“Contact”, quando la fantascienza mirava al cuore