David Lynch, quel perturbante che conquista