Kubo e la spada magica: colonna sonora del film d'animazione Laika

Kubo e la spada magica debutta nei cinema italiani e Blogo vi propone la colonna sonora del nuovo film d'animazione Laika.

 

Debutta oggi 3 novembre nei cinema italiani Kubo e la spada magica, il nuovo film d'animazione Laika che ci porta in un Giappone antico e magico in cui seguiamo le avventure di Kubo, un giovane ragazzo di strada intelligente e dall’animo gentile che si guadagna da vivere affascinando gli abitanti di un piccolo villaggio di pescatori con il suo magico dono di narrare storie con l'ausilio di origami animati. Kubo è costretto alla fuga quando evoca per errore uno spirito in cerca di vendetta. Kubo si troverà così coinvolto in un’eccitante impresa per risolvere il mistero della morte di suo padre, il più grande guerriero samurai che il mondo abbia mai conosciuto.

Le musiche originali del film sono state affidate al compositore premio Oscar e pianista italiano Dario Marianelli che torna a collaborare con Laika dopo aver usicato Boxtrolls - Le scatole magiche.

Marianelli nel processo di composizione segue sempre la medesima regola ed è questa la ragione per cui compone parti della sua partitura in anticipo, durante le riprese.

È iniziata 11 anni fa, con Orgoglio & Pregiudizio; la maggior parte della partitura è venuta fuori da piccoli pezzi per pianoforte che ho dovuto scrivere con largo anticipo per gli attori perché dovevano recitarli sullo schermo. In questo film, ci sono molti luoghi in cui puoi vedere Kubo suonare ed è stato necessario scrivere queste parti con molto anticipo perché l’animatore doveva animarlo e, per poter muovere le mani del pupazzo, aveva bisogno del giusto ritmo. Quando proponi dei pezzi, debbono essere qualcosa di cui sei abbastanza sicuro in modo che possa diventare in seguito uno dei temi principali del film. Ciò nonostante, anche se ho letto lo script e comprendo la storia, non conosco appieno, in anticipo, il completo viaggio emozionale che la musica intraprenderà. Si spera che quel piccolo tema sia capace di espandersi ed andare in risonanza emotiva. In ogni nuova versione del film che vedo, ci sono sempre più scene che sono già state animate. C’è una fluidità che rende il film in sé molto musicale e ciò mi ispira.

Dopo il suo lavoro sul film LAIKA Boxtrolls – Le scatole magiche, Marianelli è stato persuaso a "salire nuovamente in scena" per lo studio, vista l’ambientazione giapponese di Kubo e la spada magica.

Pensateci: un compositore italiano che vive a Londra e lavora con degli americani dell’Oregon per creare della musica autenticamente giapponese! Ho visualizzato questa storia come simile alla leggenda di Orfeo. Il nostro eroe Kubo può fare magie con la musica, sia che si tratti di dare vita a personaggi fatti di origami, proteggere delle persone o creare un’intera nave da fogli di carta. Ma con la sua storia familiare, è dovuto maturare in anticipo rispetto alla sua età. si può essere un po’ esagerati con la partitura, in un film di animazione. Posso espormi, rischiare un po’ di più. Le tonalità giapponesi e le influenze modali mi hanno guidato dolcemente. Il mio momento musicale preferito del film è quando il trio appena formatosi, Kubo, Scimmia e Scarabeo, parte per andare a cercare la fortezza dello scomparso padre di Kubo, Hanzo. Improvvisamente, si trovano di fonte ad un bellissimo ed enorme panorama e la musica può, finalmente, levarsi in volo con gioia per la prima volta nell’intero film. È un momento di pura felicità per Kubo; il mondo, semplicemente, gli si spalanca di fronte e prende il via ciò che potrei definire “Il tema di Kubo".

Riflettendo i momenti più intensi che i personaggi vivono all’interno della storia, Marianelli ha anche composto un tema ricorrente per quando vediamo gli antenati di Kubo. La tradizione giapponese delle lanterne sull’acqua per rappresentare gli antenati è così poetica.

Lo udiamo di nuovo durante una scena nella quale Kubo giunge in un luogo dove suo padre era solito trovarsi, nel quale sperimenta così tante emozioni. In un solo brano, riporto tutti i temi dell’intera partitura, facendoli scivolare l’uno all’interno dell’altro. Mi emoziono sempre quando vedo la scena e gli occhi di Kubo.

La colonna sonora oltre alla partitura strumentale di Marianelli include anche la canzone "While My Guitar Gently Weeps", una cover del brano dei Beatles interpretata da Regina Spektor accopagnata da Kevin Kmetz con uno Shamisen, uno strumento musicale giapponese a tre corde, della famiglia dei liuti, utilizzato per l'accompagnamento durante le rappresentazioni del teatro Kabuki e Bunraku.

 

kubo-e-la-spada-magica-colonna-sonora-del-film-danimazione-laika-1.jpgTRACK LISTINGS

1. The Impossible Waves - Dario Marianelli
2. Kubo Goes to Town - Dario Marianelli
3. Story Time - Dario Marianelli
4. Ancestors - Dario Marianelli
5. Meet the Sisters! - Dario Marianelli
6. Origami Birds - Dario Marianelli
7. The Giant Skeleton - Dario Marianelli
8. The Leafy Galleon - Dario Marianelli
9. Above and Below - Dario Marianelli
10. The Galleon Restored - Dario Marianelli
11. Monkey's Story - Dario Marianelli
12. Hanzo's Fortress - Dario Marianelli
13. United-Divided - Dario Marianelli
14. Showdown with Grandfather - Dario Marianelli
15. Rebirth - Dario Marianelli
16. While My Guitar Gently Weeps - Regina Spektor

 

 

kubo-e-la-spada-magica-colonna-sonora-del-film-danimazione-laika-2.jpg

 

  • shares
  • Mail