Eli Wallach è morto: addio al “brutto” de Il buono, il brutto, il cattivo

Eli Wallach è morto: il tributo di Cineblog alla sua straordinaria carriera.

Nella New York dov’era nato nel 1915, si è spento all’età di 98 anni Eli Wallach, indimenticabile Tuco de Il buono, il brutto, il cattivo. Una lunghissima carriera iniziata nel 1945 con la prima apparizione a Broadway, e terminata nel 2010 con l’ultima pellicola arrivata sul grande schermo: nonostante i film girati da Wallach siano tantissimi, nell’immaginario collettivo l’attore era rimasto sempre “il brutto” del western di Sergio Leone, al quale lo stesso attore aveva dedicato la sua autobiografia intitolata The Good, the Bad, and Me: In My Anecdotage.

Proprio dal suo libro arrivano numerosi aneddoti legati alle riprese de Il buono, il brutto, il cattivo, anche piuttosto pericolosi per la sua salute. Gli capitò infatti di bere da una bottiglia di acido, sistemata per sbaglio da un membro dello staff, rendendosi immediatamente conto di ciò che stava facendo e riuscendo così a sputare la sostanza prima d’ingerirla. Secondo quanto raccontato, Sergio Leone si scusò per l’accaduto, sostenendo tuttavia che gli incidenti “potevano capitare”. Anche nella famosa scena del treno stava per lasciarci le penne, e quando il regista gli chiese di girarla nuovamente rispose “non lo rifarò mai!”.

Nato da genitori polacchi, Eli Wallach passò la sua gioventù nel quartiere di Brooklyn, per poi approdare come dicevamo a teatro all’età di 30 anni: oltre al ruolo che gli è rimasto appiccicato addosso per tantissimi anni, la sua filmografia ci propone anche parti come Calvera ne I magnifici sette (1960), Guido ne Gli spostati (1961), e Don Altobello ne Il Padrino Parte III, fino alle ultime apparizioni datate 2010 con Wall Street – Il denaro non dorme mai e L’uomo nell’ombra. Era stato anche Mr. Freeze nel Batman televisivo degli anni ’60.

Pur non avendo mai vinto un Oscar per le sue interpretazioni (rifiutò la parte in Da qui all’eternità, con cui lo vinse Frank Sinatra), proprio nel 2011 ha ricevuto il Premio alla Carriera per le sue “doti di camaleonte” in grado di vestire i panni di personaggi diversi tra loro, ai quali ha sempre dato una propria impronta. Eli Wallach lascia sua moglie Anne Jackson, alla quale era legato in matrimonio dal 1948, e i suoi tre figli nati dall’unione: Peter, Roberta e Katherine.

Eli Wallach – Filmografia

– Baby Doll – La bambola viva (Baby Doll), regia di Elia Kazan (1956)
– Crimine silenzioso (The Lineup), regia di Don Siegel (1958)
– I sette ladri (Seven Thieves), regia di Henry Hathaway (1960)
– I magnifici sette (The Magnificent Seven), regia di John Sturges (1960)
– Gli spostati (The Misfits), regia di John Huston (1961)
– Le avventure di un giovane (Hemingway’s Adventures of a Young Man), regia di Martin Ritt (1962)
– La conquista del West (How the West Was Won), regia di John Ford, Henry Hathaway, George Marshall e, non accreditato, Richard Thorpe (1962)
– I vincitori (The Victors), regia di Carl Foreman (1963)
– Act One, regia di Dore Schary (1963)
– Giallo a Creta (The Moon-Spinners), regia di James Neilson (1964)
– Ho sposato 40 milioni di donne (Kisses for My President), regia di Curtis Bernhardt (1964)
– Lord Jim, regia di Richard Brooks (1965)
– Gengis Khan il conquistatore (Genghis Khan), regia di Henry Levin (1965)
– Il papavero è anche un fiore (Poppies Are Also Flower), regia di Terence Young (1966)
– Come rubare un milione di dollari e vivere felici (How to Steal a Million), regia di William Wyler (1966)
– Il buono, il brutto, il cattivo, regia di Sergio Leone (1966)
– The Tiger Makes Out, regia di Arthur Hiller (1967)
– Come salvare un matrimonio e rovinare la propria vita (How to Save a Marriage and Ruin Your Life), regia di Fielder Cook (1968)
– Jim l’irresistibile detective (A Lovely Way to Die), regia di David Lowell Rich (1968)
– I quattro dell’Ave Maria, regia di Giuseppe Colizzi (1968)
– Il cervello (Le Cerveau), regia di Gérard Oury (1969)
– L’oro di Mackenna (MacKenna’s Gold), regia di J. Lee Thompson (1969)
– Le avventure di Gerard (The Adventures of Gerard), regia di Jerzy Skolimowski (1970)
– The Angel Levine, regia di Ján Kadár (1970)
– L’uomo della porta accanto (The People Next Door), regia di David Greene (1970)
– Il falso testimone (Zig Zag), regia di Richard A. Colla (1970)
– Il romanzo di un ladro di cavalli (Romansa konjokradice), regia di Abraham Polonsky (1971)
– Viva la muerte… tua!, regia di Duccio Tessari (1971)
– L’ultima chance di Maurizio Lucidi (1973)
– Un grande amore da 50 dollari (Cinderella Liberty), regia di Mark Rydell (1973)
– Crazy Joe, regia di Carlo Lizzani (1974)
– Il bianco, il giallo, il nero, regia di Sergio Corbucci (1975)
– Attenti al buffone, regia di Alberto Bevilacqua (1976)
– …e tanta paura, regia di Paolo Cavara (1976)
– Indipendence, regia di John Huston (1976)
– Sentinel (The Sentinel), regia di Michael Winner (1977)
– Cattive abitudini (Nasty Habits), regia di Michael Lindsay-Hogg (1977)
– Il principio del domino: la vita in gioco (The Domino Principle), regia di Stanley Kramer (1977)
– Abissi (The Deep), regia di Peter Yates (1977)
– Squadra antimafia, regia di Bruno Corbucci (1978)
– Messaggi da forze sconosciute (Circle of Iron), regia di Richard Moore (1978)
– Girl friends, regia di Claudia Weill (1978)
– Il boxeur e la ballerina (Movie Movie), regia di Stanley Donen (1978)
– Guri, regia di Eduardo Darino (1979)
– Bocca da fuoco (Firepower), regia di Michael Winner (1979)
– Rebus per un assassinio (Winter Kills), regia di William Richert (1979)
– Il cacciatore di taglie (The Hunter), regia di Buzz Kulik (1980)
– La salamandra (The Salamander), regia di Peter Zinner (1981)
– Sam’s Son, regia di Michael Landon (1984)
– Due tipi incorreggibili (Tough Guys), regia di Jeff Kanew (1986)
– Pazza (Nuts), regia di Martin Ritt (1987)
– Il grande inganno (The Two Jackes), regia di Jack Nicholson (1990)
– Il padrino – Parte III (‘The Godfather: Part III), regia di Francis Ford Coppola (1990)
– Articolo 99 (Article 99), regia di Howard Deutch (1992)
– Amanti, primedonne (Mistress), regia di Barry Primus (1992)
– La notte e la città (Night and the City), regia di Irwin Winkler (1992)
– Caro dolce amore, regia di Enrico Coletti (1994)
– Two Much – Uno di troppo (Two Much), regia di Fernando Trueba (1995)
– Larry’s Visit, regia di Carlo Gabriel Nero (1996)
– Funny Money – Come fare i soldi senza lavorare (The Associate), regia di Donald Petrie (1996)
– L’escluso (Uninvited), regia di Carlo Gabriel Nero (1999)
– Tentazioni d’amore (Keeping the Faith), regia di Edward Norton (2000)
– Advice and Dissent, regia di Leib Cohen (2002)
– The Root (2003)
– Mystic River, regia di Clint Eastwood (2003) – cameo
– King of the Corner, regia di Peter Riegert (2004)
– The Easter Egg Adventure, regia di John Michael Williams (2004) – solo voce
– The Moon and the Son: An Imagined Conversation, regia di John Canemaker (2005) – solo voce
– A Taste of Jupiter, regia di Derek Diorio (2005)
– L’imbroglio – The Hoax (The Hoax), regia di Lasse Hallström (2006)
– L’amore non va in vacanza (The Holiday) di Nancy Meyers (2006)
– Mama’s Boy, regia di Tim Hamilton (2007)
– Vote and Die: Liszt for President, regia di Mark Mitchell (2008)
– The Toe Tactic, regia di Emily Hubley (2008)
– New York, I Love You – episodio di Joshua Marston (2009)
– Tickling Leo, regia di Jeremy Davidson (2009)
– L’uomo nell’ombra (The Ghost Writer), regia di Roman Polanski (2010)
– Wall Street: il denaro non dorme mai (Wall Street: Money Never Sleeps), regia di Oliver Stone (2010)

I Video di Cineblog

Ultime notizie su Filmografie

Tutto su Filmografie →