Martin Scorsese, il lupo di New York