Recuperare “Argo”, il piccolo dovere “morale” dello spettatore