Film 2013-2014 novità: avremo Alice in Wonderland 2 e Clerks III - un gangster movie per Quentin Tarantino?



Alice in Wonderland 2
: Questa notizia è abbastanza clamorosa. Due anni dopo i 1,024,299,904 dollari incassati da Alice in Wonderland, la Disney avrebbe intenzione di dar vita ad un sequel. Lo studio ha infatti dato carta bianca a Linda Woolverton, incaricata di partorire uno script sensato ed affascinante. Nel passato Disney la Woolverton ha scritto pagine importanti: La Bella e la bestia, l'imminente Maleficent e Il Re Leone, per poi contribuire a cartoon come Mulan e Aladdin. Il sequel, ovviamente, si rifarà ad Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò, capitolo 2 sempre firmato Lewis Carroll, pubblicato per la prima volta nel 1871. Joe Roth, Suzanne Todd e Jennifer Todd tornerebbero come produttori, mentre tutto tace nei confronti di regia e cast. Rivedremo Burton, Mia Wasikowska e Johnny Depp nel mondo di Alice?

Jason Bourne e Matt Damon: Per la Universal The Bourne Legacy è stato tutt'altro che un successo. Costato 125 milioni di dollari, ne ha incassati 276 in tutto il mondo. Briciole rispetto ai 442 di The Bourne Ultimatum, ma anche ai 288 di The Bourne Supremacy, uscito nel lontano 2004. Jeremy Renner, in conclusione, non è riuscito a 'sostituire' degnamente Matt Damon. Ed è proprio Damon, quest'oggi, a prendere parola sul franchise, sottolineando come sia difficile, se non impossibile, un suo ritorno nei panni di Bourne: "ho visto il film, e credo che adesso sia ancora più difficile tornare. Sto pensando ad una soluzione, ma il fatto è che hanno usato i nostri personaggi, hanno apportato una serie di modifiche introducendo cose come la pillola speciale e quant'altro. E' quello il mondo 'Bourne' adesso. Adoro Jeremy, sono un suo fan e lo conosco di persona. Ma non credo che funzionerebbe. Non ho idea di come potrebbero andare le cose. Bourne non collaborerebbe mai con qualcuno, senza dimenticare che era pronto a farsi da parte. Quindi come fare per riportare in carreggiata un personaggio simile?". Jason Bourne e Matt Damon, in conclusione, si dicono addio definitivamente.

Clerks III: Kevin Smith e Clercks. Non se ne esce. sono passati quasi vent'anni dall'uscita in sala del cult firmato Smith. Costato 53.000 dollari, il film lanciò il regista nell'Olimpo del cinema indipendente americano. Per poi rimanere in una sorta di limbo autoriale, tanto da girare Clerks II nel 2006 ed ora pensare ad un terzo capitolo. Una sorta di ritorno alle origini, per chiudere una carriera che in 20 anni ha oscillato tra alti (pochi) e bassi (troppi). Alla riuscita del sequel manca solo l'ok di Jeff Anderson, protagonista della saga al fianco di Brian O'Halloran. D'altronde senza i commessi originali, Clerks III non potrebbe mai diventare realtà. Nel 2014 la più che probabile uscita in sala, in modo da festeggiare degnamente i 20 anni del primo capitolo.

The Equalizer
: da Drive a The Equalizer (passando per l'imminente Only God Forgives). Winding Refn avrebbe fatto sua la regia dell'immancabile remake del momento. Parliamo della versione cinematografica dell'omonima serie televisiva poliziesca degli anni ottanta prodotta dalla CBS. La Sony avrebbe rotto gli indugi, affidando la regia al talentoso Refn. Protagonista della pellicola Denzel Washington, in odore di nomination agli Oscar con Flight, nei panni di Robert McCall, ex agente sotto copertura che, in cerca di redenzione per le sue azioni, lascia la Cia e mette un annuncio riservato nel giornale che dice semplicemente: "Hai un problema? Le probabilità sono contro di voi? Chiama l'equalizzatore". In cabina di sceneggiatura troveremo Richard Wenk, sceneggiatore del tutt'altro che eccezionale I Mercenari 2. L'uscita in sala? 11 aprile 2014.

Quentin Tarantino e il suo futuro: l'ultimo film del mitico Quentin? Con l'imminente Django Unchained saranno 9 i film girati da Quentin Tarantino. Poche settimane fa il regista confessò di volersi fermare a quota 10. Se dovessimo credere alle sue (poco) credibili parole, mancherebbe solo un titolo all'appello della sua filmografia. E si tratterebbe di un gangster movie. “Un giorno mi piacerebbe fare un film di gangster anni Trenta, o qualcosa di simile. Potrei anche pensare di fare un altro western”. Poche ma precise parole, quelle rilasciate da Quentin nelle ultime ore, che fanno automaticamente partire un treno di indiscrezioni. Per un Tarantino a tutto tondo, promosso dalla critica Usa per il suo Django e praticamente certo di una nomination agli Oscar. Anche se di trionfo, ovviamente, non se ne parla.

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: