Lincoln, Spielberg e la poesia della luce