Il “Cha, Cha, Cha” di Luca Argentero