Blade Runner 2: Ridley Scott racconta la scena di apertura

Denis Villeneuve e Ridley Scott parlano del sequel “Blade Runner 2”

Ridley Scott racconta la sequenza di apertura di “Blade Runner 2″ che sarà un omaggio all’apertura originale del suo cult.

[blogo-video id=”663874″ title=”Blade Runner – Vangelis / End Titles Theme ( Music Video ) 1982″ content=”” provider=”youtube” image_url=”https://i.ytimg.com/vi/XWBNAS3A9eE/maxresdefault.jpg” thumb_maxres=”1″ url=”https://www.youtube.com/watch?v=XWBNAS3A9eE” embed=”PGRpdiBpZD0nbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fNjYzODc0JyBjbGFzcz0nbXAtdmlkZW9fY29udGVudCc+PGlmcmFtZSBjbGFzcz0nbXBfdmlkZW9fdGhlbWUgaWZyYW1lX19tcF92aWRlb190aGVtZScgc3JjPSJodHRwczovL2NpbmVibG9nLmFkbWluLmJsb2dvLml0L3ZwLzY2Mzg3NC8iIGFsbG93ZnVsbHNjcmVlbj0idHJ1ZSIgd2Via2l0YWxsb3dmdWxsc2NyZWVuPSJ0cnVlIiBtb3phbGxvd2Z1bGxzY3JlZW49InRydWUiIGZyYW1lc3BhY2luZz0nMCcgc2Nyb2xsaW5nPSdubycgYm9yZGVyPScwJyBmcmFtZWJvcmRlcj0nMCcgdnNwYWNlPScwJyBoc3BhY2U9JzAnPjwvaWZyYW1lPjxzdHlsZT4jbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fNjYzODc0e3Bvc2l0aW9uOiByZWxhdGl2ZTtwYWRkaW5nLWJvdHRvbTogNTYuMjUlO2hlaWdodDogMCAhaW1wb3J0YW50O292ZXJmbG93OiBoaWRkZW47d2lkdGg6IDEwMCUgIWltcG9ydGFudDt9ICNtcC12aWRlb19jb250ZW50X182NjM4NzQgLmJyaWQsICNtcC12aWRlb19jb250ZW50X182NjM4NzQgaWZyYW1lIHtwb3NpdGlvbjogYWJzb2x1dGUgIWltcG9ydGFudDt0b3A6IDAgIWltcG9ydGFudDsgbGVmdDogMCAhaW1wb3J0YW50O3dpZHRoOiAxMDAlICFpbXBvcnRhbnQ7aGVpZ2h0OiAxMDAlICFpbXBvcnRhbnQ7fTwvc3R5bGU+PC9kaXY+”]

 

Ridley Scott in veste di ospite dell’AFI Fest di Los Angeles ha colto l’occasione per rivelare la scena di apertura di Blade Runner 2.

[quote layout=”big”]Abbiamo deciso di iniziare il film con un omaggio all’apertura del film originale. Abbiamo sempre amato l’idea di un universo distopico e iniziamo con quella che io descrivo come una fattoria e quello che sarebbe un terreno pianeggiante coltivato. Wyoming. C’è una visuale aperta per 20 miglia senza recinzioni, appena arato, sporco e arido. Girandosi si vede un albero enorme e morto, ma l’albero è sostenuto e mantenuto in vita da fili che tengono l’albero in piedi. E’ un po’ come in Furore, c’è la polvere e l’albero è ancora in piedi. Oltre questo albero si scorge una tradizionale casetta bianca con un portico. Dietro ad una distanza di due miglia nel crepuscolo si vede questa massiccia mietitrebbia intenta a concimare questo terreno. Ha 16 grosse luci sulla parte anteriore e questo mietitrebbia è quattro volte più grande della casa. A questo punto uno spinner [una macchina volante] arriva volando e alzando polvere. Naturalmente c’è un cane che abbaia, le porte si aprono ed esce un uomo, è Rick Deckard. Cammina verso la casa, apre la porta e si ferma ad annusare il profumo di stufato, si siede e attende il tipo che abita nella casa. L’uomo lo ha visto, così porta il mietitrebbia dietro la casa che torreggia tre piani sopra di essa e scende da una scala, è un uomo massiccio. Sale sul balcone e poi raggiunge Harrison (Ford). La casa scricchiola sotto il peso di questo tipo che deve pesare almeno 150kg. Non ho intenzione di dire altro, si dovrà andare a vedere il film.[/quote]

 

Blade Runner 2 avrà anche il supporto dell’iconico direttore della fotografia Roger Deakins.. Il progetto non ha ancora una data di uscita al momento, ma è molto probabile che arrivi nei cinema nel 2017 che coinciderebbe con il 35° anniversario dell’uscita del film originale.

 

Fonti: Collider / Movieweb

Ultime notizie su Sequel

Tutto su Sequel →