Glass: M. Night Shyamalan svela una connessione tra "Split" e "Unbreakable"

M. Night Shyamalan svela una connessione tra "Split" e "Unbreakable" che ritroveremo nell'imminente "Glass".

Il prossimo 17 gennaio gli universi di Unbreakable e Split, che fino a poco tempo fa pensavamo avulsi l'uno dall'altro, s'intersecheranno quando Glass arriverà nei cinema, ma ora scopriamo che quei mondi sono quasi entrati in collisione 20 anni or sono. Il regista M. Night Shyamalan ha rivelato in una recente intervista che il villan di Split doveva apparire in Unbreakable.

M. Night Shyamalan impegnato nel promuovere alla stampa Glass, crossover che porterà ad un incontro / scontro tra Elijah Price (Samuel L. Jackson), David Dunn (Bruce Willis) e "La Bestia" (James McAvoy), ha spiegato che "La Bestia" alias Kevin Wendell Crumb alias "L'Orda", ha quasi incontrato David in Unbreakable durante la famosa scena della stazione ferroviaria.

Originariamente Unbreakable e Split erano una cosa sola, David e l'Orda si incontrano alla stazione ferroviaria e David lo segue. A quel punto è però sorta una questione a livello narrativo. Ogni volta che si alza la posta in gioco, non è possibile tornare indietro. Come quando le ragazze vengono rapite, c'è un orologio che ticchetta e che non tiene conto dello sviluppo del personaggio che volevo fare in Unbreakable con David, sua moglie e suo figlio.

 

In definitiva Unbreakable è un film su David Dunn che scopre di avere alcune abilità molto speciali, e l'inserimento di un antagonista tanto complesso avrebbe creato senza dubbio qualche problema in quella che può definirsi una vera e propria storia di origine.

Nonostante l'idea di un potenziale inserimento de "L'Orda" nell'originale Unbreakable possa apparire intrigante, il film originale resta qualcosa di così unico proprio per la sua evoluzione e la presenza di un antagonista che non si rivela tale fino alla fine del film, innescando uno di quei colpi di scena cha sono diventati una sorta di firma per Shyamalan e che hanno contraddistinto i suoi lavori migliori a partire da Il sesto senso.

Split è stato accolto molto bene dalla critica e con 278 milioni di dollari incassati in tutto il mondo ha avuto un enorme successo al box-office, considerando anche un budget investito di appena 9 milioni. Shyamalan con Glass sta rischiando grosso, il suo voler creare tante aspettative ripescando uno dei classici del suo periodo d'oro potrebbe risultare un'arma a doppio taglio vista la volubilità di critica e spettatori. A questo proposito al momento della stesura di questo articolo, Glass ha ottenuto un punteggio di approvazione del 38% su Rotten Tomatoes, con 26 recensioni registrate. Un numero destinato a lievitare nei prossimi giorni, ma che rende l'idea delle enormi aspettative create da Split a cui si è aggiunta la promessa di Glass di porre le basi di una mitologia supereroistica. Aspettative troppo alte che potrebbero portare alcuni a sottostimare Glass o chissà, forse, a rendersi conto di avere in realtà sovrastimato Split; ci riferiamo alla possibilità ad un'ipotetica capacità del film di narrare la storia di origine di un super-villain invece di prendere Split per quello che in realtà è, un ottimo thriller a sé stante.

 

 

Fonte: Vulture

 

 

 

  • shares
  • Mail