio di ognuno dei personaggi, allo stesso tempo suggerendo ulteriori storie e sotto-trame. In un evento ed in un film di questa portata, è impossibile avere una lettura completa dell’esperienza individuale di ogni personaggio”.

Facendo ricerca per la sceneggiatura, Nolan ha letto molti libri e ascoltato molte testimonianze. Si consultava continuamente con Levine che, a detta sua, “ha capito subito il difficile equilibrio tra intrattenimento e accuratezza storica che avremmo dovuto mescolare. Ha persino organizzato alcuni incontri tra noi ed il gruppo di veterani sopravvissuti all’Operazione Dynamo. È stato un enorme onore incontrare queste persone e sentir raccontare le loro esperienze per scoprire cosa significava Dunkirk per loro”. “In tutto ciò,” osserva la Thomas, “Chris aveva chiaro che non voleva far parlare questi eroi, né modificare le loro storie per ragioni di tempo o per ottenere qualche effetto a livello narrativo e così ha deciso che il modo migliore per raccontare la storia era usare personaggi di finzione ispirati ai fatti reali che aveva scoperto durante la sua ricerca”. Vedere l’evento dal punto di vista di pochi individui era quanto ha più colpito Kenneth Branagh mentre leggeva la sceneggiatura: “Chris è riuscito a intrecciare una storia in modo decisamente umano, mescolando storie individuali con la dimensione epica del racconto. Per me è davvero geniale, un vero maestro del cinema”. Aggiunge Rylance, “Non credo nessuno avrebbe potuto raccontare questa storia in modo più fedele ed essenziale o in una maniera più emozionante ed elettrizzante. Credo sia un’esperienza filmica straordinaria”.  Tom Hardy, al suo terzo film con Nolan, è d’accordo. “Ad ogni film, Chris riesce ad alzare la posta in gioco. È un vero professionista che non lascia nulla al caso e non perde occasione per trasformare i dettagli in racconto. È sempre in controllo della situazione ma non è inflessibile ed è proprio questo a rendere un artista davvero autorevole. È generoso, sensibile,  divertente e incredibilmente intelligente e mi fido di lui – se dice che realizzerà qualcosa, lo fa”.

Per realizzare la triplice prospettiva scelta per il film, compresa la distorsione del tempo, Nolan ha lavorato a stretto contatto con la squadra creativa, compreso il direttore della fotografia Hoyte van Hoytema, il capo scenografo Nathan Crowley, la costumista Jeffrey Kurland, il montatore Lee Smith, il coordinatore degli effetti speciali Scott Fisher ed il coordinatore degli effetti visivi Andrew Jackson. Lo scopo principale di Nolan era riuscire a mettere il pubblico direttamente sulla spiaggia o sulle imbarcazioni che attraversavano la Manica oppure nella cabina di pilotaggio degli Spitfire. Nolan è stato il primo regista ad usare MdP IMAX in un film come “Il cavaliere oscuro” ed ha usato l’IMAX per tutti i suoi film successivi ma per “Dunkirk” ha deciso di allargare l’uso del formato panoramico, girando l’intero film alternando IMAX e 65 mm, una cosa che, sostiene, “non ho mai fatto prima. Ma ‘Dunkirk’ è una storia epica e richiedeva una tela enorme. La ragione per cui abbiamo girato in IMAX è perché la qualità coinvolgente dell’immagine non ha eguali. Quando ci si siede al cinema, lo schermo sparisce e si ha una vera e propria esperienza sensoriale fisica in quanto offre panoramiche incredibili ed azioni a larga scala. Negli anni, però, abbiamo scoperto che se si usa anche per situazioni intime, crea un’immediatezza decisamente coinvolgente. E così la nostra sensazione era che se fossimo riusciti a trovare un modo nuovo per usarlo, il risultato ci avrebbe soddisfatto ben oltre le aspettative”.

Un’altra caratteristica dei film di Nolan è la sua scelta di catturare l’azione in diretta, evitando il più possibile gli effetti digitali e di computer grafica. “Per me è sempre molto importante cercare di lavorare con cose e persone reali”, afferma. “L’effetto finale è molto viscerale e coinvolgente e trascina il pubblico nella storia”. E questo vale anche per il cast. Come afferma Cillian Murphy, alla sua quinta collaborazione con il regista, “Posso parlare solo per me ma credo che il resto dl cast confermerebbe le mie parole: quando si gira in ambienti reali, dove le cose accadono per davvero, è più facile offrire un ritratto leale ed onesto dei propri personaggi”. A riprova di quanto sopra, va detto che sia il cast tecnico che artistico erano onorati di poter girare una parte del film sulla spiaggia dove si è realmente svolto quel salvataggio miracoloso. Ci sono state diverse sfide logistiche, compreso il tempo inclemente, il mare mosso e la costruzione del molo di Dunkirk: un pontile in legno, stretto e lungo più un chilometro, che si inoltra nelle acque gelide della Manica. A detta della Thomas, è stata la migliore scelta possibile: “La spiaggia di Dunkirk è unica. Abbiamo considerato altre opzioni ma ben presto era chiaro che sarebbe stato difficile ricreare l’atmosfera che ci serviva altrove. Ci siamo sentiti tutti molto fortunati a girare nella location dove l’evento è effettivamente accaduto”.

La colonna sonora

  • Le musiche originali del film, candidate ad un Premio Oscar, sono del compositore Hans Zimmer che ha realizzato la musica di oltre 120 film che complessivamente hanno incassato 24 miliardi di dollari nei botteghini di tutto il mondo. Zimmer è stato premiato con un Oscar, due Golden Globe, tre Grammy, un American Music Award e un Tony. Dunkirk segna la quarta collaborazione tra Nolan e zimmer dopo Il cavaliere oscuro, Il cavaliere oscuro – Il ritorno e Interstellar.
  • Quando le riprese principali di “Dunkirk” sono terminate, Nolan ha iniziato a lavorare con due suoi collaboratori di vecchia data, il montatore Lee Smith ed il musicista compositore Hans Zimmer per completare il suo thriller epico. Suono e musica sono stati quindi mescolati alle riprese per sottolineare la corsa contro il tempo. A detta di Nolan, “L’insolito ritmo della sceneggiatura doveva essere amplificata dalla musica. La colonna sonora nel film infatti sembra un unico brano lungo con una struttura tonale aggregante e complessa. Gli effetti sonori e le varie tempistiche della storia sono intrecciate nella trama della musica di Hans”.
  • Zimmer ha chiamato il compositore e arrangiatore Benjamin Wallfisch che insieme a Nolan e al montatore delle musiche Alex Gibson “ha creato una versione moderna che esula dal film, sia dal punto di vista visivo che sonoro”, osserva il regista. “Gli accenti dell’ottone di Hans intensificano il potere del brano. Volevamo una colonna sonora che riverberasse le circostanze dell’evento che stiamo onorando, una storia di sopravvivenza ed un trionfo dello sforzo collettivo, opposto all’eroismo del singolo individuo”.
  • Il ticchettio che serve come tema cruciale nella colonna sonora è stato registrato dal compositore Hans Zimmer da uno degli orologi da tasca di Christopher Nolan. Quindi ha inserito i suoni nei sintetizzatori e li ha modificati in diversi modi per la colonna sonora.
  • La maggior parte di questo film si concentra sulla sopravvivenza, piuttosto che sull’eroismo, ma all’ultimo minuto il compositore Hans Zimmer cita la melodia principale di “Nimrod”, la nona variazione del popolare “Enigma Variations” di Sir Edward Elgar. “Nimrod” è un pezzo orchestrale frequentemente associato al patriottismo britannico. Lo stesso brano musicale è stato presentato da Sir Kenneth Branagh durante la cerimonia di apertura delle Olimpiadi di Londra 2012 e mentre recitava in “La tempesta” di William Shakespeare.

TRACK LISTINGS:

1. The Mole – Hans Zimmer (Sir Edward Elgar)
2. We Need Our Army Back – Hans Zimmer
3. Shivering Soldier – Hans Zimmer
4. Supermarine – Hans Zimmer
5. The Tide – Hans Zimmer (Sir Edward Elgar)
6. Regimental Brothers – Hans Zimmer, Lorne Balfe (Sir Edward Elgar)
7. Impulse – Hans Zimmer
8. Home – Hans Zimmer, Benjamin Wallfisch (Sir Edward Elgar)
9. The Oil – Hans Zimmer
10. Variation 15 (Dunkirk) – Benjamin Wallfisch, Hans Zimmer (Sir Edward Elgar)
11. End Titles (Dunkirk) – Hans Zimmer, Lorne Balfe, Benjamin Wallfisch (Sir Edward Elgar)

La colonna sonora di “Dunkirk” è disponibile su Amazon.

Ultime notizie su Film in tv

Tutto su Film in tv →