Irina Palm – Il talento di una donna inglese: recensione

Irina Palm – Il talento di una donna inglese (Irina Palm, Belgio / Lussemburgo / Gran Bretagna / Germania / Francia, 2007) di Sam Garbarski; con Marianne Faithfull, Miki Manojlovic, Kevin Bishop, Slobhán Hewlett, Dorke Gryllus, Jenny Agutter. E’ un film strano questo Irina Palm, prima in competizione a Berlino 57, dove è stato molto

Irina Palm – Il talento di una donna inglese (Irina Palm, Belgio / Lussemburgo / Gran Bretagna / Germania / Francia, 2007) di Sam Garbarski; con Marianne Faithfull, Miki Manojlovic, Kevin Bishop, Slobhán Hewlett, Dorke Gryllus, Jenny Agutter.

E’ un film strano questo Irina Palm, prima in competizione a Berlino 57, dove è stato molto elogiato, e poi ben accolto all’anteprima italiana a Torino 25, presentato nei primi giorni di festival. E’ strano perché viaggia sempre su due registri senza grosse impennate, un po’ commedia, un po’ dramma. Ma è garbato e godibile quanto basta per farselo piacere.

Secondo lungometraggio del tedesco Sam Garbarski, il film riesce ad affrontare un argomento scabroso e drammatico con leggerezza, senza per questo rinunciare alla sua bella dose di riflessioni. E’ innanzitutto un film che sa prendersi i suoi tempi (forse a volte anche un po’ troppo), che non cerca la battuta facile quando non ce n’è bisogno, e anzi lascia in campo la sua protagonista spesso da sola, a muoversi smarrita per le strade di Soho, a sbarrare gli occhi incredula di fronte alle situazioni più assurde (la donna pensa che il mestiere di hostess in questo caso sia quello di semplice cameriera, mentre in realtà deve lavorare di mano su uomini sconosciuti).

Maggie, da tranquilla e pacata signora londinese, si ritrova a sacrificarsi segretamente e a diventare Irina Palm di punto in bianco: le sue mani, morbide e insuperabili, sono il massimo per gli uomini. E’ un compromesso a cui non si può e non si deve resistere: guadagnare al giorno un sacco di sterline, masturbando da un buco sulla parete gli uomini, per poter pagare il viaggio a Sydney al nipotino gravemente malato.

Eccolo, il dramma: ma la lacrima facile non c’è, il melenso non è di casa, e siamo per questo grati a Garbarski. Che sa lavorare su piccole cose, soprattutto giustamente la psicologia di Maggie e le sue reazioni di fronte ad una situazione nuova, anomala e paradossale: basti notare la scena in cui la donna porta al lavoro alcuni quadri di casa sua.

Sottolineato da una colonna sonora monotematica, una scelta pericolosa ma comprensibile al fine di una narrazione che non abbia mai furiose impennate, Irina Palm (sottotitolo stonato: Il talento di una donna inglese) è un bel film che avrà anche i suoi difetti, ma come tutti gli oggetti strani, non proprio ben identificabili ha di sicuro qualcosa d’intrigante. E se questo non basta, forse c’è l’interpretazione di Marianne Faithfull che regala un’interpretazione mai sopra le righe e ben dosata.

Voto Gabriele: 7

Ultime notizie su Film Europei

Tutto su Film Europei →