Bernardo Bertolucci attacca Ridley Scott sul caso Kevin Spacey: ‘si dovrebbe vergognare’

Bernardo Bertolucci dice la sua sul caso Ridley Scott-Kevin Spacey.

Bernardo Bertolucci show al Film Festival di Bari, che ha deciso di omaggiare il 77enne regista con la proiezione della versione restaurata di “Ultimo tango a Parigi”. Premio Oscar con L’ultimo Imperatore, Bertolucci ha ricevuto un’autentica ovazione dal pubblico presente, affrontando con coraggio un argomento nei mesi passati a lungo dibattuto.

Il ‘caso Kevin Spacey‘, stella di Hollywood travolta dallo scandalo molestie che l’ha visto di fatto sparire dalle scene. Netflix l’ha licenziato dal ‘suo’ House of Cards e ha cestinato quel Gore ormai pronto ad uscire, mentre Ridley Scott ha optato per l’incredibile decisione di tagliarlo da ‘Tutti i soldi del mondo’, già montato e pronto allo sbarco in sala, sostituendolo con Christopher Plummer.

Una decisione che a Bertolucci proprio non è andata giù.

[quote layout=”big”]”Ho provato vergogna per Scott: malgrado il grosso potere contrattuale che ha con Hollywood, ha scelto di sottostare all’imposizione razzista su Spacey. La mia prima reazione è stata mandare un sms a Pietro Scalia, il suo montatore storico, per fagli dire a Scott che si doveva vergognare. E poi mi è venuta subito voglia di fare un film con Spacey”.[/quote]

Un’uscita, quest’ultima, che qualunque cinefilo non potrebbe che accogliere alzando i calici al cielo. Negli ultimi 20 anni, infatti, il nostro Bernardo ha diretto solo tre pellicole. Io e Te l’ultima, nel 2006.

Fonte: LaRepubblica