Peter Jackson ricorda l'attore Ian Holm con un toccante omaggio su Facebook

Ieri è arrivata la triste notizia della scomparsa di Ian Holm, popolare attore britannico noto per il ruolo dell'androide Ash del classico Alien, ma soprattutto per aver interpretato un anziano Bilbo Baggins nelle trilogie Il signore degli anelli e Lo Hobbit di Peter Jackson.

Peter Jackson che ha diretto Holm nella sua ultima apparizione cinematografica, ha voluto rendere omaggio all'attore su Facebook con un lungo e sentito messaggio di commiato. Jackson con il suo ultimo saluto lascia trapelare un misto di ammirazione e affetto, ma anche un pizzico di soggezione verso un grande attore che ha lasciato un segno indelebile nel cinema e nell'immaginario collettivo.

A seguire trovate il messaggio integrale di Jackson con immagini inedite dal set incluse.

 

Sono molto triste per la scomparsa di Sir Ian Holm.

Ian era un uomo così delizioso e generoso. Tranquillo, ma sfacciato, con un bel luccichio negli occhi.

All'inizio del 2000, prima di iniziare a girare le nostre scene di Bilbo per "La compagnia dell'anello, ero nervoso nel lavorare con un attore così stimato, ma mi ha subito messo a mio agio. Eravamo in Casa Baggins il primo giorno, prima che le macchine da presa iniziassero a girare, mi portò da una parte e disse che avrebbe provato cose diverse in ogni ripresa, ma non avrei dovuto allarmarmi. Se, dopo cinque o sei riprese, non mi avesse dato ciò di cui avevo bisogno, allora avrei dovuto dargli una direzione specifica.

Ed è esattamente quello che abbiamo fatto. Ma incredibilmente le sue varie letture e le interpretazioni sono state tutte meravigliose. Raramente aveva bisogno di una direzione. Ci ha dato una vasta gamma di scelte tra cui scegliere nella sala di montaggio.

Abbiamo trascorso quattro settimane molto piacevoli, mentre giravamo i primi 30 minuti della"Compagnia".

Un giorno abbiamo avuto Bilbo che consegnava un resoconto delle sue prime avventure ad un pubblico di bambini di tre e quattro anni incantati, seduti a gambe incrociate ai suoi piedi nel campo delle feste. Abbiamo iniziato filmando la performance di Ian che raccontava la storia, ma avevamo anche bisogno che i bambini reagissero a vari momenti drammatici. Ma i ragazzini si annoiano molto rapidamente, e Ian e io abbiamo capito subito che non potevano ascoltare la stessa storia più e più volte, poiché abbiamo catturato i vari angoli di cui avevamo bisogno.

Ho suggerito che per mantenere l'attenzione dei bambini, avrebbe dovuto rendere la storia un po' diversa in ogni ripresa...aggiungendo pezzi extra, inventando cose...fintanto che ci ha dato l'essenza di ciò che era nella sceneggiatura. Gli ho detto di non preoccuparsi e che l'avrei scoperto nella sala di montaggio.

Tuttavia, avevamo anche bisogno che i bambini rimanessero al loro posto mentre spostavamo rapidamente le macchine da presa, da un angolo all'altro. Sul set di un film, "rapidamente" significa 15-20 minuti. Quindi, mentre stava accadendo, e nessuna macchina da presa stava girando, ho sussurrato a Ian che avrebbe dovuto farli divertire. Ho suggerito utilmente che potesse "raccontare loro altre storie tra le riprese". Ed è esattamente quello che ha fatto. Dopo un paio d'ore, abbiamo girato tutto ciò di cui avevamo bisogno.

Mentre i bambini venivano introdotti sul set e l'equipaggio passava alla sequenza successiva, Ian disse che non aveva mai lavorato così duramente in vita sua!

Oltre un decennio più tardi, speravamo che Ian interpretasse di nuovo Bilbo per le scene di apertura de Lo Hobbit. Fran e io cenammo con Ian e sua moglie Sophie a Londra, e ci disse che gli dispiaceva molto, ma non ci riusciva. In aggiunta al nostro shock, ha confidato che gli era stato diagnosticato il morbo di Parkinson e non ricordava più le battute. Aveva difficoltà a camminare e certamente non poteva viaggiare in Nuova Zelanda. Sempre un uomo riservato, ci ha detto che sostanzialmente si era ritirato, ma non lo stava annunciando.

Questo è stato un duro colpo perché avevamo escogitato un bel modo per consegnare il ruolo da Ian come Vecchio Bilbo a Martin Freeman come Giovane Bilbo. Gliel'ho descritto e gli è piaciuto. Gli ho anche detto che mia madre e mio zio avevano entrambi sofferto il Parkinson per anni, e conoscevo molto bene gli effetti della malattia.

A questo punto, la nostra cena - che pensavamo sarebbe stata su di noi che descrivevamo le nuove scene che vorremmo che lui facesse, e Ian pensava che sarebbe stata su di lui a spiegare perché non poteva farlo - improvvisamente si è trasformato in un pensatoio, con Ian, Sophie, Fran e io stiamo cercando di capire un modo che consentisse a Ian di interpretare a Bilbo un'ultima volta.

Stiamo girando i film in Nuova Zelanda - siamo venuti a Londra e se girassimo le sue scene vicino a casa?

Alla fine della cena annuì lentamente e disse: "Sì, penso di poterlo fare". Ma sapevo che lo stava facendo solo come un favore a me, e gli ho tenuto le mani e l'ho ringraziato con le lacrime agli occhi.

Abbiamo iniziato a girare in Nuova Zelanda con Martin Freeman, nel ruolo del nostro giovane Bilbo. Martin ammirava enormemente Ian Holm ma non l'aveva mai incontrato. Tuttavia, Martin ha accettato molto generosamente di indossare un trucco prostetico per interpretare Sir Ian Holm nel ruolo del Vecchio Bilbo, per alcuni ampie riprese in Nuova Zelanda di cui avevamo bisogno, e ha catturato molto bene li suoi manierismi.

Un paio di mesi dopo siamo tornati a Londra, portando con noi il nostro set di Casa Baggins, e abbiamo filmato le riprese di Ian con una piccola troupe come promesso. L'amabile moglie di Ian, Sophie, era al suo fianco ogni giorno, aiutando sia lui che noi.

Nel corso di quattro giorni abbiamo filmato tutto ciò di cui avevamo bisogno. Elijah Wood e Ian erano diventati amici durante Il signore degli anelli, ed Elija era sul set a Londra ogni giorno, dando a Ian un ulteriore supporto.

Nel film finito, speravo che il pubblico vedesse Ian Holm riprendere Bilbo. Ma quello che ho vissuto sul set è stato un attore meraviglioso che ha recitato nella sua ultima interpretazione. È stato incredibilmente coraggioso da parte sua farlo ed è stato molto emozionante per coloro che lo hanno assistito.

Saremo sempre enormemente grati a Ian per averlo fatto. Durante il nostro tempo insieme, Fran e io ci siamo così innamorati di lui, e abbiamo apprezzato molto la sua compagnia.

Per celebrare il completamento delle riprese, Ian e Sophie hanno invitato Fran e io a cena a casa loro. È stata una serata incantevole, piena di umorismo e divertimento. Ian e io ci rendemmo conto che entrambi avevamo un forte interesse reciproco per Napoleone e ne parlammo per ore.

Un anno dopo, quando il primo film di Hobbit è stato presentato in anteprima a Londra, un Martin Freeman, leggermente emozionato da tutte quelle star, ha finalmente incontrato Ian Holm.

Guardare Ian Holm recitare mi ha insegnato così tanto - dato che Ian era una persona tranquilla e sicura di sé ha fatto in modo che tutto andasse per il meglio. È stato un privilegio lavorare con lui e una benedizione conoscerlo.

Ho sempre amato la performance di Ian nelle scene finali de Il ritorno del re.

"Penso di essere abbastanza pronto per un'altra avventura."

Addio caro Bilbo. Buon Viaggio caro Ian.

 

Ian Hom è scomparso a Londra il 19 giugno 2020 all'età 88 anni a causa di complicanze di una diagnosi di Morbo di Parkinson.

 

Fonte: Peter Jackson

 

 

  • shares
  • Mail