Ti mangio il cuore: trama, foto, clip e anticipazioni del film con Elodie e Francesco Patanè

Tutto quello che c’è sapere su “Ti mangio il cuore”, il film di Pippo Mezzapesa, esordio come attrice per al cantante Elodie, al cinema dal 22 settembre.

Dal 22 settembre nei cinema italiani con 01 Distribution Ti mangio il cuore, il nuovo film di Pippo Mezzapesa con protagonisti Elodie, al suo esordio cinematografico, e Francesco Patanè. Liberamente tratto dall’omonimo libro di Carlo Bonini e Giuliano Foschini edito da Giangiacomo Feltrinelli Editore, “Ti mangio il cuore” è un gangster movie e una grande, tragica storia d’amore.

Trama e cast

La trama ufficiale: Puglia. Arso dal sole e dall’odio, il promontorio del Gargano è conteso da criminali che sembrano venire da un tempo remoto governato dalla legge del più forte. Una terra arcaica da far west, in cui il sangue si lava col sangue. A riaccendere un’antica faida tra due famiglie rivali è un amore proibito: quello tra Andrea, riluttante erede dei Malatesta, e Marilena, bellissima moglie del boss dei Camporeale. Una passione fatale che riporta i clan in guerra. Ma Marilena, esiliata dai Camporeale e prigioniera dei Malatesta, contesa e oltraggiata, si opporrà con forza di madre a un destino già scritto.

Nel cast, accanto ai due protagonisti Elodie e Francesco Patanè, anche Michele Placido, Tommaso Ragno, Brenno Placido, Francesco Di Leva, Lidia Vitale, Giovanni Trombetta, Letizia Pia Cartolaro, Giovanni Anzaldo, Gianni Lillo.

Ti mangio il cuore – trailer e video

Curiosità

  • Pippo Mezzapesa ha diretto anche Il bene mio (2018), Pinuccio Lovero. Yes I Can (2014), Il paese delle spose infelici (2011), L’altra metà (2009) e Come a Cassano (2005).
  • La sceneggiatura è firmata da Antonella W. Gaeta, Pippo Mezzapesa e Davide Serino,
  • Il film ha fruito della fotografia di Michele D’Attanasio, del montaggio di Vincenzo Soprano, dellla scenografia di Daniele Frabetti e dei costumi di Ursula Patzak.
  • Le musiche originali del film sono del compositore di Teho Teardo (Il gioiellino, Diaz – Don’t Clean Up This Blood, L’amore rubato, Finché c’è prosecco c’è speranza, il mangiatore di pietre).
  • “Ti mangio il cuore è prodotto da Indigo Film con Rai Cinema in collaborazione con Paramount+,

Chi è Pippo Mezzapesa?

Pippo Mezzapesa (Regia) è nato a Bitonto (Bari) nel 1980. Lido Azzurro (2001), suo primo cortometraggio, è accolto calorosamente dai festival di settore. Nel 2003, con Zinanà, suo secondo cortometraggio, vince il David di Donatello. Tre anni dopo Come a Cassano, suo terzo corto, ottiene una menzione speciale ai Nastri d’Argento. Il suo esordio nel lungometraggio è con la docufiction Pinuccio Lovero – Sogno di una morte di mezza estate, una produzione Vivo film, Makò Show&Tourism e Fanfara Film. Il film è selezionato come Evento Speciale di chiusura nell’ambito della Settimana Internazionale della Critica alla 65 a Mostra del Cinema di Venezia. Nel 2009 il cortometraggio L’Altra Metà, interpretato da Piera Degli Esposti e Cosimo Cinieri, dopo le candidature al David di Donatello e al Globo d’Oro, si aggiudica una menzione speciale per la regia ai Nastri d’Argento. Nel 2011 scrive e dirige il film Il Paese delle Spose Infelici, prodotto da Fandango e in concorso alla 6 a edizione Festival Internazionale del Film di Roma.

Il romanzo originale

Giornalista e scrittore, Carlo Bonini ha collaborato con Il Manifesto e il Corriere della Sera dove si è occupato di cronache giudiziarie, e attualmente lavora come inviato speciale del quotidiano la Repubblica. Ha pubblicato il suo primo libro nel 1998 La toga rossa, a cui ha fatto seguito l’anno successivo Il fiore del male. Bandito a Milano, biografia di Renato Vallanzasca, che ha ispirato il film di M. Placido del 2010. Nel 2006 ha scritto con G. D’Avanzo, con cui ha spesso collaborato, il reportage narrativo Guantánamo, Il mercato della paura e nel 2009 ACAB. All cops are bastards, di cui  Stefano Sollima ha realizzato la trasposizione cinematografica. Nel 2013, insieme a G. De Cataldo, ha pubblicato il noir Suburra, ambientato nella Capitale, dal quale è stato tratto l’omonimo film diretto ancora da Sollima, cui hanno fatto seguito La notte di Roma (con G. De Cataldo, 2015) e il reportage L’isola assassina (2018).

La sinossi ufficiale del romanzo: Da tempo in Italia non esistono più soltanto la mafia siciliana, la camorra e la ‘ndrangheta. C’è una quarta mafia, che oggi è la meno raccontata e conosciuta. Nelle terre che si estendono dal Gargano a San Severo, da Manfredonia fino a Cerignola, comandano le famiglie della Società foggiana e i Montanari del Promontorio. I loro tentacoli sono ormai estesi in un enorme giro d’affari internazionale. La loro violenza è arcaica e bestiale. Dagli anni Settanta a oggi gli omicidi sono stati 360, l’80 per cento dei quali è rimasto irrisolto. Una mattanza che ha fatto decine di morti e ha il suo motore nella cruenta faida decennale tra due famiglie. Quella di Carlo Bonini e Giuliano Foschini è un’inchiesta che, intrecciando atti giudiziari, testimonianze di investigatori, magistrati e vittime di questo inferno, si fa racconto drammatico, popolato da personaggi indelebili.

Il romanzo “Ti mangio il cuore” Carlo Bonini è disponibile su Amazon.

Foto: Sara Sabatino

Ultime notizie su Film Italiani

Tutto su Film Italiani →