Cena tra Amici: Recensione in Anteprima

Ancora risate; ancora cinema scoppiettante, esportabile e originale; ancora Francia. Incassati oltre 25 milioni di dollari sul suolo nazionale, l'esilarante Cena tra amici arriva finalmente anche nelle sale italiane grazie alla Eagle Pictures. Tratto da una piece teatrale di enorme successo, e diretto dagli stessi autori dell'applaudito spettacolo, Le Prénom, questo il titolo originale, conferma sempre più lo stato quasi paradisiaco che il Cinema d'Oltralpe sta vivendo da 3 anni a questa parte.

Successi strabilianti tanto in casa quanto all'estero (Benvenuti al Sud e Quasi Amici su tutti), incassi impensabili per i nostri confini, e soprattutto una ritrovata qualità che demolisce qualsiasi altra cinematografia di stampo europeo. Con Cena tra Amici la commedia francese tocca vette elevatissime, grazie ad una sceneggiatura che trasuda ritmo, colpi di scena, dialoghi sferzanti e soprattutto risate.

Ambientato quasi interamente in un solo appartamento, come lo splendido Carnage di Roman Polanski, il film di Alexandre de La Patellière e Matthieu Delaporte non lascia scampo allo spettatore, letteralmente bombardato di battute per 109 esilaranti minuti. Se nell'appartamento del regista polacco si scontravano due coppie di perfetti 'sconosciuti', costrette a condividere per ore ed ore pochi metri per colpa dei rissosi figli, con la Cena francese assistiamo ad un'evoluzione dei rapporti famigliari tra parenti ed amici, letteralmente sul piede di guerra per un... banale nome.



Ci troviamo in una confortevole casa in un elegante quartiere di Parigi. C'è una cena in programma, tra amici e parenti. La serata procede tranquilla, tra bicchieri di vino rosso e risate, fino a quando una banale domanda darà l’inizio ad un catena di conseguenze inimmaginabili. Uno dei presenti, Vincent, sarà infatti presto padre. Scoperto il sesso del nascituro, i compagni di cena muoiono dalla voglia di conoscere il nome del bimbo. Che viene svelato. Tra lo stupore e l'incredulità generale, creando uno tsunami di reazioni...

Una domanda. Una ridicola domanda per scoperchiare la Francia di oggi, le differenze politiche che ancora la contraddistinguono, le condizioni sociali, le credenze popolari, e soprattutto il rapporto intimo tra amici, spesso meschino, velato da menzogne, condito da gratuite cattiverie, farcito dall'invidia e mascherata da ridicole ed evidenti smorfie di totale indifferenza.

Travolto i teatri del Paese con oltre 250 repliche da tutto esaurito, Alexandre de La Patellière e Matthieu Delaporte hanno preso la loro scoppiettante piece teatrale per farla diventare cinema, riuscendo magnificamente nell'intento. Confermato quasi in toto il cast teatrale, con Charles Berling unica new entry nel film, Cena tra Amici prende due mondi, quello radical chic, 'taccagno', fastidiosamente intellettuale e bohemien della sinistra transalpina, e quello sfacciatamente ricco, elegante, altezzoso, tendenzialmente ignorante e privo di riferimenti storico-culturali della destra, facendoli scontrare attorno ad un tavolo, per colpa di un banale nome di un neonato.

Qui, in questa goccia che farà traboccare un vero e proprio oceano, sta il colpo di genio dei due autori, riusciti nell'impresa di rendere frizzante, dinamico e quasi travolgente un testo teatrale, in parte riscritto e straordinariamente riadattato per il grande schermo. Grazie ad una regia condita da un montaggio frenetico, che segue quasi ossessivamente le mitragliate di dialoghi che i sei presenti alla cena si scambiano per 100 minuti, e al mirabolante cast, i due registi fanno a fette i cliché politici e sociali dei nostri giorni, dando vita ad un vero e proprio gioiello di comicità contemporanea.

Tutto nasce, o forse dovremmo dire 'esplode', per colpa di Patrick Bruel, ricco, egocentrico elettore di Nicolas Sarkozy, che accende la miccia della serata svelando ai presenti (fidanzata esclusa perché ritardataria) il nome del bebè in arrivo. Charles Berling, suo migliore amico, professore alla Sorbona, saggista, storico ed orgogliosamente di sinistra, esplode dinanzi alla clamorosa scelta del futuro padre, dando il via ad una serata indimenticabile. Perché la cascata di reazioni travolgerà la deliziosa Valérie Benguigui, professoressa, moglie di Charles e 'succube' del marito, tanto dall'essere l'unica a dover subire l'onta del 'soprannome' a tavola; il riservato, timido musicista ed effeminato Guillaume De Tonquedec, che riserverà segreti inconfessabili; ed ovviamente lei, Judith El Zein, fidanzata di Patrick e madre del nascituro, elegante e delicata fuori, ma fumantina e irruenta dentro. In disparte, ma tutt'altro che assente 'giustificata', Guillaume De Tonquedec, mamma di Valérie e Patrick.

Conditi i tanti ed ottimi ingredienti a disposizione, Alexandre de La Patellière e Matthieu Delaporte tirano fuori dal forno un film gustoso e friabile, altamente digeribile e dall'aspetto prelibato, servendo al divertito e travolto spettatore un bocconcino di rara bellezza. Che vi farà uscire dalla sala con la pancia dolorante, a causa delle troppe risate.

Voto di Federico: 7,5

Cena tra Amici (Le Prénom, Francia, commedia, 2012) di Alexandre de La Patellière, Matthieu Delaporte; con Patrick Bruel, Valérie Benguigui, Françoise Fabian, Charles Berling, Guillaume De Tonquedec, Judith El Zein, Miren Pradier, Yaniss Lespert, Alexis Leprise, Juliette Levant, Bernard Murat - uscita venerdì 6 luglio 2012 - qui il trailer italiano

  • shares
  • Mail