Stasera in tv: “Hinterland” di Stefan Ruzowitzky su Rai 4

Hinterland, su Rai 4 un thriller “espressionista” del regista Stefan Ruzowitzky, premio Oscar per Il falsario – Operazione Bernhard. Il film mette in scena una caccia la serial-killer in una Vienna del 1920, dopo la caduta dell’impero austro-ungarico.

Hinterland – Cast e personaggi

Murathan Muslu: Perg
Liv Lisa Fries: Körner
Max von der Groeben: Severin
Marc Limpach: Renner
Matthias Schweighöfer: Josef Severin
Margarete Tiesel: Concierge
Maximillien Jadin: Hoffmann
Aaron Friesz: Kovacs
Stipe Erceg: Contadino
Timo Wagner:Kra: Gerster
Germain Wagner: G: Starkenberg
Peter Moucka: Steiner
Nilton Martins: Capitano
Eugen Victor: Portiere
Wolfgang Pissecker: guardia carceraria
Markus Schleinzer: Borseggiatore
Konstantin Rommelfangen: Sesta
Lukas Walcher: Heresmaty

Hinterland – Trama e trailer

Vienna, 1920. L’impero austro-ungarico è crollato. Peter Perg torna a casa dalla Grande Guerra, dopo anni di prigionia. Ma la Vienna in cui torna a casa non assomiglia per niente al luogo che conosceva una volta. La nuova Repubblica austriaca prospera sulla libertà sociale e artistica, ma i movimenti antidemocratici e la disoccupazione incombono in alto. Straniero nella sua città natale, la sua vita prende una brutta piega quando uno dei suoi ex compagni viene assassinato. Improvvisamente le misteriose uccisioni di veterani stanno aumentando. Collegato personalmente alle vittime, Perg decide di consegnare l’assassino alla giustizia. Trova un alleato nella fredda dottoressa forense Theresa Körner, con la quale ha una storia più profonda e condivisa. La loro indagine li porta negli angoli più bui della città, mentre affrontano un killer brutale e sistematico e intrighi all’interno delle forze di polizia. Ma quando la rete dell’assassino si chiude intorno allo stesso Perg, affronta il dilemma morale della sua vita.

Note del regista

  • Hinterland parla di mascolinità tossica. Perg e centinaia di migliaia di suoi compagni tornano dalla guerra, l’ultimo luogo in cui l’uomo può mettersi alla prova contro l’uomo. Hanno perso questa guerra, provano vergogna e rabbia, soffrono per il loro “fallimento”. Reagiscono a questo con cieca aggressività – contro gli altri, contro se stessi.
  • In questi tempi nuovi dopo la Grande Guerra, niente sembra giusto e diretto a uomini come Perg, tutto sembra deformato e fuori posto. Abbiamo cercato di rappresentare l’immagine di un mondo essenzialmente distorto per Hinterland una versione digitale del classico del cinema muto Il gabinetto del dottor Caligari, per così dire, in cui abbiamo lavorato con fondali espressionisticamente sghembi.
  • Hinterland è stato girato quasi esclusivamente su schermo blu. Abbiamo cercato di creare un emozionante equilibrio tra questo mondo di uomini duri, rumorosi e brutali e i complessi paesaggi dell’anima dei nostri protagonisti con le loro ferite esistenziali.

[Stefan Ruzowitzky]

Stefan Ruzowitzky – Note biografiche

Murathan Muslu, Liv Lisa Fries & Stefan Ruzowitzky (Photo by Pier Marco Tacca/Getty Images)

Lo sceneggiatore e regista del premio Oscar al miglior film straniero Il falsario – Operazione Bernhard (2007) è nato nel 1961 a Vienna, in Austria. Cresciuto a Düsseldorf, in Germania, ha studiato teatro, media, cinema e storia. Stefan Ruzowitzky ha iniziato la sua carriera dirigendo video musicali per band come The Scorpions, No Mercy e Justin Timberlake (nomination “Best Video”, MTV USA). Uno dei suoi primi lungometraggi, The Inheritors (1998), è diventato un successo ai festival di Telluride, New York Film Festival e Toronto, vincendo più di venti premi internazionali. Anatomy (2000) è diventato il film di genere tedesco con il maggior incasso di sempre. Dopo aver diretto successi come il film per bambini Maga Martina e il libro magico del draghetto (2009) e Cold Hell – Brucerai all’inferno (2017), Ruzowitzky ha iniziato a lavorare negli Stati Uniti, dove ha diretto Legami di sangue – Deadfall (2012) (con Eric Bana, Sissy Spacek, Kris Kristofferson e Charlie Hunnam) e serie co-create come 8 Days (2019) e The Barbarians (2020). Inoltre, Ruzowitzky ha adattato per il cinema Narciso e Boccadoro (2020) di Herman Hesse.

Murathan Muslutefan (Peter Perg) – Note biografiche

MURATHAN MUSLU è un attore austriaco nato nel 1981 a Vienna, in Austria, da genitori turchi. Ha lasciato la scuola all’età di quindici anni, trascorrendo la maggior parte del suo tempo collezionando e guardando film in VHS, che definisce la sua “scuola di recitazione”. Muslu ha debuttato in Papa (2011) diretto da Umut Dag, che ha ricevuto il prestigioso First tedesco Steps Award e ha segnato l’inizio della sua carriera di attore. Nel giro di quattro anni, Muslu ha ottenuto un importante riconoscimento, vincendo i due più importanti premi austriaci per la recitazione per la sua interpretazione in Cracks in Concrete (2014). Da allora, ha recitato in più di 20 ruoli da protagonista in film e programmi TV tedeschi e austriaci, nonché nella miniserie Sky 8 Days (2019) e nella serie Netflix Skylines (2019).

Liv Lisa Fries (Dott.ssa Theresa Körner)  – Note biografiche

LIV LISA FRIES è nata nel 1990 a Berlino. Recita dal 2005 ed è una delle giovani attrici tedesche più famose. Variety l’ha nominata tra i “10 europei da tenere d’occhio” nel 2017. La sua interpretazione di Charlotte Ritter nell’acclamata serie TV Babylon Berlin (2017-2021) ha ricevuto il plauso della critica e del pubblico di tutto il mondo. Fries ha attirato molta attenzione con il film She deserved it (2010) di Thomas Stiller, vincendo la Golden Camera nel 2012 come migliore attrice emergente. Ha interpretato il suo primo ruolo importante sul grande schermo nel 2010 nel pluripremiato film drammatico Stronger than Blood diretto da Oliver Kienle. Sul grande schermo, ha recitato in Heil di Dietrich Brüggemann e Boy 7 di Özgür Yildirim, entrambi nel 2015, e nel ruolo del giovane Lou Andreas Salomé in In Love with Lou – a Philosopher’s Life (2016) di Cordula Kablitz Post. La tragicommedia di Alexander Alaluuka Rocket Perelman (2017) ha visto Fries nei panni della giovane stilista Jen ed è stata presentata in anteprima al Film Festival Max Ophüls Preis. Nel 2021 ha recitato in Confessions of Felix Krull, un adattamento del famoso romanzo di Thomas Mann e nello spy-thriller Monaco – Sull’orlo della guerra, nel 2022 è tornata per la quarta stagione girando la quarta stagione di Babylon Berlin.

Intervista con il regista

Per il tuo film “Hinterland” hai scelto un’epoca interessante – gli anni dopo la fine della prima guerra mondiale – che solleva interrogativi oggi raramente posti: cosa succede quando le ostilità finiscono ma nessuno sa quali leggi sono ancora valide e, peggio ancora, niente è com’era prima? Quali considerazioni ti hanno spinto a concentrarti su questa epoca?

Sono stato coinvolto in un progetto diversi anni fa che era ambientato in questo periodo, ma alla fine non ne è venuto fuori nulla. All’epoca leggevo molta letteratura dei primi anni ’20 e dell’immediato dopoguerra, e mi colpì il fatto che lo shock culturale dopo la prima guerra mondiale fosse molto maggiore che dopo la seconda guerra mondiale, non solo in Austria ma in tutta l’Europa. Dopotutto, la discussione sull’Olocausto è stata un tabù per molto tempo ed è diventata il centro dell’attenzione solo molto più tardi. Dopo la prima guerra mondiale tutto si era sbilanciato. La gente aveva davvero la sensazione che qualcosa fosse finito e qualcosa di completamente nuovo stesse iniziando, a differenza dei docili anni Cinquanta, quando ci fu un tentativo molto maggiore di mantenere la pace e la tranquillità che si erano stabilite con tanto sforzo.

“Hinterland” combina due elementi che dettano la narrazione: il confronto con il periodo storico e il genere horror-thriller con la caccia al serial killer. Tre persone sono elencate come sceneggiatori: Hanno Pinter e Robert Buchschwenter oltre a te. Come si è sviluppata la sceneggiatura?

La prima volta che ho avuto occasione di leggere la sceneggiatura è stato 10 o 12 anni fa. Il Vienna Screenplay Forum aveva un programma in cui i giovani scrittori potevano chiedere a colleghi esperti di discutere le loro sceneggiature. Nel caso di Hanno Pinter ero stato scelto io, e la mia impressione della sceneggiatura era molto contrastante: in alcuni punti pensavo fosse incredibilmente buona, ma in altri era completamente a metà. Hanno ha imparato da solo a scrivere sceneggiature e ha infranto molte regole non scritte, il che ha portato a soluzioni fantastiche e insolite, ma ha anche mostrato in alcuni punti perché le regole non scritte hanno un senso. Allora non avevo tempo per concentrarmi sul materiale. Ma anni dopo la sceneggiatura ricomparve sulla mia scrivania. C’erano stati buoni progressi, ma sentivo ancora che in alcuni punti necessitava di importanti revisioni, e ho anche introdotto alcuni nuovi elementi come la storia d’amore. Hanno chiaramente merito ad Hanno Pinter di aver inventato la storia; le caratteristiche di base – il contesto storico e la motivazione del serial killer – erano lì fin dall’inizio.

La dottoressa Körner, la protagonista femminile, è un’esperta di medicina legale, una professione che altrimenti era riservata agli uomini. Rappresenta non solo l’emancipazione, ma anche il nuovo spirito degli anni ’20. Come vedi la tua protagonista femminile?

La dottoressa Körner è una specie di mentore che dà a Perg una spinta nella nuova direzione. Ed è una persona che vive quel nuovo spirito, che rappresenta anche in virtù della sua storia d’amore con Perg. Per me era molto importante che la moglie di Perg, che pensava fosse morto e si era trasferita in campagna, non fosse messa in opposizione alla dottoressa Körner come sciocca, antiquata e ingenua; invece, doveva sembrare anch’essa una donna forte e intelligente. Non volevo che la loro vita precedente venisse svalutata dalla decisione di Perg di non tornare da lei. L’idea era di chiarire quanto sia ancora importante il suo rapporto con sua moglie, piuttosto che renderla una personificazione del passato.

Come è nata l’idea di creare l’atmosfera storica con gli effetti visivi e le riprese con lo schermo blu?

Quella decisione era strettamente legata a ciò che volevamo dire. Il mondo, la società e la cultura sono cambiate in modo così sostanziale dopo la prima guerra mondiale che le persone che non l’hanno vissuta in prima persona, perché sono tornate a casa anni dopo essere state in un campo di prigionia, hanno sentito che il mondo intero era fuori posto . Quindi aveva semplicemente senso rappresentare questa distorsione anche in termini visivi. Non penso che sia una tecnica cinematografica adatta a ogni tipo di materiale. In questo caso aveva molto senso. Noi stessi abbiamo descritto il progetto come un “Il gabinetto del dottor Caligari digitale”, poiché anche quello era un mondo creato con distorsioni espressioniste. Per quanto riguarda la tecnica in sé, la prima persona a meritarne il merito è Oliver Neumann; ha sviluppato quell’iniziale concept e ha anche prodotto il film. Oleg Prodeus, Digital Art Director, ha creato progetti basati su fotografie storiche e su alcune che ha scattato lui stesso. Siccome avevamo a che fare con mondi impossibili dove le prospettive non erano giuste, abbiamo prima girato con il cast, dando loro ogni libertà in termini di recitazione, e poi abbiamo adattato i mondi distorti alle immagini degli attori che avevamo già filmato.

Hinterland – La colonna sonora

  • Le musiche originali del film sono del compositore Kyan Bayani (Collective, Bad Banks, Le chemin du bonheur).
  • La colonna sonora include il brano del 1863 “La Paloma” di Sebastian Iradier.